settembre

settembre
settembre

lunedì 31 ottobre 2011

Voglio che anche questo sia un segno di forte positività...
Sto spostando piano piano l'attenzione da  me stessa... da quelle che sono le mie ansie, i miei timori per il Futuro... ai miei figli... alle loro ansie, ai loro timori per il Futuro... che poi si traduce tutto in... aspettative troppo spesso deluse.
Allora.... mi si potrà obiettare... c'è poco da essere positivi! Invece la penso diversamente... mi distraggo dalle mie problematiche legate alla malattia... quali disturbi, esami, controlli... e mi focalizzo su di Loro...prosecuzione di me stessa. Non che sia cosa facile... ma m'impegno... con risultati alterni... ma m'impegno.
Ad esempio... tra due giorni ho un'altra ecografia addominale completa... fino ad ora c'ho pensato poco perchè la mia mente è stata tutta per i figli... per star loro dietro... non essendo per entrambi un momento troppo facile.
E questo mio non pensare a me o pensarci poco e il  rivolgermi a loro con tutta l'energia possibile sono la prova di quanto grande sia la fiducia in un comune domani.
Più positivi di così....
E' comunque vero che in tal senso tanta è la fatica... ma quando mai è stata meno? Fin da quando erano piccoli e poi in crescendo con la loro età...
Mi viene in questo momento una citazione della poetessa contemporanea Alda Merini... "I figli si partoriscono ogni giorno"... il che vuol dire vivere un quotidiano travaglio per loro... darli alla luce nel raggiungimento degli obiettivi... e gioirne... e poi soffrire ancora...
Mi chiedo se e quanto se ne rendano conto...
Del resto ha poca importanza...
Il mio "cammino" di madre è iniziato più o meno trent'anni fa... continua ancora e forse non finirà mai nemmeno quando non ci sarò più... quando... spero... continuerò a... vivere nel Cuore dei miei figli... in ciò che da sempre ho cercato di trasmettere loro...
Mi piace porre come conclusione di questi miei pensieri  una lirica della già citata poetessa, Alda Merini, che secondo me ben sintetizza gli intenti e l'impegno di una madre...

                               BAMBINO...
Bambino, se trovi l'aquilone della tua fantasia
legalo con l'intelligenza del cuore.
Vedrai sorgere giardini incantati
e tua madre diventerà una pianta
che ti coprirà con le sue foglie.
Fa delle tue mani due bianche colombe
che portino la pace ovunque
e l'ordine delle cose.
Ma prima di imparare a scrivere
guardati nell'acqua del sentimento.

14 commenti:

  1. Bellissimo questo tuo scritto,carico di emozioni e di sentimenti che solo una mamma sa provare e tutto l'amore per i propri figli che solouna mamma sa donare.
    Bellissima la paoesia di questa grande donna.
    Un abbraccio fortissimo e buon ognissanti
    Pinuccia

    RispondiElimina
  2. Sei una donna ed una mamma meravigliosa cara Mary.....con questo tuo scritto sei riuscita a descrivere in pieno che cosa significa essere mamma e su come la vita cambi, perche' non si pensa piu' a se' ma a loro....
    Ti abbraccio forte e ti auguro buon ognissanti!
    Cri.

    RispondiElimina
  3. ...è così Amica Cara...focalizzare l'attenzione sull'altro ci permette di rendere dormienti i nostri ensieri...dubbi...affanni...con i Figli poi, è così naturale...a volte penso che ci siano donati proprio per spostare la nostra attenzione da noi stessi...vedo persone sole...attorniate solo da costosi oggetti, belle case con giardini incantati ma mai vissuti...chissà cosa darebbe per potersi donare al prossimo...ma non gli è concesso...chiusi in una bolla dorata per mano , a volte , degli stessi Figli...convinti di proteggere...mentre tarpano le ali all'Amore...
    auguroni per il Tuo esame...un abbraccio..
    dandelìon

    RispondiElimina
  4. Cara Mary, so che sei una mamma e come tutte le mamme ti preoccupi. E so anche che io sono figlia, quindi ho altre preoccupazione e non posso capire quelle di una mamma.
    Ma la preoccupazione non serve, anzi peggiora lo stato delle cose perché infondi loro energia negativa. Mamma, che è stata un'ottima mamma (per carità) con il suo modo di fare mi ha spesso danneggiata.
    Comunque hai scritto un bel post, carico di sentimenti veri! Baci e buona festa!

    RispondiElimina
  5. Molto bello ciò che hai scritto, lo condivido pienamente... Capisco anche il commento di Maria, ma una mamma è sempre una mamma... Io lo so che mio figlio è ansioso per colpa mia, ma sono fatta così!
    Buona serata cara Mary.
    Ale

    RispondiElimina
  6. Ciò che ho scritto è l'espressione emozionale di un momento... particolare e fortemente sentito... come dire... "vorrei fare di più... ma non so"...
    E nello stesso tempo è un voler tornare indietro... a tanti anni fa, quando iniziò la mia storia di madre... con l'entusiasmo e la gioia che le erano dovuti.
    Un abbraccio forte e un augurio anche a Te, cara Pinuccia.
    Mary

    RispondiElimina
  7. E' vero... cara Cri... una madre non pensa più a se stessa... o si pensa "riflessa" nei suoi figli. Infatti se così non fosse significherebbe annullarsi e neanche questo sarebbe giusto... proprio per i figli stessi.
    Diventare madre... per me... vuol dire "potenziarsi"... essere migliore avendo una ricchezza in più.
    Baci ed auguri anche a Te,
    Mary

    RispondiElimina
  8. Beh... mia cara... quella di mettere in gabbia... se pur dorata... i genitori per proteggerli... a me sembra piuttosto una scusa, un alibi perchè non reggendo un tipo d'Amore che col passar del tempo può diventare pesante... un vero e proprio fardello... preferiscono se non liberarsene almeno limitarlo... "... tarpando le ali all'Amore" come Tu dici saggiamente. Ma noi lo sappiamo... questo non potrà mai essere giusto.
    Ti abbraccio con immenso affetto,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Vedi... Maria, da quando ho realizzato in pieno l'idea che i miei figli sono ALTRO DA ME... individui a sè stanti in tutto e per tutto... io limito molto la preoccupazione o per lo meno non la dò a vedere... non servirebbe. Le loro opinioni non sono le mie... le loro scelte non sono le mie scelte. Non nascondo che a volte ci soffro un po', ma è un mio problema e in quanto tale me ne curo. I Figli si amano "a prescindere" non per premiarli.
    Un bacio alla "più autonoma" ma anche dolce delle figlie,
    Mary

    RispondiElimina
  10. Carissima e dolce Amica... "Tu sei fatta così"... è vero... ma, sinceramente... Tu sei a tuo agio con Te stessa fatta così? Mmmh... non so... Allora perchè dovrebbe esserlo Tuo figlio?!
    Lo ami... questo è sicuro... perciò per il sentimento che Ti lega a Lui... cerca di essere un po' meno simile a Te stessa e un po' di più a quello che Lui vorrebbe...STARETE MEGLIO ENTRAMBI!
    Un bacio grande... esclusivo... solo per Te... Amica cara,
    Mary

    RispondiElimina
  11. sempre una perla da scoprire quando si giunge qui nel tuo scrigno di gioie.

    Un bacio dolce per te .)

    RispondiElimina
  12. Lo vedi come sei?! E così... si può mai fare a meno di Te? Secondo me... NO!
    Ripensaci... mia cara.
    Con affetto... sempre con tanto affetto,
    Mary

    RispondiElimina
  13. Grazie Mary , per la tua saggezza.
    Ti bacio,
    Ale

    RispondiElimina