giugno

giugno
giugno

martedì 18 gennaio 2011

Continuare a... ricordare, sempre e nonostante tutto. Nella mente resta memoria e dei fatti tristi, per la maggior parte, e di quelli lieti, un po' meno, forse perchè si tende a non considerarli , a sottovalutarli per una naturale inclinazione al vittimismo. Ora, per un momento voglio "archiviare" quel che di negativo c'è stato nell'ultimo periodo e tornare al 18 gennaio dell'anno scorso, giorno di arrivo in casa della nostra piccola, di Beauty. Arrivò per colmare un vuoto, un vuoto di soli dodici giorni; l'avevamo voluta subito, io in particolare, forse perchè ero consapevole che trascorsa qualche altra settimana non l'avremmo fatto più. Figurarsi... con tutto quello che sarebbe successo dopo! E invece quel giorno ce la riportammo tutta avvolta in una copertina di pile, timida e tremante, noi, future ignare vittime di quella piccola peste. Quanti sorrisi ci ha strappato, come quella volta, una delle prime notti quando restammo in piedi fino alle tre e mezzo convinti  di poterla vedere addormentata, ma per Biù-Biù invece quella era l'ora giusta per giocare, addentare un osso o smangiucchiare una rivista sul ripiano più basso del tavolino su cui era posto il televisore, alla fine c'era pure salita su quel ripiano e seduta comodamente si era facilitata l'operazione. E il suo rincorrere la pallina, prenderla in bocca, alzare la testa per farla ricadere dalla massima altezza,( parola grossa trattandosi di una chihuahua) per vederla poi rimbalzare. E il suo stiracchiarsi la mattina nella cuccia, indugiando a pancia all'aria per farsi coccolare...e tante tante altre cose di cui la nostra piccolina è stata ed è quotidianamente protagonista. Trovo giusto aver dedicato anche a lei un angolino di questa mia storia, perchè molte lacrime ha ricacciato indietro con la sua inconsapevole allegria, tante volte ha dato uno scossone alla volontà di lasciarmi andare quando credevo di non farcela più, ha "regalato normalità" a giornate altimenti vissute tra l'angoscia e l'agitazione. Il vederla dormire poi era il suo dono più bello, sedava ogni ansia, cancellava tutti i brutti pensieri. Piccola, dolce Biù-Biù!

Nessun commento:

Posta un commento