giugno

giugno
giugno

martedì 17 maggio 2011

Mario, lo chiamavo io, Giovanni, Dora; oggi Qualcuno lo avrà chiamato figlio e nei suoi occhi non ci sarà stata più la languidezza della sofferenza, ma finalmente la luce della vita, una nuova vita.
Aveva chiesto di me per tutta la giornata di festa, m'aveva riferito Domenica, ma non ero a casa ed era stato quindi impossibile contattarmi. Poi ieri, un piccolo miracolo ed ho potuto essergli vicino ed accarezzargli la fronte... così è stato... senza rimpianti. Nessuno può essere lasciato solo, nella sua solitudine: una carezza, un abbraccio, un piccolo segno che a lui qualcuno tiene, in modo esclusivo tutto speciale, e il vuoto si colma, non esiste paura, si ravviva la speranza. Quello che più si teme è l'essere dimenticati, cadere nell'oblio. Ricordo che anche la mamma dell'amore della mia vita, ammalata di cancro, in un momento critico di grande dolore diede in una domanda inaspettata, visto che apparentemente mostrava di essere all'oscuro delle sue condizioni. "Ma vi dimenticherete di me?" Non ci fu risposta, nessuna era possibile e d'altra parte come si può "archiviare" un essere umano? Ci pensai anch'io all'inizio di questa mia storia... sarei morta e tutti a poco a poco mi avrebbero scordato, soffrii tanto a questo pensiero... no, non poteva essere! Anche lontana da questa terra avrei voluto continuare a... vivere,  perchè non si muore mai del tutto se si continua ad essere presenti nella memoria altrui. Ecco, è così che la speranza non muore mai, anche quando tutto finisce; la vita continua, per chi crede in un'altra dimensione, un altro mondo, ma anche per chi sfortunatamente fede non ha, continua in altro modo ancora qui, in questo mondo se si riesce a lasciare anche un piccolo segno.

3 commenti:

  1. Mi hai fatto venire la lacrimuccia Mary..Bello il tuo scritto fatto di sentimenti autentici.

    Costy

    RispondiElimina
  2. Sì, cara, è tutto vero quello che scrivo, vero ed autentico, e logicamente lo sono anche i sentimenti, l'emozioni. Fermo ciò che provo, l'elaboro e ne vien fuori forza novella per continuare a... vivere senza paure. GRAZIE, COSTY!!!

    RispondiElimina
  3. Ti ammiro...
    un sorriso per te mia conterranea! ;)

    RispondiElimina