dicembre

dicembre
dicembre

domenica 6 novembre 2011

Ero senza parole ed ancora una volta mi rendevo conto di quanto a volte la realtà superi la fantasia...
Oppure è il contrario... è la fantasia che rielabora le situazioni reali in immaginazione?... In entrambi i casi si arriva all'assurdità degli eventi... Uno di questi l'avevo vissuto in prima persona quando mio padre ed io ci eravamo ammalati della stessa malattia... il cancro... nello stesso periodo. Da allora... da quella situazione ai limiti del paradosso tutto avrebbe preso un corso diverso... la Vita stessa... come un treno sugli scambi.
A pensarci... questo voler raffigurare la Vita come un treno m'era venuto in mente tempo prima... quando era venuta a mancare mia madre... forse per trarne motivo di conforto... chissà?!
L'esistenza di ognuno inizia dapprima con pochi passeggeri... essi aumentano via via che s'attraversano le stazioni... portano i loro bagagli, diversi per colore e grandezza... bagagli che comunque portano peso. Avanza di continuo... sotto la sferza impietosa delle intemperie... nella tranquillità della stagione mite... col caldo torrido dell'insofferenza. Su questo Treno della Vita... il Viaggio... breve o lungo che sia... s'arricchisce di conoscenze ed esperienza... vede momenti di tristezza e di felicità. Va avanti... cullato dall'andatura regolare... poi succede... era previsto sul percorso un deviatoio... e cambia direzione... su un altro binario verso la sua meta. Questa però non è la stessa per tutti i passeggeri... qualcuno scende prima e se ha lasciato anche un piccolo segno del suo interagire... resterà l'alone della sua presenza... il posto vuoto, ma difficile da occupare...
Tutto questo mi torna nel pensiero ricordando cosa è stata... cosa è divenuta la mia Vita dall'avvento del tumore fino ad oggi...
Ho incontrato... incontro ogni giorno tante persone che diventano miei compagni di viaggio...
Insieme percorriamo un tratto, poi qualcuno scende e non lo vedo più... ma di lui mi resta qualcosa... una caramella... un crocifisso... una preghiera o anche un semplice ritaglio di carta con un numero di telefono... sempre qualcosa.
Arrivano altri compagni su questo Treno della Vita e il Viaggio continua... da oggi... fino a quando?

6 commenti:

  1. ...fino a quando?...fino a quando Tu vorrai incontrare...accogliere...condividere...la vita è un treno senza sosta...certo ci sono le fermate...chi scende e chi sale...ma sempre, comunque in viaggio...
    un abbraccio Mary Cara..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. Grazie Mary!!!ho guardato e letto con le lacrime agli occhi.E' proprio così la nostra vita,e cerchiamo davvero di viverla al meglio fino a quando......
    Un abbraccio fortissimo per tutto quello che mi dai.
    Pinuccia

    RispondiElimina
  3. C'è chi sale, c'è chi scende... Ma questo viaggio deve durare il più a lungo possibile, con tanti amici, per poter condividere almeno una parte del nostro percorso.
    Grazie di questo video, che mi ha fatto venire gli occhi lucidi... Tornerò a guardarlo sicuramente (forse lo copierò, se a Te non dispiace)!!! Buon Lunedì dolcissima Mary.
    Un abbraccio,
    ale

    RispondiElimina
  4. Sì... mia cara... un viaggio senza fine...
    Perchè anche quando sarà arrivato a destinazione, tornerà poi indietro... per altra direzione... nella memoria di Chi questo viaggio continua...
    La Vita... un treno sempre in viaggio.
    Ti abbraccio forte,
    Mary

    RispondiElimina
  5. Bisogna goderselo questo viaggio... carissima Pinuccia... sfruttare ogni momento che lo metta in luce... fino a quando? Me lo sono chiesto... Sempre, senza porvi limiti... è stata la risposta.
    Un abbraccio grande e grazie a Te per essere sempre qui presente.
    Mary

    RispondiElimina
  6. Cara Ale... ho scelto questo video... meraviglioso, a mio parere... perchè vi ho trovato il mio stesso modo di vedere e vivere la Vita. Paragonarla poi ad un treno rende bene l'idea del viaggiare sui binari... ordinatamente... sempre con lo stesso ritmo verso una destinazione stabilita.
    E' questo un pensiero che mi dona... non so perchè... molta serenità.
    Cara... ora, con un abbraccio... esclusivo... solo per Te... Ti auguro una notte serena.
    Mary

    RispondiElimina