ottobre

ottobre
ottobre

giovedì 16 agosto 2012

Sembrava che questo giorno non dovesse essere dei più proficui... col fiato di "Caligola" sul collo, voglia di fare pari a zero e un po' di pensieri per la testa pensavo proprio che a fine serata avrei scritto il più sintetico dei post... "Chiuso per fiacca".
Perchè quando sei così, svogliato ed ipocondriaco non Ti va di guardare fuori e dentro di Te... porta tristezza che è meglio non tradurre in parole.
Perchè i giorni che ci vengono donati sono un bene prezioso che va investito di continuo affinchè non siano sterili e diano sempre frutto.
E poi... non esiste giorno di cui non abbiamo da "ritenere" qualcosa di buono.
 Infatti...
Stamattina mi squilla il cellulare, la suoneria avvisa di un messaggio... do un'occhiata, in memoria ne sono presenti due, l'ultimo, quello appena arrivato è di Valeria, mia figlia... il precedente è di ieri pomeriggio da parte di Chi ritenevo non mi pensasse più o molto poco. Se così fosse stato l'avrei pure capito per questo quando ho letto mi sono stupita e perfino commossa.
Deve essere vero che quando semini qualcosa raccogli altrettanto se non di più.
M'affretto a rispondere... scrivo le parole, sincere così come vengono dal Cuore poi schiaccio il tasto OK per l'invio. Quello che mi torna indietro sul display come risposta mi lascia a bocca aperta... "Il credito non è sufficiente per eseguire l'operazione richiesta, fai un'altra ricarica..."
Ma come... se solo una settimana fa m'avevano accreditato ben 100 minuti!?
Indispettita, m'arrovellavo in questo dubbio ed anche altri... ho chiesto a Frà, mio figlio... risposta evasiva quasi nulla, poi è tornato a casa l'Amore della mia Vita... anche Lui ci capiva poco o niente.
Parecchio dopo e con l'unione delle Nostre forze intellettive abbiamo finalmente compreso che... i 100 minuti erano vocali e non includevano i messaggi per cui  fino a quel momento era servito il credito residuo ora ridotto alla fantastica cifra di euro 0,04.
Oh, mamma... ed io che tanto tenevo a rispondere all'inaspettato messaggio!
Bene allora... la "voce" era pagata? E avrei usato quella, no!? Era in mio possesso ed anche "accreditata"!
Ho digitato quel "numero amico" e dall'altro capo mi ha risposto non proprio Chi m'aspettavo ma "quasi"... intendo dire Chi in fondo speravo.
Una breve conversazione affabile e gratificante... la conferma che il Bene non si dimentica, non lo dimentica Chi lo fa nè Chi lo riceve ed alla fine entrambi si sentono grati l'uno all'altro.

Beh... la giornata è davvero finita e quello che doveva essere il più breve dei post forse è tra i più lunghi... è naturale.
Ma si pensa a quanto ho "ritenuto" oggi?
 100 minuti di esclusività della voce e un pizzico abbondante di ricchezza inaspettata.

8 commenti:

  1. ..."chi semina nelle lacrime mieterà nella gioia!"Cara Mary ti auguro tutto il bene di questo mondo, un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, Amica mia... quel che sono oggi lo devo al periodo buio della malattia. Ho cercato di viverlo come se non fosse tale e oggi continuo a... pensarci ma senza tristezza.
      GRAZIE per tutto e un grande abbraccio anche per Te.
      Mary

      Elimina
  2. E' tutto qua "chi da riceve" e mia mamma con la saggezza di una volta aggiungeva" se dai dieci te ne ritorna 100".E aveva ragione e questo tuo bellissimo scritto ne è la conferma.
    Un abbraccio forte per una serena giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' Parola del Vangelo, Pinuccia cara e facendone tesoro, tesoro Ti restituisce.
      Nessun calcolo però... essere solo se stessi secondo il volere di quel Qualcuno che tutto vede e TUTTI protegge.
      Ricambio l'abbraccio con il solito grande affetto,
      Mary

      Elimina
  3. Non so se è dedicato a me..., comunque sia è bello parlare, scrivere, occuparsi di qualcuno... Ciao a presto cara Mary.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po'sì e un po'no, cara Ale... diciamo che è stata la combinazione di due fatti molto simili che hanno portato alla riflessione.
      Una "combinazione", dicevo ma non una casualità perchè NULLA AVVIENE PER CASO, e se ieri è andata così vuol dire che io dovevo pensare ed agire in un certo modo che non poteva altresì essere diverso.
      Ne arguisco, convincendomi sempre più che LASSU' QUALCUNO CI AMA.
      Mia cara, a presto... se e quando vuoi... da parte mia sempre con affetto.
      Mary

      Elimina
  4. Riesci sempre a strapparmi un sorriso cara Mary.
    Un bacio di serenità...per questi baci non c'è credito che possa mai finire.
    Costy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta, cara Costy perchè oggi coi tempi che corrono ci sarebbe poco da sorridere. Meno male che c'arrangiamo fra di Noi... tra una battuta e una risata quel che resta poi è sempre un sorriso a lunga scadenza che non fa mai male.
      Tanti baci da me... anch'io me lo posso permettere, ho il Tuo stesso "operatore", perciò CREDITO INFINITO!
      Mary

      Elimina