novembre

novembre
novembre

lunedì 17 ottobre 2011

Non è andata secondo le previsioni... ieri, ma la giornata è passata ugualmente... nonostante mi fossi sentita per tutto il tempo come un capocordata che va al contrario... con grandi responsabilità e scarsi risultati.
Oggi però iniziava una nuova settimana e non era proprio il caso che mi portassi dietro il peso... la zavorra delle ore trascorse; poi avrei ripreso ad andare in ospedale con l'autobus... causa avvento in tutta la città di strisce blu e relativi parchimetri... quindi non potevo permettermi il lusso di perdere troppo tempo a pensare... dovevo sbrigarmi... di certo altrimenti non mi avrebbero aspettato... lì sull'autobus.
Così, sbrigate le poche faccende del lunedì... sono stata pronta in meno di dieci minuti... e dopo cinque ero già alla fermata. Non ho aspettato a lungo... ho preso l'autobus... poi posto, ed è ricominciata là dove avevo smesso circa quattro mesi fa...
 Un percorso sereno... con la massima tranquillità possibile... osservando intorno a me e fuori dal finestrino... i panni stesi al sole ad asciugare... le insegne dei negozi... le signore con la busta della spesa. Quando non sei impegnato nella guida osservi tutto, persino nei particolari, e ti accorgi anche del cambio di stagione... perchè non ti accalori se qualcuno ti taglia la strada... diversa è la luce del sole... e sempre più numerose sono le persone con soprabiti e maglioni.
Per riprendere a dare i numeri... dieci minuti per prepararmi... più cinque per arrivare alla fermata... Dieci più cinque... fanno quindici... quindici minuti in tutto per giungere  a destinazione, con meno danno e poca spesa.
Prima di andare in reparto ho incontrato sulla soglia della scalinata un'"amica"... era con la figlia... Il suo caso è un "ritorno di fiamma" della malattia... deve fare altra chemio, ma è ancora molto debole e per ora fa supporto tutti i giorni. "Ci vediamo... allora?!" le ho detto e mi ha risposto. "E si capisce... come no?".
Lì... in quel reparto... al terzo piano poi... la vita di tutti i giorni... Gli "amici" soliti.... quelli settimanali... chi non vedevo da qualche tempo ed oggi è tornato... chi un tempo accompagnava la zia ed ora è come sostegno del suocero... perchè la Vita... strano... non si ferma... continua anche quando deve vedersela con la malattia.

9 commenti:

  1. Si la vita continua nonostate la malattia,nonostante tutto.E per fortuna nello scorrere della vita si incontrano Angeli come te.
    Buona giornata cara amica e n abbraccio fortissimo con l'augurio che oggi sia come tu desideri.
    Pinuccia

    RispondiElimina
  2. Mary carissima come ti capisco!!! A me è successo di ricominciare dopo 3 anni con un'altro intervento e...ma questo lo sai. Voglio invece ricordarti che se una derelitta come me continua ad andare comunque avanti una lottatrice come te non può mollare MAI! Ci saranno giorni no e poi verranno giorni più sereni; ne sono sicura, come ha detto Pinuccia abbiamo bisogno del nostro angelo consolatore. Un abbraccio stretto.
    p.s. e poi ti devo fare conoscere Bg no?

    RispondiElimina
  3. Care amiche, se passate da queste parti, volevo dirvi che ho bisogno di un consiglio...
    Qui mi sento in famiglia e sono convinta che mi aiuterete.
    Un abbraccio e un saluto a TUTTE.
    Ale

    RispondiElimina
  4. Mah... Pinuccia ... io mi ritrovo ad essere "Angelo" senza volerlo. Tutto è partito da un forte istinto di sopravvivenza sfociato poi nella scoperta di una prepotente voglia di vivere. In altri termini avevo deciso prima di tutto di essere un Angelo per me stessa... poi questa "determinazione" un po' egoistica si è evoluta ed è diventata inconsapevolmente "dono" per gli altri. E' chiaro che ne sono felice e... visti i risultati... ora con coscienza intendo continuare a... essere quello che mi si dice.
    Un abbraccio carico d'affetto,
    Mary

    RispondiElimina
  5. Luisa... ma chi ti ha detto che sei una derelitta? Non sai che "Noi" dagli interventi facili abbiamo più punti( non solo quelli di sutura)? Siamo dotate di una marcia in più! Puoi esserne più che sicura... solo... che devi prenderne consapevolezza e fartene portabandiera. Non sentirti inferiore a nessuno/a... non è un pezzo in meno che fa la differenza... magari "un po' di Cuore in più".
    Sorridi... Luisa... hai tanti doni di cui godere... tra questi proprio il SORRISO che renderà il Tuo volto più bello e luminoso e donerà gioia a chi lo coglierà.
    Un bacio grandissimo... mia cara Luisa,
    Mary

    RispondiElimina
  6. Ale... amica mia... ho letto entrambe le Tue e-mail... Fra un po' riceverai la risposta...
    In questa sede Ti dico solo questo... NON PREOCCUPARTI del giudizio degli altri... Concedi loro la possibilità d'aver frainteso... A Te basta essere sicura di aver agito in buona fede. Si teme solo il giudizio della propria coscienza... quindi...
    Un abbraccio grandissimo... esclusivo... solo per Te.
    Mary

    RispondiElimina
  7. Ciao Mary, scusa tanto il disturbo, ma la mia rabbia dovevo "sfogarla" in qualche modo.
    Non credo di essere così cattiva come vengo dipinta... Ma non voglio dire altro... Leggi pure se puoi quello che ti ho mandato e grazie di esserci... sempre! Sei un Angelo e ti vogliamo bene.
    Ale

    RispondiElimina
  8. Sei una persona eccezionale; salutoni a presto.

    RispondiElimina
  9. buona giornata Mary..scusa l'assenza ma ho i tempi risicati al massimo ma sta tranquilla che ti passo a leggere ogni giorno, non potrei non farlo.
    Un bacio grande grande e a presto con più calma

    Costy

    RispondiElimina