dicembre

dicembre
dicembre

mercoledì 3 aprile 2013

Un dolore così grande che ci cambia per sempre... e poi le uniche cose delle quali ha senso nutrire lo spirito: coraggio, umiltà, dignità, attenzione per gli altri, rispetto e tolleranza.


E non è che sia sempre cosa facile... è come se portassi dentro sempre un "fardello", invisibile all'esterno e perciò inesistente per Chi guarda. A tratti pesa meno, a volte è insopportabile tanto da levare il respiro e imporre una sosta.
A questo punto è "mirare" l'orizzonte, abbracciando idealmente quel che è stato ed è... poi ciò che sarà è "oltre"... oltre quella linea infinita.
Il tempo di un respiro e ci si perde di fronte a tanta "immensità".
E' quello che io provo quando il "mio fardello" diventa troppo pesante e magari è bastato un solo "sassolino"... restare a galla è molto difficile e i tentativi a gran bracciate sembrano andare a vuoto. Intorno... nessuno, forse soltanto chi vuole aggrapparsi pur sapendo "nuotare".
Non sono un'ancora di salvezza e la mano che porgo è nell'intento di un mutuo-aiuto.
Sulla mia testa il getto violento dell'acqua fa sì che quest'ultima si confonda con le lacrime... mi succede sempre più spesso di piangere, si dice che il terzo anno dopo la malattia non sia proprio un "inno alla gioia", sarà per questo che da sola non posso stare e cerco sempre la compagnia degli Altri, quelli che per me contano di più.
Esco di casa e s'apre l'orizzonte, fatto di obiettivi, strade da percorrere... luce, tanta luce e me la prendo tutta, quasi dovessi perderla da un momento all'altro e divento forte e viva come una lucciola in una notte d'estate.
Sono questi i momenti più belli che compensando i precedenti mi vedono ricaricata... lo percepisce Chi m'incontra, divento la mano che solleva, accompagna... il sorriso che rincuora e convince.
"Ci vediamo venerdì, allora... ci sarai?"... e a questa richiesta  non posso, non voglio dire di no, sarebbe non voler comprendere il senso delle "cose".

7 commenti:

  1. Come mi ci vedo... hai letto il mio post sulla solitudine? Oggi se riesco scrivo una cosa successa ieri, chissà se dentro di me qualcosa sta cambiando? Grazie Mary...
    Ti stringo forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono passata da Te... ho lasciato il mio commento.
      Sono felice, Amica mia che qualcosa finalmente stia cambiando... continua su questa strada, non Ti arrendere per qualche ostacolo o momenti di sconforto. E' tutto normale, accade ad ognuno di Noi, il merito sta nel vivere quello che ci capita e confinarlo nel tempo che è... poi si gira pagina, affacciandosi al futuro dopo aver preso dal passato il meglio degli insegnamenti.
      Un abbraccio grande,
      Mary

      Elimina
  2. Aiutare gli altri per aiutare se stessi! Riempire il vuoto dell'angoscia ,quel buio grande che rischia di inghiottirci ogni giorno se non diamo un senso alla nostra vita,stiamo bene se siamo utili , se riusciamo un po'a strappare un sorriso ad un amico,se riusciamo almeno un po' a scacciare il dolore negli occhi di chi ci sorride e cosi cancellare anche un po il nostro. Cara Mary il tuo amore per gli altri ti porterà dove non ti immagini neppure perchè come ultimamente ha detto il nostro caro Papa Francesco ..la tenerezza ti porterà lontano!!! Un grande abbraccio!
    Ps ciao Ale cara...ti commenterei volentieri ,ma non riesco ad accedere ai tuoi commenti!! sono una frana! Baci.
    Mary..scusa se ho usato il tuo spazio...ma so che capirai!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre, Anto non sbagli mai.
      E' la continua ricerca di un senso alla mia Vita e soprattutto il dare un significato a quello che mi è successo, ciò che mi dona gioia portandomi alle stelle e a volte, invece mi sfinisce con la sensazione di inutilità e vuoto che riempiono giornate intere. Succede quando penso di peccare di presunzione, è vero... seguo il Cuore, ma farò sempre bene o semplicemente appagherò la mia vanagloria? Peggio ancora... e se facessi addirittura qualche danno? Spero di no, non potrei mai perdonarmelo.
      Pensieri controversi e normali ansie nel periodo che precede i controlli turbano a volte il mio "andar quieto" assecondando la Vita che va.
      L'ho detto altre volte, non sono Wonder Woman e spesso m'inginocchio ma per fortuna non finisco a tappeto... mai.
      Un abbraccio fortissimo, ringraziandoti sempre più.
      Mary

      P.S. Non devi scusarti... questo spazio non è solo mio e mi fa piacere che Tu sia accanto a me e non esclusivamente per me.

      Elimina
    2. forse perchè non voglio utenti anonimi... Mentre per scrivere a te??? Mi piacerebbe molto, hai un blog, sei su FB? Se conosci Mary privatamente, fatti dare la mia mail. Un grandissimo abbraccio. Ale

      Elimina
  3. Mi spiace non ho un blog e non sono su FB...e non riesco neppure ad avere la tua mail da Mary privatamente,provero' con l'aiuto di mia figlia ..sempre se avrà pazienza di aiutarmi ad iscivermi sul tuo blog per parlare un po' con te!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Ti lascio qui la mail,
    roby62da@libero.it
    Spero che riuscirai a leggere questo commento.
    Bacioni.

    RispondiElimina