giugno

giugno
giugno

lunedì 19 dicembre 2016

NATALE SU DUE PIEDI ( parte seconda)




Cambia la prospettiva, muta la luce mentre avanzano i passi.
Il Cuore recepisce e la Mente non scorda...
E come potrebbe? Ciò che ho visto stasera mi ha emozionato così tanto da costituire una ricarica a rilascio lento, una medicina che fa sentire subito meglio ed è anche ad effetto prolugato. Mi ci voleva proprio.
Uno scenario maestoso pur nell'umiltà di ogni singolo elemento per un Presepe Vivente. I Sassi di Matera illuminati sono di per sé un presepio, poi con le principali scene rappresentate e i personaggi narranti in costume dell'epoca, diventano ulteriormente coinvolgenti. Dimentichi tutto, insomma. E torni indietro al tuo Natale di un tempo, e si ferma il tempo stesso cristallizzando i ricordi e le emozioni ad essi legate.
La prima scena, l'Annunciazione... in uno spazio particolare, un carcere che vide recluso pure Rocco Scotellaro. L'Arcangelo Gabriele, Santa Elisabetta, Maria sembrano statue di cera, poi si muovono all'improvviso e pare che su di loro sia sceso lo Spirito Santo, la mano del divino Artefice.
Di qui a seguire il percorso su per le scale dei Sassi e lungo le vie pavimentate a ciottoli irregolari.
E si passa per la "domus" del nobile patrizio... al mercato, dalle donne che impastano e cantano la ninna nanna dedicata al Bambino. Centurioni fanno la guardia al passaggio, fino alla capanna della Natività, dove è trionfo di luce, musica e colori, e sono giunti i Magi guidati dalla Stella. La buona novella è data, e si avvera l'antica profezia conclamata dai grandi sacerdoti nel Sinedrio e poi davanti all'Arca dell'Alleanza.
L'ultima scena è nel palazzo di Erode, nel bel mezzo di una festa tra concubine e debosciati. I Magi non assecondano il volere di Erode, ed è ordinato che sia fatta strage di innocenti.
Poi, il ritorno su per le scale... tante e a tratti ripide, ma nulla è stata la fatica.
Quest'anno il mio Avvento si conclude così, rappresentando veramente una rinascita all'insegna della speranza. Una gioia per occhi arricchiti di meraviglia. Cercherò di condividerla, ché non appartenga a me soltanto e sia motivazione in più per tutti quelli che vorranno..

2 commenti:

  1. Cara Mary, auguro a te buone feste e che il nuovo anno ti sorrida sempre.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tomaso... auguri belli anche a Te. Sei un Tesoro.

      Mary

      Elimina