ottobre

ottobre
ottobre

mercoledì 11 luglio 2012

Penso che capiti  a Tutti o quasi concludere una giornata così...
Stanca ed avvilita... delusa e "disidratata", e non solo per i 41° di questa estate esagerata.
Stamane già me lo sentivo addosso come sarebbe stato l'andare avanti di ora in ora in questo giorno... e meno male che ieri pomeriggio m'ero ricaricata non poco a quella "festa".
Alle prime ore mi muovevo con una lentezza... come se procedessi avvolta in un lenzuolo, comunque ho fatto quello che dovevo cercando in me tutta l'energia residua.
Per rompere la monotonia del quotidiano e dargli pure un certo profumo che mi riconciliasse con la stagione in corso ho preso a "sfogliare" dei rami di basilico, dono della mia Amica festeggiata... me ne ha dati tanti riempiendone una busta intera. Il profumo era inebriante... tante foglioline di verde intenso, ad una ad una nel colapasta pronte per essere lavate... poi le avrei asciugate con cura ed infine poste in un barattolo a strati con sale fino ed olio, le avrei conservate per i miei ragù dell'inverno.
Questo pensiero m'ha tirato un po'su, nonostante la calura diventasse sempre più soffocante...
Comunque è estate, caldo deve essere... conviene far finta di niente, adeguarsi anche in questo caso e pensare, sempre sorridendo... tanto passerà e tornerà l'inverno.
Ovvero... quando torneremo a lamentarci ma per la condizione opposta.
Perchè l'Essere Umano ama lamentarsi... non che lo faccia senza ragione, ma il più delle volte si dilunga, si crogiola come se potesse cambiargli chissà cosa.
L'ho fatto anch'io un tempo... ed oggi comprendo quanto ho sbagliato, e guarda caso è solo e proprio ora che per me le cose sono cambiate. Perchè IO voglio vederle diverse, e quando per motivi altalenanti non riesco a pieno, divento triste e "quasi" mi lamento, poi mi riprendo e penso ad altro. O ad "Altri" che forse è meglio.
Oggi a due Amiche è stato detto che il male "avanza"... "corre". Per entrambe la chemio ormai può fare poco o nulla. Speranze che cadono come sfuggite di mano all'improvviso... sogni che si frantumano come sfere di vetro soffiato.
Sono rimasta quasi senza parole, non sapevo cosa dire che non fosse banale o scontato. Mi è venuto dal profondo del Cuore solo un... Ti voglio bene, ma sincero sincero davvero, come non mai. Non era tanto per dire, aveva l'intento di far quel senso di solitudine men duro e pesante... IO CI SARO', avrei voluto ripetere più volte... perchè quello che per me è stato un privilegio lo sia almeno un po' per Tutti quelli che si son trovati a vivere "una storia" diversa ma pur simile a tante altre.
Continuerò a... pregare perchè questa malattia così ingiusta crudele che non ha rispetto di anime buone nè di età , non abbia più a ferire con una frequenza che sconvolge anche Chi, come me ha imparato a resistere  e a credere nella Speranza.

14 commenti:

  1. Mi unisco anche io alle tue preghiere...Baciobacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Annamaria... la forza della preghiera è infinita.
      Un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  2. e anch'io pregherò con te.
    Un abbraccio dal profondo del mio cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pinuccia cara... grazie di Cuore! Che il Signore c'ascolti.
      Un abbraccio grande,
      Mary

      Elimina
  3. Mary, condivido in toto il tuo scritto e confidiamo in Nostro Signore e in un Suo aiuto. Un abbraccio, coraggio sono sicura che le tue amiche troveranno la forza per combattere il male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Simo... loro sono persone forti, d'altra parte TUTTI lo diventiamo quando c'aggrappiamo alla Vita e non molliamo. Ma da soli non ce la si può fare... l'aiuto di Dio tramite gli uomini è fondamentale. Occorre non mettere la testa sotto la sabbia oppure non girarla dall'altra parte, magari con la scusa che si è troppo sensibili. E' solo codardia o vana illusione per non pensare.
      Grazie, dolce Amica e a presto.
      Mary

      Elimina
  4. Cara Mary in questi casi qualsiasi parola che si puo' dire sembra banale,non c'è nulla che possa spiegarci o darci una ragione perche' certe cose avvengano e dopo tanto soffrire ....,ma abbiamo fortunatamente la preghiera che ci sostiene e ci conforta e ci fa credere e sperare che ci possa essere sempre una speranza un lieto fine....
    Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anto... per fortuna che c'è la Speranza, non solo ultima dea ma vera e propria ancora di salvezza che c'impedisce d'annegare nel mare della disperazione. Grazie ad essa non si potrà mai dar credito completamente a ciò che un altro uomo, sia pure all'altezza, dice.
      Sarà quel che sarà... ma intanto SI VIVE in piena dignità.
      T'abbraccio forte,
      Mary

      Elimina
  5. Cara Mary, la vita è come un sogno, a volte impregnato di colori bellissimi di farfalle che volano, di fate e di boschi incantati..a volte è un incubo che incalza e lascia sconvolti anche dopo il risveglio. Nessuno sa cosa sogneremo quando appoggiamo la testa sul cuscino, né come e se ci sveglieremo l'indomani. L'unica cosa che si può fare è vivere il presente e nulla più; guardare il sole che sorge e che tramonta e viverne l'intermezzo così come ci viene offerto. TVB e ti sono vicina... Costy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, mia cara Costy... VIVERE IL PRESENTE senza lasciarselo sfuggire come sabbia tra le dita.
      Spesso siamo molto presi dalle difficoltà del quotidiano e non badiamo anzi trascuriamo le sue bellezze.
      Faccio un esempio banale forse stupido...
      Pensiamo mai a quanto sia bello "respirare"? Proviamo ad andare in apnea per qualche minuto, dopo un po' ci sembrerà impossibile continuare per il tempo che ci siamo imposti perchè è innaturale, non si confà alla VITA che intanto ci offre anche l'aria pura dei boschi, quella fresca del primo mattino che a respirarla a pieni polmoni ci rigenera.
      Allora... se fossimo sempre attenti a dare alle cose il giusto valore saremmo in grado anche di vivere il presente al meglio, senza lasciarcelo sfuggire ed arrivare poi ai rimpianti.
      Mia carissima Amica... l'ho fatta lunga, vero?
      Scusami, ma il "merito" è anche il Tuo perchè mi dai sempre gli spunti giusti.
      Con tantissimo affetto,
      Mary

      Elimina
  6. Cara Mary, mi piacciono molto le parole di Costy... Purtroppo mi conoscete bene e, come ho già detto tante volte, il futuro mi fa paura... ma spero in un esito positivo per le tue amiche Mary...
    Forza e coraggio. Ti abbraccio affettuosamente.
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Ale per le Tue parole di speranza.
      Vedi che dopo tutto il futuro non ti fa poi tanta paura?!
      Ripetilo anche a Te stessa... forza e coraggio... e a poco a poco la parola "purtroppo" scomparirà dal Tuo vocabolario.
      Con l'affetto di sempre, un abbraccio solo per TE,
      Mary

      Elimina
  7. Spes ultima Dea. Una dea che può tenere in vita molto a lungo, per questo bisogna alimentarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente, Ambra cara... è proprio così, e per alimentarla è indispensabile uscire dal vuoto della solitudine e continuare per la propria strada senza paure.
      Non si resta mai soli se non si vuole.
      Un GRAZIE di Cuore.
      Mary

      Elimina