dicembre

dicembre
dicembre

domenica 19 agosto 2012

Non so perchè ma a me le idee migliori vengono mentre lavo i piatti.
Sarà perchè è un "lavoro" che mi scoccia fare e mi concentro al massimo per distrarmi e non pensare a quello che sto facendo. Devo dire che fino ad oggi sono stata anche fortunata, non ho rotto un bicchiere e "ho partorito" sempre idee di grande soddisfazione.
Allora... tornando a ciò che m'è venuto in mente, riepiloghiamo.
Ad un certo punto della mia "storia" è successo qualcosa che mi ha di nuovo destabilizzato e fatto perdere delle certezze, non riguardanti la mia salute, che quelle ce l'ho, sì e no... ma dai, diciamo di sì perchè "al momento" sto bene... bensì su quello che avrei potuto continuare a... fare con la condivisione della mia esperienza di "paziente oncologico". Ormai pur mantenendo numerosi contatti ero senza "posto fisso" (...persino IO!),  mi chiamavano a casa e un po' col telefono o incontrandoci altrove più o meno riuscivo a colmare quel vuoto non solo mio. Ma non bastava perchè così facendo non avrei avuto modo d'allargare le mie conoscenze. Chiaramente questo non mi sarebbe dispiaciuto anzi, se fosse stata prova di un calo di pazienti, ma poichè la "crisi" che vorremmo non è... il pensiero che non avrei più potuto esternare ciò che di bello il cancro m'aveva  lasciato, il desiderio e la forza di andare avanti, la capacità di gettare tutto alle spalle senza dimenticare, mi dava una grande tristezza. Più volte ho persino detto a me stessa... ma guarda un po', non mi ha zittito la malattia ed ora sto diventando cupa e silenziosa.
Poteva mai essere questo? Assolutamente... no! Qualcosa dovevo fare e così un giorno...
Quel giorno pure ero davanti al lavandino, stavo lavando le tazze della colazione...
Mi tornò in mente il mio approccio con il web, l'iscrizione a "Dure come muri"...
Ecco... e se avessi aperto un "forum"?! Quante persone avrei potuto conoscere, con quante di Loro sarebbe stato possibile stabilire relazioni capaci di costituire un ausilio, un sussidio per continuare un percorso non facile adattandosi alla malattia.
Ne parlai con mio figlio che di queste cose ne capisce certo più di me, almeno tecnicamente... appunto, e "tecnicamente" mi spiegò la cosa, ogni singolo passaggio... dominio, moderazione... login. Decisamente troppo per me... ma qualcosa di semplice, più alla mia portata non c'era?
"No, mamma... è un forum che vuoi? E il forum si fa così!"
Va bene, mi dissi... non è cosa per me, continuerò a... e basta.
Poi ieri, l'idea... spero... fulminante. Il "GRUPPO" su fb! Però un Gruppo aperto... apertissimo a TUTTI.
Ho acceso il pc e sono andata sul mio profilo... a sinistra era scritto, crea un gruppo... OK, scegli un'icona... ho fermato il mouse sull'immagine di un fiore... ancora OK, invita i Tuoi Amici a seguirti... e ad uno ad uno ho digitato i nomi di quelli che ritenevo potessero essere interessati, poi alla fine... dai un nome al nuovo gruppo.
Come avrei potuto chiamarlo se non... "CONTINUARE A... PARLARNE CON SPERANZA"?

10 commenti:

  1. Un'idea bellissima!!!!E vedrai quante si uniranno a te perchè legate dalla stessa storia e dalla stessa volonta e voglia di lottare e vincere e sopratutto perchè troveranno da te una porta aperta e una mano tesa.
    Un abbraccio forte per una serena giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero, Pinuccia cara... lo spero proprio.
      La "condivisione" è una medicina dall'efficacia unica, e poi anche la possibilità di esporre dei dubbi... si può ricevere un aiuto impensabile. Alcuni membri del gruppo sono del settore medico... il che vuol dire tanta esperienza in più. Essendo un GRUPPO APERTO Tutti possono iscriversi... e perciò aspetto... TUTTI.
      GRAZIE, come sempre per il sostegno e un abbraccio grande grande.
      Mary

      Elimina
  2. Ciao Mary, che idea meravigliosa hai avuto...sei grande e piena di risorse e di amore da donare. Sarà un aiuto prezioso per tante persone! Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella vero, Antonella? Speriamo che funzioni e abbia successo. Ho in mente un piccolo "forum" dove si dia spazio all'aspetto psicologico senza però trascurare anche quello medico-scientifico.
      Chi è passato per "quella strada" può mettere a disposizione di altri la propria esperienza... sarà un supporto o uno stimolo a vivere il momento nel modo giusto... serenamente, con lucidità e... senza paura.
      GRAZIE, cara Amica per il commento carico d'entusiasmo.
      Un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  3. Già il titolo promette bene. Brava Mary.... e per chi non ha FB?
    Dovrò bisticciare con mio marito per poter aprirlo... già non voleva il blog!!! Buon inizio di settimana (sarà il caldo, sono a "terra").
    Bacioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piace, Ale? Ti nomino allora "madrina ufficiale" del gruppo, anche se non puoi farne parte. Non importa, sai?! Abbiamo altro modo per "condividere", quindi va bene così... non bisticciare con Tuo marito e continua a... seguirmi perchè a TE tengo molto, lo sai.
      Un abbraccione,
      Mary

      Elimina
  4. Ciao Mary, scrivi davvero bene! gran bella idea!
    un bacione e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooo, Alle! Che piacere averti qui... io leggo ogni Tuo post e anche a me piace come scrivi TU. Soprattutto amo come descrivi quelle emozioni che nascono da sentimenti forti e solidi... come una volta. T'offendi se Ti definisco "ragazza d'altri tempi"? Vorrei che lo accettassi come complimento.
      Allora... la mia idea Ti piace? Seguimi anche TU, mi farà un piacere immenso.
      Un abbraccio a Te e Dani e una carezzina alla piccola Ceci.
      Mary

      Elimina