ottobre

ottobre
ottobre

giovedì 12 gennaio 2012

Pensieri che esulano dalla banalità del quotidiano s'accavallano nella mente, generando emozioni forti che incidono sull'animo...
T'accorgi allora d'essere venuto fuori da Te stesso... quasi te ne compiaci... soddisfatto di quella percezione appena carpita, come fosse felice intuizione.
E' da un po' di giorni che mi trovo a vivere una simile "situazione"... il termine non mi piace molto, potrei anche dire, "stato" o "condizione"... poco cambierebbe. E' qualcosa che mi fa sentire sospesa... come fossi di passaggio o in un momento di transizione.
Molti, forse troppi perchè simultanei, sono i cambiamenti nella mia Vita in questo momento... faccio fatica quasi... a rendermene conto, a farli miei. Devo comunque fare in fretta... concentrarmi e guardare d'ogni mutamento che cosa c'è di positivo, perchè il positivo c'è sempre e da un'analisi attenta verrà di certo fuori.
Essendo da sempre molto riflessiva, ora lo sono diventata ancor di più... osservo ogni cosa con occhio attento, notando tutte le sfumature, così... dopo un iniziale scoramento trovo sempre la motivazione... giusta... per tirarmi su, tornare a galla e rimanerci.
Tante volte si resta chiusi in se stessi... a mo' di riccio... anche nell'ambito della famiglia. Arroccati in convinzioni, condizionati dai propri principi arriviamo persino a "giudicare" i figli, e senza conceder loro il beneficio del dubbio c'ostiniamo a pensare che certi atteggiamenti non cambieranno mai.
"Ma come può essere stato possibile... ho creduto col mio modo di parlare, d'agire di costituire un buon esempio... d'aver inculcato sani principi e buoni insegnamenti, ed ora... invece..." Ecco, il punto è proprio questo... "aver creduto"... e quindi "essere stati poco attendibili"... Ma poichè di tanti semi posti a germogliare, almeno qualcuno porterà frutto... forse tempo passerà... ma un bel giorno la "sorpresa" potrà superare l'"aspettativa". Come quando da bambina ponevo sotto la coltre candida d'ovatta una decina di fagioli perchè mettessero radici. Ogni giorno un po' d'acqua e tanta speranza di vedere qualcosa... di nuovo. L'impazienza e la delusione per me che nella "piccola" mente dava la cosa scontata. Poi... all'improvviso... quando non ci speravo più e quasi rassegnata pensavo che i semi germogliassero solo agli altri... la sorpresa, una... due... tre radichette a sollevare quel bianco riparo.
Se ci credi... mai disperare... prima o poi, se non tutto, almeno qualcosa ritornerà.

12 commenti:

  1. Davvero mi dai modo di riflettere su questo tuo scritto.E sono anch'io della convinzione che se semini nella maniera giusta se non tutti i semi gettati ma sicuramente alcuni si spunteranno,e anche belli sani e forti.
    Un abbraccio dolce Mary e che sia una buona giornata
    Pinuccia

    RispondiElimina
  2. Oh Mary carissima quanto sono belle le tue parole, mi piace leggerle e vorrei riuscire a metterle in pratica
    Ti abbraccio
    Emi

    RispondiElimina
  3. Non ti preoccupare Mary, che alla fine i semi piantati germoglieranno, e ti daranno tanta soddisfazione!Devi solo essere paziente...Ti abbraccio e anche se non sempre commento non mi perdo mai il tuo "diario" quotidiano!
    Cri.

    RispondiElimina
  4. oh, sì Mary cara, quando meno te lo aspetti i germogli donano nuova vita.
    Sta serena che chi ben semina ben raccoglie..
    Bacio serale da Costy

    RispondiElimina
  5. Lo speriamo... Pinuccia... dobbiamo sperarlo e un po' anche convincercene.
    Tanto amore, tanto impegno non possono essere infruttuosi.
    Un grosso bacio,
    Mary

    RispondiElimina
  6. Le mie parole, carissima Emi, nascono dall'esperienza di un vissuto che non vuole essere sterile, ma che già si proietta nel futuro, sentendosi ricco ed altrettanto generoso.
    Non è difficile da mettere in pratica... Basta provare.
    Un caro abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Grazie, Crì... per la fedeltà e... tutto quanto.
    E' vero, bisogna essere pazienti... ed io lo sono... caspita, se lo sono!
    Un bacio, cara Amica.
    Mary

    RispondiElimina
  8. Meraviglioso! La donna "velata" si "svela"... finalmente! Quel viso... era un peccato tenerlo nascosto. Costy cara... Amica mia... so che prima o poi qualcosa germoglierà... spero solo che venga bene, come il Cuore di ognuno di Noi desidera.
    Un abbraccio alla "stupenda" Amica... in tutta la Sua bellezza.
    Mary

    RispondiElimina
  9. Grazie, Cavaliere... anche a Te, di cuore!
    Mary

    RispondiElimina
  10. beh..sai Mary tra poco è carnevale allora mi gongolo un po con ii costumi che cucivo da sola con grande piacere. Bella...forse lo ero..ora mi accontento di sperare di essere bella dentro...
    Un bacione grande
    Costy

    RispondiElimina
  11. Oh... Costy, sei ancora così giovane... puoi ben "sperare" d'esser bella anche fuori.
    Per "esserlo dentro" c'è tempo... credimi!
    Un bacio enorme anche per Te.
    Mary

    RispondiElimina