agosto

agosto
agosto

martedì 12 marzo 2013

"Ridi che ti passa...", non è solo un proverbio o saggezza popolare, è una vera e propria tesi scientifica!








"No... non si può! Proprio a me... dire che devo sorridere di più!.. Meglio non pensarci, va..."
Era entrata nella stanza con una faccia... una faccia che la diceva lunga, e alla mia domanda perchè non era sorridente come al solito, aveva risposto così. Un vero affronto per una delle infermiere più sorridenti, forse proprio la più sorridente, e grande deve essere stata la Sua delusione stamattina essere oggetto di un rimprovero che non meritava affatto. Ma si sa, il paziente ha sempre ragione, più che mai quando è all'inizio di un percorso non facile e se non lo capiscono Loro, gli "Angeli bianchi"... Chi, sennò?
Così, dopo un po' il "Nostro Angelo" ha preso una caramella e non c'ha pensato più, anzi quando è andata via ha lasciato un"sorriso" moltiplicato per tre... un paziente, una paziente e me. Tesoro di ragazza! L'unica che non mi ha mai "sgridato" quando mi aggiravo da "clandestina". Perchè Lei sapeva quanto bene fa, regalare e ricevere un sorriso che poi magari può diventare anche una "sonora risata"... che male c'è? Verrebbe di rispondere così a quel signore in attesa della visita che aveva ripreso un altro che scambiava battute col vicino, ridendo pure di gusto. Che male c'è, gli direi... se non si ride qui per allentare la tensione e non pensare, dove si dovrebbe? Ad uno spettacolo comico spesso si ride quando invece si dovrebbe piangere... eppure lo si fa per non passare da incompetenti o poco intelligenti... si fa, fingendo... ci si adegua e poi si dimentica. Qui... no, è tutto autentico ed anche la risata ci sta bene, nasce come sfogo e non solo, è la reazione spontanea ad un qualcosa che è a pieno compreso... perchè l'animo e la mente si abbandonano ad una "naturale semplicità". E intanto... sorridendo o ridendo si comincia anche a fare "terapia"... ci si predispone al meglio perchè i farmaci facciano il loro dovere e il tempo passi più in fretta.
E per andare più nello specifico, in campo scientifico... uno studio recente mostra che ridere ha un effetto sul sistema cardiocircolatorio comparabile a un allenamento fisico regolare. Tramite controlli ecografici è stato dimostrato che quando si ride il calibro dei vasi sanguigni aumenta del 20% e l'apporto del sangue è migliore.
Già... sarà mica per questo che si dice... il riso fa buon sangue?!

2 commenti:

  1. Pensi che informarsi sulle malattie fa andare via l'ansia? a me la fa venire.... (post precedente)
    L'ottimismo, i pensieri positivi, le risate.... fanno molto bene. Ho letto che pensare positivo guarisce molti malanni e le terapie fanno più effetto. Intanto aspetto la primavera.... Ti abbraccio e ti auguro una serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari, cara Ale farla andare via proprio no, comunque la ridimensiona perchè fa vedere la cosa per quella che è senza esagerazioni nè drammi.
      Tutto può essere affrontato, superato e soprattutto passa, anche la cosa più brutta. Perciò se conosci il nemico da affrontare hai più possibilità di sconfiggerlo o per lo meno di combatterlo con meno timore.
      Un abbraccio forte...
      Mary

      Elimina