luglio

luglio
luglio

sabato 3 ottobre 2015

MESSAGGERI D'AMORE


Emoticon heart 
E sarebbe come dire Angeli, in senso lato.
E potremmo pensare ai Nonni, volando rasoterra.
Non è un caso che da dieci anni sia stata fissata una festa tutta per loro, i Nonni proprio il 2 ottobre, quando si ricordano e celebrano gli Angeli Custodi.
Nessuno può essere più presente, amorevole, tenero e paziente. Anche quando hanno la luna di traverso o si sentono acciaccati e stanchi. E' provato... il genitore più severo e freddo, da nonno diventa come neve al sole... si scioglie al primo sorriso inconsapevole del nipotino. E mette le ali... proprio come un Angelo. E lo segue nei passi e col pensiero, lo accompagna fin dove arriva persino con lo sguardo. Vigile e attento, ancor più di quanto sia stato col proprio figlio.
Nonni, Messaggeri d'Amore quindi... ci sta proprio bene. Come gli Angeli.
Perché... gli Angeli chi sono?
La parola “angelo” deriva dal greco “anghèlos”, cioè “colui che porta la buona notizia”, e in senso biblico, il riferimento è alla Buona Novella, alla Parola di Dio. Se lo intendiamo in senso più laico, l’angelo è colui che ci racconta la storia che ce la possiamo fare, che lui è sempre al nostro fianco e che ci protegge. E non è una favola, ma la storia della nostra vita.
Tutti quanti abbiamo un angelo.
Anche i cinici e gli scettici , i misantropi e... gli insonni che hanno smesso di sognare.
Quante volte ci è capitato di essere in difficoltà in momenti importanti o siamo stati presi dalla paura e dagli affanni? Comunque c’era un Angelo al nostro fianco.
Poi può anche essere che non sia andata come pensavamo, ma l'importante è che in quei momenti delicati e controversi sicuramente non ci siamo sentiti soli. E che l' "essenziale", quello che conta non sia mancato. Il conforto, quella carezza speciale sul Cuore... il tepore di una presenza accanto.
Spesso sbagliamo nel valutare, siamo troppo concreti, incapaci di andare oltre.
Quello che conta vogliamo vederlo con gli occhi, magari tenerlo stretto in pugno. Dimentichiamo che nonostante tutti i nostri desideri, non siamo veramente Noi a decidere.
Vorremmo agire secondo istinto, andare se si può o non si può e senza pensare.
E' come fossimo rimasti ai "primi passi".
Potremmo andare di qua e di là, barcollando e rischiando di cadere...
Io credo che il Nostro angelo ci sorregga guidandoci verso la direzione giusta, dopo aver chiesto a Chi è lassù un'altra possibilità per riparare a tutti i pasticci combinati che guasterebbero il "magnifico disegno" disposto per Noi.
A volte gli Angeli per compiere la loro missione, assumono le sembianze di persone diverse che, più o meno casualmente, incrociano la nostra vita un istante, una stagione, o per sempre. Ci aiutano e ci sorreggono con gesti o parole, quasi fossero la carezza di Dio.
Io non lo so se i miei nonni sono i miei angeli, mi piace crederlo. E mi piace immaginarli accanto alla mia mamma e ad una sorellina volata in cielo troppo presto. E poi a tutti gli Amici di adesso che non ce l'hanno fatta.
Insieme... uno stuolo di Angeli che mi guidino e custodiscano per il tratto di percorso che sarà.

Nessun commento:

Posta un commento