agosto

agosto
agosto

giovedì 13 ottobre 2011

Stasera... davvero nella testa ho il caos...
Non sono riuscita neanche a riordinare le idee prima di sedermi qui, al pc a scrivere... cosa che faccio invece puntualmente ogni giorno. Una buona scusante è che, a parte il lavoro quotidiano con relativo stress, ho anche tanto a cui pensare. Ora  poi, nell'appressarsi del fine settimana si è aggiunta l'incombenza di fare la spesa per mia figlia... Una settimana fa è arrivata con la valigia vuota, seriamente intenzionata a riportarsela indietro piena. E così sia... mi son detta, cominciando i rifornimenti da stamattina... Prima tappa dal macellaio... e domani si continua. E con la spesa incomincia anche il doloroso conto alla rovescia fino al giorno della partenza.  Ogni volta è come se fosse la prima... il senso del distacco è molto forte... il vuoto sembra incolmabile. Sembrerà incredibile... a volte preferirei che non tornasse per non essere costretta a vederla partire di nuovo, e poi... di nuovo ancora. Ma non posso pensarla a questo modo... è innaturale... anzi anomalo. Dovrò farmi una ragione anche di questo.
Alla mia confusione mentale ha dato anche notevole contributo la "citofonata" della signora del piano di sotto... "C'è una macchia sul soffitto del mio bagno..." Oh... che allegria, ho pensato... mentre Biù Biù l'esaltava con il suo abbaiare stizzito. Indi ho comunicato la "bella" notizia a mio marito che è inutile dire, è stato più contento di me; e così domani riceveremo la visita dell'idraulico... se gli farà piacere... se tutto gli va bene... se non avrà niente di meglio da fare.
Mamma... e che stanchezza!
A conclusione di questa giornata un "po' troppo..." cerco di rilassarmi, e per me questo vuol dire ripensare a stamattina... a chi ho incontrato... con chi ho parlato... soprattutto a ciò che ho ascoltato. E mi tornano in mente il "mio amico dagli occhi azzurri come il cielo"... "Heidi" ... "Solo a pensare alla chemio mi viene mal di stomaco". Quest'ultima in particolare, la conoscevo da tempo ma non c'avevo mai parlato...

11 commenti:

  1. Che bello(un pochino stressante,ma bello)poter fare qualcosa di utile per i nostri figli!

    RispondiElimina
  2. Posso solo immaginare come ci si sente quando un figlio si allontana da casa per vivere la sua vita.E' giusto che sia così ma è anche naturale che tu ti senta persa,e ogni volta come la prima volta.
    Ti auguro che oggi possa essere una giornata più tanquilla ma ti auguro anche che l'idraulico faccia il suo dovere.......
    Un abbraccione grandissimo dolce amica.
    Buon sabato
    Pinuccia

    RispondiElimina
  3. Cara Mary... ti parrà strano ma ieri sentivo che c'era qualcosa da te che non andava...pensavo ti sentissi poco bene o roba simile..sai i colpi d'aria di questo periodo sono micidiali.
    Beh, mi sento sollevata anche se immagino la stanchezza che hai...alle volte il cammello riesce ad infilarsi nella cruna senza sforzi!! e mannaggia ;)...
    Ciao stellina fai un respiro profondo e con tanta pazienza aspetta l'idraulico!

    Costy

    RispondiElimina
  4. ti capisco perfettamente quando dico che
    "" Sembrerà incredibile... a volte preferirei che non tornasse per non essere costretta a vederla partire di nuovo""
    capisco perfettamente cosa provi, è lo stesso sentimento che provo anche io...
    grazie cara♥

    RispondiElimina
  5. I figli continuano ad... essere la ragione della nostra vita anche quando vanno via... forse di più...
    Un caro saluto,
    Mary

    RispondiElimina
  6. Cara Pinuccia... oggi la giornata "sembra" essere un tantino più tranquilla...
    L'idraulico è venuto, ma... bisogna analizzare la situazione per evitare la "catastrofe" (leggi... ristrutturazione dell'intero bagno). Staremo a vedere...
    Un grande bacio,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Mia cara... ma come fai? In effetti dall'altro giorno ho un po' di mal di gola... ma solo a "destra"... non vorrei che fosse a causa di qualche "spiffero" politico.
    A parte gli scherzi... oggi va meglio su tutto il fronte... Pensa... è venuto persino l'idraulico!
    Un abbraccio forte forte,
    Mary

    RispondiElimina
  8. Patrizia... è normale! Siamo o no... "separate alla nascita"? Simili... tanto simili da provare sempre le stesse emozioni.
    Un abbraccio con tutto il Cuore... mia cara,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Passo ad augurarti una felice serata; saluti a presto.

    RispondiElimina
  10. Arrivo tardi questa sera... Solo per dirti grazie e per sperare che ti riposerai un po' di più. Il resto te lo farò sapere con calma.
    Un grosso abbraccio e ancora tante grazie.
    Ale

    RispondiElimina
  11. Allora ti porto fortuna per davvero!! ahahah e mica è facile trovare un idraulico così celere!!!

    Fantastico...

    Ciao dolce... riguardati ok??

    Costy

    RispondiElimina