luglio

luglio
luglio

lunedì 24 gennaio 2011

La base del mio "pastino" era il passato di verdure, ma ogni giorno il "menù" (posso azzardare questo termine? Chissà?!) cambiava. Un cucchiaio abbondante di ricotta e due altrettanto abbondanti di parmigiano rendevano il "pastino" particolarmente cremoso e saporito; altre volte per sopperire alla mancanza della carne, eliminavo la ricotta e aggiungevo un passato di lenticchie o di spinaci, oppure ancora un uovo sodo sminuzzato... i "cuoricini" poi, completavano il piatto, bello da vedere e ottimo da gustare. Mangiavo piano: essendo un pasto semiliquido le mascelle non dolevano, delicato al palato, sapido al punto giusto non provavo mai disgusto e nausea. Cambiava il modo di alimentarmi ma, tutto sommato non mi dispiaceva perchè mi sentivo bene e non debole, segno questo che il mio organismo non lamentava troppe carenze alimentari. Per sostituire la frutta fresca che non riuscivo a masticare sempre per la questione delle mascelle, andavo forte con gli omogenizzati al gusto di... tutti i frutti, anche quelli fuori stagione: che volevo di più? Ah, sì dimenticavo... decine di vasetti di yogurt al gusto fior di latte che appagava il mio desiderio di dolci e rinfrescava la mia povera bocca sempre arsa. Durante gli attacchi di crampi allo stomaco correvo ai ripari con le gelatine di frutta, quelle caramelle leggermente gommose, ricoperte di zucchero, e come funzionavano! Credo di averne consumato qualche chilo in quel periodo, mentre oggi non posso vederle nemmeno disegnate; per fortuna non hanno lasciato ricordi alla mia linea, altrimenti le avrei odiate ancora di più: ah, tanto amore, tant'odio!

Nessun commento:

Posta un commento