giugno

giugno
giugno

mercoledì 4 luglio 2012

Un sorso di tè verde

Un sorso di tè verde bevuto sbirciando la luce della luna... poi rileggere una pagina del mio diario virtuale, quella datata 12 aprile, giorno della chiamata per la ricostruzione.
Così s'è conclusa la giornata di ieri... ed intanto la Notte era scesa a riportar quiete ai miei pensieri.
Stamane il Giorno m'ha ritrovato con gli stessi anche se addolciti dal riposo. Non riuscivo comunque a svegliarmi come dovevo, cercavo d'alzarmi ma poi restavo sdraiata con gli occhi chiusi, quasi con l'inconscia speranza di non venir "aggredita" dal fluttuare degli stessi stati d'animo di ieri. Alla fine, dopo l'ennesimo richiamo della sveglia mi son decisa ed ho messo il fatidico piede a terra...
E' fatta e si ricomincia.
Il caldo non vuol allentare la morsa e tutto diventa estremamente difficile compresa la cura della propria persona. Una doccia di pochi secondi prima che il corpo se ne renda conto e per reazione non cominci a buttar fuori vapore acqueo sotto forma di minutissime goccioline di sudore... vestizione ultrarapida con i vestiti che restano appiccicati  se non parzialmente arrotolati addosso... Pettinarsi?! no, non conviene, poi immediatamente catapultata fuori dal bagno divenuto una specie di sauna.
Ed anche oggi è stato così.
E di seguito anche il resto della mattina è andato come nei giorni precedenti... faccende e pensieri.
La mente sempre occupata nella ricerca di uno spiraglio di luce, per Tutti ma in particolare per i Figli.
Non so che darei perchè fossero ormai alla meta. Già... alla meta! Che parola grossa... forse ne esiste davvero una? Sinceramente comincio a dubitarne. Vero è che la situazione non è diversa per nessuno, ma per quanto riguarda i miei figli devo dire che sembrano particolarmente reietti dalla sorte.
E continuo a... vederli affannati, delusi e frustrati. Non si adagiano, si danno stimoli e umilmente farebbero di tutto adattandosi a fare qualsiasi cosa, eppure per Loro... per entrambi c'è sempre un'occasione, un momento per cui casca l'asino.
Mi chiedo... e in questo istante anche con le lacrime agli occhi... ci potrà mai essere per "Loro"un futuro migliore di questo presente?

4 commenti:

  1. Eccomi Mary a portarti il mio caldo abbraccio.
    Vedrai che anche ai tuoi figli sorriderà il futuro,glielo auguro con tutto il mio cuore.
    Buona serata amica mia e un grosso bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nuovo bentornata, Pinuccia! Mi sei mancata tantissimo.
      Un abbraccio immenso,
      Mary

      Elimina
  2. Sarà un futuro gemneroso, lo auguro a loro come a me..la speranza c'è e si dice che sia l'ultima a morire quindi stringiamo i denti che ce la possiamo fare, io me lo ripeto sempre..
    Ti abbraccio forte Mary e mi raccomando, se prepari le fettine di oggi fammi sapere se ti sono piaciute!
    Buona serata

    RispondiElimina
  3. Ed io Ti ricambio l'augurio, piccola cara e che il merito sia finalmente premiato.
    Bacio grande,
    Mary

    P.S. Per quanto riguarda le fettine Ti terrò informata,anche se sicuramente mi pare cosa scontata... saranno ottime!

    RispondiElimina