maggio

maggio
maggio

venerdì 26 aprile 2013

Non era male nemmeno la tisana al tè verde di stasera... l'ho tenuto a lungo in infusione, voglio pensare che in questo modo i polifenoli si attivino per una maggiore efficacia... chissà!




"Ti avevo promesso un sorriso ma sono stata tanto male dopo l'ultima volta...", "... e allora!? oggi però è tutto passato...", e la mia nuova Amica un sorriso me l'ha regalato.
Tante volte mi chiedo cosa sarebbe stato di me se non avessi avuto tale "opportunità"... scambiarsi un sorriso, un dono mai inopportuno che gratifica e rasserena. Forse non sarei stata ora così "solare" nè avrei mai potuto affrontare e superare tanti momenti difficili che continuano a... presentarsi.

La stanza finalmente si era liberata ed ero stata chiamata per la visita. Mi accolgono due dottoresse, la prima dell'anamnesi ed un'altra dal "meraviglioso sorriso". Meno male...dico tra me... ogni tanto capita qualcuno che ci pensa, al sorriso.
 Sbrigate di nuovo le solite faccende burocratiche, altre domande in realtà sempre le stesse ma poste in modo diverso, poi...alla visita. Misurazione del braccio negligente suo malgrado ed anche dell'altro per annotarne la differenza... riflessi e sensibilità, limite nei movimenti e grado di dolore. Alla fine tutto ciò mi ha fatto capire di essere più limitata di quanto pensassi.
"Il problema è...", ho specificato, "... che lo sento molto affaticato dopo aver passato la scopa elettrica sui pavimenti", "Ma scherzate?! la scopa elettrica non la dovete usare assolutamente...", e la "dottoressa sorridente" si era fatta più che seria... scura in volto, ed io timidamente con un filo di voce... "non lo faccio più...", e mi sono sentita per la prima volta in tutta questa "storia", davvero penalizzata, molto di più dell'aver perso una mammella. Comunque la visita è proseguita e si è conclusa con la diagnosi di "disabilità dell'arto superiore destro", certamente di grado non elevato per carità, ma sentir dire questo mi ha un attimo destabilizzata. Quindi mi è stata prescritta una terapia... 10 sedute di linfodrenaggio manuale, 10 sedute di riabilitazione del braccio e della spalla... mi sono state risparmiate quelle dallo psicologo.
Evidentemente... nonostante tutto... hanno pensato bene non ce ne fosse bisogno.

9 commenti:

  1. Il linfodrenaggio da noi viene prescritto sempre, dopo l'intervento e/o dopo le terapie.... dicono di non misurare nemmeno la pressione nè di fare i prelievi dalla parte ammalata. Mi dispiace Mary per questo problema... Ti regalo il mio sorriso e un abbraccio, Ale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a questo momento, cara Ale per me non c'era stato bisogno di fare nulla, ma le situazioni cambiano e bisogna essere sempre pronti ad affrontarle e superarle. Passerà anche questa che tra le tante cose non è certo la più complessa.
      Grazie per l'abbraccio ma soprattutto per il sorriso... il Tuo per me è ancora più prezioso.
      Un bacio...
      Mary

      Elimina
  2. Buon sabato tesoro.....
    so che i tuoi giorni non sono facili,
    intuisco la tua grande sfida con la vita.
    ti auguro nuovi e futuri giorni verdi.. come il colore intenso di quella tisana.
    Il pensiero positivo aiuta, così come un'amicizia speciale,a questo poi le cure che non devono mai mancare,anche se penso ti stanchino molto!?
    Non hai necessità del supporto psicologico,
    Forse perchè in parte questo blog, ti permette di esternare tutto ciò che è dentro di te?
    In qualche modo ti aiuta?
    Ricorda che non sei mai sola, attraverso questa tua finestra sul mondo. ti siamo vicini con il cuore<3.
    Si forte!
    Gabry con tutto il mio Cuore Magico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gabriella, il blog sin dall'inizio è stato il supporto più importante, una sorta di autoterapia che mi ha permesso di mettere fuori tutta la negatività, mettendo in risalto il buono che c'era in me. Sono seguiti il "gruppo" su fb, che pur senza voler essere di auto-mutuo-aiuto, gli somiglia molto... e poi ancora sempre su fb, la pagina coi consigli sulla giusta alimentazione per non ammalarsi.
      Tutto questo mi è d'immenso aiuto... ma capita ogni tanto la giornata "no", per qualcosa di inaspettato ed anche senza alcun motivo.
      "Noi"... siamo così... difficili da capire e da amare... a volte sfibranti da stancare.
      Grazie, Amica cara... un abbraccio forte,
      Mary

      Elimina
  3. Buon fine settimana cara Mary!!! Sempre avanti.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE, Amico mio... anche per Te.
      Mary

      Elimina
  4. Cara Mary sempre mi meraviglia la tua forza ,il tuo lato positivo di vedere il bicchiere mezzo pieno,mi meraviglia ma non mi stupisce ,tu sei un ruscello che scorre nei monti,scorre a volte lentamente ,a volte impetuosamente..ma che nel suo cammino disseta tutti quelli che incontra!!!
    Sempre tanti baci e un grande abbraccio!!!
    Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica Anto, un abbraccio e un sorriso anche per te.
      Ale

      Elimina
    2. Amica mia... Ti dirò, l'ho imparato in tempi recenti a vedere il bicchiere mezzo pieno, ho capito che conviene. Non sia mai non fosse così... dovrei dare di testa ma di brutto con tutte le ansie a cui si va incontro! Ma dai, va bene comunque... e poi con tanti Amici come Voi che senza conoscermi siete capaci di donare tanto affetto, posso dirmi davvero fortunata.
      GRAZIE a Tutti e a TE in particolare, cara Anto che giungi sempre quando non puoi mancare, perchè... lo sai... Tu mi rassereni come nessuno.
      Un bacio...
      Mary

      Elimina