agosto

agosto
agosto

giovedì 6 ottobre 2011

Per fortuna che questa giornata è finita benissimo... molto meglio di come era iniziata.
Non è che sia successo chissà che, il problema è che da un po' mi sono caricata non proprio positivamente, e questo per svariati motivi... ho un mal di testa ballerino che va e viene da tre giorni e... tanto per non farmi mancare niente... mi sembra di aver perso controllo e memoria di ciò che ho fatto finora.
Stamattina ho cucinato lenticchie... così senza passione, e della mia ricetta originaria sono rimaste... e meno male...solo le lenticchie... Attenzione, quindi... zero. Le ho assaggiate, comunque non erano male... il condimento  e gli aromi li avrei aggiunti dopo... a crudo... Ricetta dietetica, e... un'altra "toppa" era messa. Ah... quanto ho imparato a "rattoppare" in questo periodo! Spero solo che a forza di mettere pezze a lungo andare la trama non si logori... e si crei un "buco" irreparabile.
Sono stata così brava a "confezionarmi" un vestito "tutto toppe", anche colorate... più bello e vivace del costume di Arlecchino... non vorrei che incappasse ancora in qualche altro spigolo... si strappasse. Tanto lavoro sprecato.
Eppure non pensavo che fosse quello adatto a me... presto sarebbe apparso per quello che in realtà era... una maschera, un travestimento. D'altra parte non potevo andarmene in giro "nuda", col mio "dolore" in vista... non avevo scelta, mi sono adattata riconoscendo alla fine che quel "vestito" mi stava proprio bene e non ho voluto altri più.
La rabbia che avevo non è scomparsa... si è evoluta, mitigata sotto quelle pezze variopinte, con i sorrisi e l'ironia nascondo la sofferenza quando affiora...ma dietro quella maschera di Arlecchino ogni tanto compare ancora qualche lacrima... celata agli altri volutamente. Molti dall'alto della loro prosopopea potrebbero mai capire?

11 commenti:

  1. ...del Tuo abito riconosco la positività che trasmetti a chi incrocia il Tuo cammino...ma sai, le energie servono pure a Te Mary Cara...ed ecco che affiorano le lacrime...che servono...un abbraccio carico d'affetto giunga a Te Amica Cara...Ti illumini un raggio di Sole per avvolgerti in Luce e calore...serene ore..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. Cara Mary sono lacrime salutari per il tuo spirito.
    Sai spesso anch'io nascondo le lacrime a chi mi sta attorno e metto anch'io come te una maschera, perchè hai ragione s volte proprio non capiscono.
    Che questa nuova giornata ti porti tanta tanta serinità e tutto il mio affetto
    Con bacio e un sorriso
    Pinuccia

    RispondiElimina
  3. Ciao Mary, è umano versare lacrime che fanno anche bene, liberano l'animo.

    Non tutti sono comprensivi e soprattutto sensibili.

    Vedrai che oggi andrà meglio, intanto ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  4. Dolce amica, la commedia dell'arte ci insegna che spesso l'ironia e l'allegria prodigata agli altri è in realtà la maschera che usiamo per evitare che scendano copiose le lacrime,(vedi Pierrot e Pulcinella) perché le riteniamo un vulnerabile abbassamento della guardia per non dare poi troppe spiegazioni in giro, del perchè e del per come. Noi donne poi a mettere le pezze un po' dappertutto siamo piuttosto brave però se ti serve aiuto sartoriale io sono disponibile. :)Le cuciture diverranno resistenti perchè le condividiamo.
    TVB...scusami se vengo a tratti a leggerti ma è solo per impegni lavorativi...

    Ti abbraccio...sereno week end a te e famiglia

    Costy

    RispondiElimina
  5. Cara... sono parole di saggezza le Tue... esse già da sole basterebbero a caricarmi, ma... hai ragione... le lacrime arrivano liberatorie a sgombrare l'animo da ogni zavorra per renderlo atto all'entusiasmo di nuove esperienze. E così continuo a... Vivere, felice di esserci e consapevole dei miei limiti.
    Il raggio di Sole mi ha raggiunto e ha confortato il mio Cuore... Te lo rimando con un'intensità ancor più luminosa... che scaldi anche Te... amica cara.
    Mary

    RispondiElimina
  6. Pinuccia... penso che un po' tutti finiscano col mettere una maschera per non svelarsi completamente... è pudore di se stessi, della propria interiorità. Poi questa maschera viene tolta quando si recupera il controllo di se... l'importante... secondo me... è non andare troppo a lungo in giro così "bardati".
    Un bacio grandissimo,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Sai... Gianna, la "prosopopea" fa sì che alcuni si considerino non solo comprensivi ma perfino sensibili... guarda un po' il controsenso. Ma si sa... ognuno va per la sua strada e forse è mglio così.
    Con tanto tanto affetto,
    Mary

    RispondiElimina
  8. Se da una parte sei brava nel "lavoro sartoriale" dall'altra non sei da meno nel saper leggere nel cuore degli altri...
    GRAZIE... amica cara... grazie davvero col Tuo commento mi hai aiutato tanto. Questa è stata una delle poche volte in cui mi sono sentita capita... e il colmo è che non ci siamo mai incontrate... non mi conosci! Ma forse no...perchè Tu hai la sensibilità giusta per "leggere tra le righe" ed arrivare dritta a completare il puzzle dell'animo umano.
    Abbracciandoti forte e con tutto il cuore, Ti ringrazio ancora,
    Mary

    RispondiElimina
  9. certo, le lacrime servono, altrimenti il buon Dio non ce le avrebbe regalate, grande Mary, un bacio♥

    RispondiElimina
  10. ... infatti Chi non riesce a piangere... quanto soffre!
    Un abbraccio grandissimo, Patrizia... amica mia.
    Mary

    RispondiElimina
  11. piangi pure carissima amica mia, le nostre lacrime hanno l'effetto piacevole della pioggia in natura; lavano ogni cosa, ci lasciano spossate ma con la voglia di ricominciare a lottare. Coraggio amica mia, CORAGGIO! come faccio io povera derelitta se tu molli? Ti voglio bene

    RispondiElimina