ottobre

ottobre
ottobre

martedì 4 ottobre 2011

... e furono anni bellissimi nonostante le ansie e la paura. Era nato anche un bambino e la loro felicità alla fine fu completa...
La "fiaba" potrebbe terminare qui, se l'autore fosse Andersen o i fratelli Grimm... ma nella realtà entra la Vita e... la Vita troppo spesso "si diverte" a mutare il corso delle "trame".
Così... passò del tempo... il bimbo era ancora piccino... una sera la sua mamma andò a letto e si sentiva tanto, ma tanto stanca... s'addormentò. Il suo sonno diventò così profondo che nè il grande amore del suo compagno nè quello tenero del piccolino riuscirono a svegliarla. Da allora mai più...
Sono passati undici lunghi anni... Per tutto questo tempo il giovane uomo ha voluto restare da solo, lo vuole ancora... nessun'altra regge il confronto. Compensa quell'amore che gli è venuto meno troppo presto dedicando tutto se stesso al figlio. E' caduto in depressione... persino non lavora più, ma per suo figlio c'è sempre... e per questo figlio esiste solo il suo papà... L'uno per l'altro...
Non era da molto che la mamma era andata via... di lui s'occupava quando il papà era assente, una ragazza che lo accudiva con tanta cura ed affetto. Quando andava a nanna... si stendeva sul letto accanto a lui finchè non fosse addormentato del tutto. Poi... una volta... come aveva raccontato la ragazza stessa... ebbe la sensazione che "qualcuno" la tirasse giù dal letto... ma con tanta energia che in seguito preferì non farlo più... era rimasta come bloccata nella volontà. Piano piano uscì definitivamente dalla vita di padre e figlio...
Non so se si può parlare di "morale" vera e propria... io l'ho intesa così...
Un grande Amore quando è tale vince ogni sfida, non ultima quella con la Morte... sopravvive ad essa... continua... e più forte di qualsiasi logica diventa inspiegabilmente "esclusivo". Forse non è un bene per nessuno ma... è così.
Ieri quando ho cominciato questo mio racconto mai avrei potuto immaginare cosa sarebbe successo di lì a poche ore. Stanotte è venuta a mancare Anna... staccato... Lisa, una ragazza di 33 anni malata terminale di tumore, che nonostante la sua condizione, nemmeno due mesi fa s'era sposata con "Qualcuno", come lei chiamava nel suo blog Andrea, grande amore. Il matrimonio era stato celebrato nella chiesa dell'ospedale per le cure palliative di Livorno... tutto era stato organizzato nel giro di tre giorni, e Anna Lisa aveva avuto tutto... abito bianco, fiori, musica e torta... anche la Luna di miele e le lenzuola di raso... Era raggiante.
Non molto tempo fa ho visto il video della cerimonia... Anna Lisa sempre sorridente... Andrea che non le staccava gli occhi di dosso, "teneramente" innamorato.
Anche questa è una fiaba... con tanto di principe e Regina... perchè altro non è ora quella dolcissima ragazza... troppo presto volata lassù... nel Regno dei Cieli.

14 commenti:

  1. Anche se ci sarebbe piaciuto un altro "finale", trovo che sia una bella "fiaba".

    Credo che in realtà, chi ci lascia per andare ad assolvere "altri compiti", resti invece con noi sempre, nei nostri cuori e nelle nostre vite attraverso l'arricchimento che ha apportato alla nostra "crescita".
    Perchè anche se molto spesso, non ne siamo completamente consapevoli, chiunque attraversi la nostra esistenza, anche solo per un breve attimo, lo fa per inserire un importante "tassello".

    Un felice giorno a Te cara amica e un abbraccio forte :)
    Namastè

    RispondiElimina
  2. Grazie cara mary anche con le lacrime agli occhi.
    Sono favole di vita vere ed emozionanti.
    Uniti per sempre .....il loro Amore è stato così grande che continua oltre la vita stessa.
    Anna Lisa era una ragazza dolcissima con un grande coraggio e una grande voglia di vvere.
    Ora è nella pace e nella gioia eterna e da la vegliarà sul suo Amore.
    A te dolce amica un bacio con un sorriso
    Pinuccia

    RispondiElimina
  3. Queste cose, queste persone, queste anime, anche se in momenti molto dolorosi fanno apprezzare il senso della vita, la'more quello con "A" maiuscola che non si arrende mai.

    Resta il sorriso di Anna Lisa..resta nei cuori di chi ha amato e che lei ha amato.
    Siamo figli del dolore, e se non cresciamo con esso non viviamo ma vegetiamo.
    Con una lacrima e un sorriso...

    Costy

    RispondiElimina
  4. Non riesco a scrivere...non riesco a dire nulla...perché mi sembra che la Vita sia ingiusta...anche se molto, molto BELLA...

    RispondiElimina
  5. Cara e dolce Mary, mi aspettavo un finale triste, purtroppo la Vita è questa... Posso anche sorridere, ma non "cambio" il destino.
    Ieri mi ha contattato una ragazza, che ha appena perso la mamma, voleva notizie di Serena... Cosa dirle... Che in cielo abbiamo sempre più Angeli che ci proteggono.
    Ti stringo forte a me dolce amica.

    RispondiElimina
  6. Anime che s'incontrano seppur per breve tempo..e che sanno vivere quel poco che gli è concesso in modo totalizzante...facendo crescere quell'Amore che tutto sconfigge, pure la morte...come hai raccontato Tu delle anime dell'inizio scritto...da queste storie/Vissuti imparare che la Vita è prezioso dono e quindi "meritevole d'essere Vissuta"...grazie Mary, Amica Cara...seppur rigato la lacrime il mio viso ha accennato un sorriso per queste due splendide storie d'Amore..serene ore..
    dandelìon

    RispondiElimina
  7. Certo...Rosa... NON SI MUORE MAI DEL TUTTO se si lascia il segno del Nostro passaggio... l'aver vissuto l'esistenza nella sua pienezza... partecipando a quel tutt'uno Cui apparteniamo... TUTTI, da sempre e per sempre.
    Un carissimo abbraccio, mia cara.
    Mary

    RispondiElimina
  8. Queste due storie d'amore, anche senza lieto fine, confortano...
    L'Amore... quello vero... resta sempre un punto fermo... una CERTEZZA. Non muore mai... non può morire perchè è tutt'uno con l'essere... scambievolmente con Chi dona e Chi riceve. SOPRAVVIVE... e non da solo.
    Un bacio con un sorriso...
    Mary

    RispondiElimina
  9. Costy cara... immagino il dolore simile al deserto... L'anima diventa vuota e sterile... simile al deserto. Ma a volte anche in quella distesa sconfinata ed arida può nascere un fiore... bellissimo... ancor di più perchè UNICO.
    Facciamo sì che dal dolore, pur tra le lacrime spunti un sorriso che faccia largo alla speranza... Così cresciamo...
    Con tanto tanto affetto,
    Mary

    RispondiElimina
  10. Tesoro caro... Maria... è proprio dei giovani vedere Tutto bianco o Tutto nero...
    Per Te la Vita pur essendo ingiusta è Bella... Verissimo... io aggiungo ... la Vita è ANCOR PIU'BELLA perchè attraverso il suo essere ingiusta ci permette di apprezzarla al di là delle controversie, dei dispiaceri... della SOFFERENZA...
    Il Nero che col Bianco si fonde in un Grigio... non fosco, ma che illuminato dalla Luce... assume sfumature madreperlate. Un colore tutto nuovo... rasserenante.
    Ti abbraccio forte,
    Mary

    RispondiElimina
  11. Carissima Ale... è vero... con il SORRISO non si cambia il destino... ma lo si "asseconda" con dignità e senza disperazione.
    Pensaci bene... le lacrime, l'uggia fanno stare meglio quando c'è un problema, oppure addirittura lo risolvono? Tutt'altro... Ti senti a poco a poco morire dentro... ti crei il vuoto intorno e in te... ed è il deserto. E resta tale... arido... se non dai modo che possa nascere almeno uno stelo d'erba... un tentativo per tornare alla Vita.
    SORRIDI, mia cara... NE VALE SEMPRE LA PENA!
    Un bacio carico d'affetto... solo per Te... mia amica del Cuore,
    Mary

    RispondiElimina
  12. Carissima amica... "La Vita è sempre meritevole di essere vissuta" proprio perchè è un dono.
    Chi si sognerebbe di rifiutare una così grande ricchezza? Solo Chi non ha capito a pieno il suo valore, nè vuole capirlo.
    Un dono così va accettato... apprezzato... investito... perchè porti frutto e non vada disperso. E non si morirà mai.
    Con il mio abbraccio Ti raggiunga un raggio di quella Luna, foriera di riposo che lenisce ogni affanno.
    Mary

    RispondiElimina
  13. ... ma ci lascia l'immensa ricchezza del loro ricordo... inestinguibile!
    Un abbraccio grande, Annamaria.
    Mary

    RispondiElimina