aprile

aprile
aprile

lunedì 9 luglio 2012

Ma possibile che siamo arrivati già a giorno 9?
Oggi l'operatore telefonico m'avrebbe rinnovato la promozione ed io non avevo ancora terminato i minuti disponibili. Almeno così credevo.
 Forse con un paio di telefonate mi sarei messa a pari. Almeno così pensavo.
Allora ho prima chiamato l'Amica... ricordate... che s'ostinava a non indossare la protesi esterna? Beh, sì proprio quella, ma non era in casa perchè a fare la spesa e così non ho potuto parlarle. Comunque va bene lo stesso, ho pensato... se è uscita vuol dire che sta bene. Più o meno.
Poi m'è tornata in mente un'Amica tanto cara quanto sfortunata... di Lei ho già parlato senza mai dirne il nome nè l' "appellativo"... lo farò oggi, la chiamerò "Angelina".
"Come stai, Mary? Io affatto bene, anzi sempre peggio e gli esami non dicono nulla di buono..."
Sono rimasta quasi  a bocca aperta... Avevo chiamato per colmare lo spazio di alcuni minuti, sicura di avere un riscontro se non diverso almeno un po' meno negativo, ed invece...
E' difficile trovare le parole giuste in questi casi... restano tutte inappropriate.
"Credo di non farcela... perchè le forze mi vengono meno, sono stanca e sempre più delusa".
"Hai ragione... ma la Tua voce non tradisce debolezza e se Tu non fossi stata forte ora m'avresti già liquidata con una scusa, non avresti avuto certamente voglia di parlare".
"Ma perchè?! Questo mai... mi fa piacere sentire la tua voce".
" Dimmi, dimmi come sta Tua figlia?!"
"Lei sta bene... è quasi al quinto mese di gravidanza, il bimbo... è un maschietto... nascerà per la fine di novembre. Chissà!?"
"Chissà, cosa?" "Chissà se riuscirò a vederlo".
"Certo... in questo devi credere con tutte le Tue forze... devi volerlo. Ce la farai."
Mentre le parlavo, pur essendo convinta di ciò che le dicevo mi sono sentita quasi in colpa... forse per la mia situazione di "privilegio" rispetto alla sua... forse perchè l'avevo chiamata senza pensare... con superficialità.
"Ti chiamerò domani. Mi dirai quando sarà la prossima terapia e verrò a trovarti, Te lo prometto e poi mi fa un mondo di piacere".
"Grazie...".
Al termine della telefonata i minuti erano finiti, così pure il resto del credito.
Ma certamente non aveva alcuna importanza...
Per "Angelina" e per me era stato denaro ben speso.

8 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie, Olga... anche a te.
      Trascorri una settimana serena...
      Mary

      Elimina
  2. Un abbraccio grande e un grazie.Continua a pregare per Renata ne ha tanto bisogno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fortissimo abbraccio a Te e Renata, mamma dal dolore grande.
      Sarà sempre nelle mie preghiere.
      E GRAZIE a Te, dolce Amica.
      Mary

      Elimina
  3. Ciao Mary, bello il racconto di questa telefonata triste ma piena di speranza! Spero che tu oggi aderisca al nostro post di massa, a presto ( scusa se sono così veloce ma con questa "cosa" in piedi in questi giorni sono di corsa) Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono messa al pc solo ora...
      Aderisco immediatamente all'iniziativa che trovo oltremodo giusta.
      Un grande abbraccio a Te, cara Antonella e un GRAZIE di Cuore.
      Mary

      Elimina
  4. Un grande abbraccio Mary a Te e alla tua Amica. Una preghiera per la ragazzina che è volata tra gli angeli... Baci,
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE, Ale... grande Amica sempre presente e in ogni occasione, lieta o triste che sia.
      Un abbraccio immenso,
      Mary

      Elimina