agosto

agosto
agosto

domenica 4 dicembre 2011

"Ti ho chiamato prima... ma sei uscita presto stamattina?"
Eh, sì... sono uscita di buon ora stamane... Con il compagno della mia Vita siamo andati in Chiesa e poi al Centro Commerciale. Un qualcosa contrario alle mie abitudini... mia sorella me l'ha fatto notare.
Effettivamente un tempo mai mi sarei sognata di uscire presto... di domenica... senza neanche aver rifatto il letto.
Avevo sempre da fare... ero in eterna lotta contro il tempo... combattevo per "fare in tempo"...
Mi chiedo ora, "che cosa andava fatto in tempo"... e per quanti sforzi faccia non so darmi una risposta... una risposta almeno plausibile.
E intanto mi facevo prendere dall'inquietudine... che diventava presto agitazione... e da qui all'ansia il passo era breve. Un nervosismo latente era la logica conseguenza che mi portava a prendermela con tutti quelli che mi capitavano a tiro... compresa me stessa. Non mi sentivo in "pace" con nessuno... nemmeno con me stessa.
.....
Da "Segui il tuo cuore" di Andrew Matthews... (ancora su "La PACE INTERIORE")

  
Attenzione! La maggior parte di noi ha scoperto che è difficile vivere nel presente e trascorrere molto del proprio tempo rimpiangendo il passato o temendo il futuro.
Vivere nel momento è come camminare in equilibrio su una corda tesa. Si è destinati a cadere, ma con l’esercizio si riesce a conservare l’equilibrio su una corda tesa. Si è destinati a cadere, ma con l’esercizio si riesce a conservare l’equilibrio sempre più a lungo. Ecco tre strategie per riuscire a concentrarsi sul presente:
- Quando fai qualcosa, prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno. Rifiutati di vivere la vita di corsa. Quando il nostro sistema di convinzioni dice:“Non c’è mai abbastanza tempo”, indovina un pò?Il tempo non è mai veramente abbastanza! Corriamo per prendere l’autobus, corriamo per salire sull’ascensore, pranziamo tra una telefonata e l’altra.
Qualsiasi cosa tu debba fare, dì a te stesso:“Mentre scrivo questa lettera (stiro questa camicia, sollevo questi pesi…)tutta la mia attenzione sarà su quello che sto facendo. Ci metterò tutto il tempo che sarà necessario, mi rifiuto di fare in fretta.”
-Esercitati con la “consapevolezza del cane”. Se porti il tuo cane a passeggio, ti accorgerai di una cosa. I cani notano sempre tutto…Ogni cespuglio, ogni fiore o erbaccia, ogni idrante o lampione. Portalo a fare la stessa passeggiata tutte le volte che vuoi, e per lui sarà sempre una nuova esperienza: i cani vivono nel presente.
Se proviamo ad esercitarci nella “consapevolezza del cane”, noteremo che solitamente, quando facciamo qualcosa, la nostra mente è altrove. Cerca di mangiare un pasto gustando ogni boccone, parla ad un amico e ascolta ogni sua parola, ascolta una canzone e sentine ogni nota, fai una passeggiata e osserva ogni albero. Con il tempo ti riuscirà sempre meglio.
Dì a te stesso:“Ho un sacco di tempo”.Un’affermazione, se ripetuta di continuo, diventa parte dell’inconscio. Se ti senti sotto pressione, ripeti a te stesso:“Ho un sacco di tempo.”
La mistica Sufi sostiene che nasciamo addormentati, viviamo addormentati e dobbiamo morire, per svegliarci.Immagino che si riferisca alla nostra consapevolezza. Troppo spesso facciamo semplicemente dei gesti, mentre la nostra mente è altrove.
Più a lungo riuscirai a rimanere in equilibrio sulla corda tesa, più la tua vita migliorerà.


Bene... ora che tutto è cambiato, soprattutto il mio modo di vedere... "gustare" il presente... mi accorgo che di tempo ne ho in avanzo. Faccio mille cose "con" e "per" il piacere di farle... Ed anche quando sono incombenze di cui volentieri  avrei fatto a meno... "creo" il modo per rendermele meno sgradevoli.
Non so... ad esempio, divido "l'opera" in più fasi... la conclusione di ognuna è il raggiungimento di una tappa di cui sentirmi fiera. E così... tappa dopo tappa... contando alla rovescia... "l'opera" è finita e non me ne son quasi accorta.
Continuo a... rimanere in equilibrio sulla corda tesa.
Sarà per questo che Tutti da un po' mi ripetono, "... ma i tuoi capelli... non erano più bianchi?"

12 commenti:

  1. Grazie per questi preziosi consiglio e spero per davvero di riuscire a frenare anche la mia corsa e non arrivare semprea sera con tanta stanchezza e la sensazione di non aver portato a termine tutto quello che mi prefisso all'inizio di giornata.Ma è davvero così importante fare tutto e bene? Ti ammiro per esserci riuscita anche se passando attraverso una grande prova ma che ha tirato fuori il meglio di te.
    Un abbraccio fortissimo
    Pinuccia

    RispondiElimina
  2. Cara Mary, tutte le filosofie orientali ci insegnano di vivere il qui e ora. Non è facile per noi occidentali, immenrsi in un sistema consumistico, capire a fondo il vivere qui e ora. Se non ci programmiamo il domani rischiamo di perdere l'autobus, il lavoro, lo stipendio e la pensione. Sai in oriente, da dove nascono queste filosofie che io studio da 25 anni, vivono per forza il presente è tutto quello che devono fare! Si alzano la mattina e cercano un pugno di riso per la giornata ....poi? Poi basta non devono fare altro. Prenderci il tempo di assaporare ogni cosa attorno a noi non è possibile finché non siamo nella terza età e bene o male la nostra vita l'abbiamo impostata e se ci attardiamo ci fa solo bene. Sarebbe sufficiente fare le cose con amore. Se ti va leggiti questo mio post. Un abbraccio.
    http://ilpeccatoveniale.blogspot.com/2011/05/il-seme-dellamore.html#links

    RispondiElimina
  3. Buon Lunedì cara Mary... che bella filosofia di vita!!! E' vero: dobbiamo godere del presente, senza pensare al passato nè al futuro... Sembra facile...
    Un abbraccio,
    Ale

    RispondiElimina
  4. Felice inizio settimana, con calma, moooltaaaa calma!

    :)

    RispondiElimina
  5. ... e si, cara Mary, ora abbiamo tempo, anche a me ora capita di vivere più tranquilla, quell'oppressione angosciosa l'ho lasciata in sala operatoria... una abbraccio ♥

    RispondiElimina
  6. Bisognerebbe arrivare a tale "conclusione"... prima ancora d'"iniziare".
    Come filosofia di Vita dovrebbe essere la base della Vita stessa... Quanti problemi in meno, quanta serenità in più!
    Purtroppo... quasi sempre occorre una "batostella" per capirlo... ma alla fin fine, l'importante è proprio questo...capirlo.
    Un grande abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  7. "Fare Tutto con Amore"... è questo il segreto della Serenità... dell'eterna Giovinezza per cui non ci si sente mai fiacchi...
    Forse anche della Felicità... certamente del Saper Vivere con consapevolezza.
    Ma l'Uomo, pur considerandosi un essere superiore, non comprende sempre e fino in fondo questo concetto la cui condivisione gli sarebbe salutare. Meglio si comportano gli animali che vivono "secondo Natura"... si lasciano andare a ciò per cui sono venuti al Mondo... così semplicemente... senza mai porsi il problema di non aver problemi. Perchè l'Uomo è capace anche di questo paradosso.
    Un abbraccio fortissimo,
    Mary

    RispondiElimina
  8. Buon Lunedì... mia carissima Amica!
    Un abbraccione e... tantissimi baci,
    Mary

    RispondiElimina
  9. E' facile, Ale... bisogna solo crederci fortemente e cominciare a comportarsi di conseguenza.
    A poco a poco ci si prende gusto... tanto... e di quello che è stato prima non esiste più nulla... o quasi, e al Futuro si guarda solo con fiducia.
    Un abbraccio solo per Te... Amica cara.
    Mary

    RispondiElimina
  10. Ahahah... Amica mia, più calma di così... finisce che m'addormento!
    Un bacione,
    Mary

    RispondiElimina
  11. Bene... Patrizia... e là deve restare per sempre. Nelle sale operatorie vengono "estirpati" i mali difficili da curare per cui occorre una "terapia radicale"... appunto, ciò che ci vuole per l'"oppressione angosciosa". E così diventa un "rifiuto speciale".
    Un abbraccio forte con tanto affetto,
    Mary

    RispondiElimina