novembre

novembre
novembre

domenica 20 maggio 2012

Credo che oltre non potrò andare... Passo almeno un'ora di ogni giorno a cercare di rendere il mio seno, se così posso ancora chiamarlo, presentabile... chiaramente "da vestita". Il reggiseno che ho indossato immediatamente dopo l'intervento non va più bene... schiaccia troppo e poi, essendo a bustino  mi procura arrossamenti. Ho recuperato persino il mio grande alleato ai tempi dell'espansore, il reggiseno a gel o ad olio che dir si voglia, ma non va più bene perchè ha il ferretto che segna e deforma la protesi.
Oggi, dopo tanto "sollevare"... "imbottire"... "aggiustare", tutto con scarsi risultati non ce la facevo più, non riuscivo proprio a guardarmi. Ho aperto l'armadio alla ricerca di una camicia morbida che riuscisse in qualche modo a mascherare il difetto, e in una busta sul fondo di un cassetto ho trovato un reggiseno che credevo di non avere più.
Tentare non costava nulla... l'ho indossato ed ho incominciato di nuovo...
Tirare su la spallina della coppa sinistra... imbottire sapientemente quella destra, ed infine aggiustare il tutto. Un'occhiata rapida e... beh, sì poteva andare... non guardando più di un minuto non pensandoci più di tanto. Sono uscita, sono andata in Chiesa... ho avuto altro per la testa. Mi sono guardata allo specchio di un ascensore e in quel preciso momento non ho notato difetti.
 Se IO fossi stata un' ALTRA che non sapeva, mai avrei potuto immaginare della mastectomia  e tutto il resto... eppure la mastectomia e tutto il resto sono la realtà che mi riguarda, la Verità. Ma se la porgo non solo ad ALTRI ma anche a ME stessa in un modo appare cruda e insuperabile, se invece la vivo come ho fatto, serenamente in questi due anni... è come se non fosse successo mai nulla... o quasi.
Così è se CI pare... a questo punto mi verrebbe da dire parafrasando il titolo della nota commedia pirandelliana.
 La Verità, ogni Verità resta per l'Uomo inafferrabile... un mistero. Così ci si dovrà accontentare di verità soggettive che mutano al mutare del punto di vista.

7 commenti:

  1. Certe cose le vediamo solo noi cara amica perchè solo noi sappiamo che ci sono e le vogliamo vedere
    Un abbraccio forte per una giornata che ti auguro piena di serenità

    RispondiElimina
  2. Perfettamente d'accordo con il commento di Pinuccia. Un abbraccio fortissimo anche da me cara

    RispondiElimina
  3. @ Pinuccia e @Anna Maria: Un'unica risposta a due Amiche che con sincerità e grande garbo mi hanno esortato ad andare oltre, a guardare con occhi diversi e vedere non ciò che voglio bensì quello che desidero.
    Del resto l'ho fatto fino ad ora, devo solo continuare a...
    Un abbraccio per entrambe...
    Mary

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Mary. La incrocio in questa piazza virtuale, per ricambiare la visita al mio sito. Credevo di trovare un blog come tanti, pieno di cose interessanti, carine, a volte stuzzicanti o divertenti, invece ho letto questo suo post e sono rimasta a bocca aperta. Traspare dolore, speranza, una strana gioia mista a timore di aver passato un altro giorno e aver riconquistato qualcosa di sè. Che dire? Mi pare di aver varcato la porta di una stanza privata, senza averne avuto il permesso. Conosco la sofferenza e la disperazione, la speranza e la sconfitta, cerco la gioia di vivere e la perseveranza di non mollare mai, ma non conosco e nemmeno riesco a immaginare tutto ciò che ha passato lei. Mi limito a un rispettoso inchino di fronte a tanta forza d'animo.
    Buona vita.

    RispondiElimina
  5. Cara Susanna... innanzitutto Ti ringrazio per essere passata qui da me, poi per le parole così lusinghiere ma anche molto vere nei miei confronti. Vere le Tue parole perchè esprimono in modo chiaro i sentimenti e lo spirito che animano il mio blog.
    Più o meno due anni fa decisi di fare ingresso nel mondo virtuale per condividere la mia esperienza col cancro; così facendo avrei elaborato in fretta il lutto di una parte di me, e nello stesso tempo avrei dato una mano a Chi l'avesse desiderato.
    Aprii allora il mio blog e da quel momento scrivo ogni sera...
    A me ha fatto e fa molto bene così spero sia anche per Chi legge.
    Ringraziandoti ancora Ti stringo in un abbraccio di benvenuto.
    Mary

    RispondiElimina
  6. cara Mary, sei riuscita anche questa volta a rendere alla perfezione cosa proviamo, hai un dono coltivalo sempre... come al solito ti lascio un grande abbraccio♥ pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara Amica... guardando sempre in me stessa, nel più profondo mi sono data aiuto che altrimenti nessuno avrebbe potuto darmi.
      Lo faccio ancora... senza reticenze, ipocrisie e false illusioni.
      Guardando bene in faccia la realtà la si può reggere... qualunque essa sia.
      Un abbraccio carico d'affetto,
      Mary

      Elimina