ottobre

ottobre
ottobre

lunedì 3 ottobre 2011

L'anno scorso... eravamo più o meno di questi tempi... facevo ancora la chemio.
Li avevo notati nel corridoio... un uomo, bello e alto, apparentemente sui quarant'anni... con lui, un ragazzino biondo... bellissimo, ne avrà avuto dodici. Parlavano tra di loro fitto fitto nella lingua madre del più giovane, l'inglese. "Hai visto quant'è bello il nipote di Donata?" Fu Grazia a chiederlo a Marta. "Perchè il figlio? Caspita!"
Un po' l'una un po' l'altra... entrambe mi raccontarono la storia di quel padre e di suo figlio, ma per sommi capi... Stamattina Donata me l'ha ripetuta, quella che io reputo più giusto definire come una "fiaba"...
Si erano da tempo stabiliti in Inghilterra tutti insieme... l'intera famiglia... padre, madre e i due figli, ragazzini... un maschio e una femmina. Dall'altra parte della strada, nella casa di fronte abitava un'altra famiglia con tre figli, tra cui una bambina che a causa di seri problemi al cuore era in attesa di trapianto. Quando il momento arrivò, la madre inaspettatamente rifiutò l'intervento e consentì solo che le fosse applicata una valvola che le permettesse di vivere, ma sempre col timore dell'imprevedibile.
Intanto nello spazio antistante le rispettive case i ragazzini giocavano tra di loro... inseparabili erano il figlio di Donata e la bambina dal cuoricino capriccioso. Il Tempo trascorse... trascorse in fretta... il ragazzino divenne un giovane uomo, la bambina una bellissima ragazza bionda con gli occhi azzurri... Ma non si presero subito... Il giovane cominciò a guardarsi intorno e a vivere le prime esperienze d'amore... con la ragazza erano stati "troppo" amici... non poteva esserci altro, almeno così pensava lui. Passò dell'altro tempo e tante ragazze vide Donata accanto a suo figlio, fino al giorno in cui... "teneramente" lo sorprese con la bella ragazza bionda...
Lei... da madre non fu subito d'accordo... sapeva dei suoi problemi di cuore... non voleva che un giorno il figlio potesse soffrire; ma tant'è la potenza dell'Amore... quello con l'A maiuscola che va contro ogni ostacolo e se ne infischia del parere altrui, fosse anche quello "giusto" di una madre... che arrivarono a sposarsi e da quel giorno furono l'uno perso dell'altra. La loro unione era fortissima... un'autentica fusione di corpo ed anima... due cuori che battevano all'unisono. Purtroppo però i problemi della ragazza non erano svaniti, vanificati da quell'amore grande... Ogni tanto si facevano sentire e venivano tamponati... così per cinque anni...

10 commenti:

  1. ...l'Amore tutto vince...tutto sopporta....tutto accoglie...se due Anime sono destinate a trovarsi, perchè mai dovrebbero ignorarsi?...attendo il seguito Amica Cara...sereno divenire nel giorno..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. Eì davvero la magia dell'amore !!!!A domani cara con l'altraparte della fiaba e nel frattempo ti auguro una giornata bellissima con tanti sorrisi
    Un abbraccio forte forte
    Pinuccia

    RispondiElimina
  3. Che storia, un romanzo...Così per cinque anni? Non lasciarci così...

    RispondiElimina
  4. ... Non dirmi il seguito ti prego, io che vedo sempre "nero", non voglio che finisca male. Attendo con ansia...
    Serena giornata cara amica,
    Ale

    RispondiElimina
  5. OH!!! E ci lasci così! È finito un po' tronco...! E poi...?
    Dai Mary, non farci aspettare, vogliamo il seguito ;))
    Un abbraccio forte :)
    Namastè

    RispondiElimina
  6. l'Amore vero... certo, Amica cara... perchè vive di se stesso nell'unico habitat possibile... il cuore.
    Luce ed Armonia Ti siano compagne in questo finire del Giorno,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Tantissimi sorrisi anche per Te, Pinuccia cara... per una dolce e magica serata...
    Mary

    RispondiElimina
  8. Una pausa... una pausa per riflettere e predisporsi ad una conclusione che per quanto prevedibile presenta dei risvolti che danno da pensare....
    Un abbraccio forte,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Ale... ricorda... Chi è predisposto al Sorriso non può vedere tutto nero... gli è categoricamente vietato.
    Ogni storia qualunque sia la conclusione presenta sempre una doppia chiave di lettura...ma solo UNA è quella giusta.
    All'Amica del Cuore un bacio... enorme... esclusivo... solo per Lei.
    Mary

    RispondiElimina
  10. Infatti... forse avrei dovuto scrivere "continued"... ma... perdonami... l'ho dimenticato.
    Arrivederci, mia cara... Al prossimo post...
    Baci,
    mary

    RispondiElimina