ottobre

ottobre
ottobre

sabato 12 novembre 2011

Veramente "il tradimento" della lavatrice m'aveva alquanto disturbato e piuttosto innervosito e, in un primo momento avevo pensato pure di non uscire... rinunciare. Ma a che cosa sarebbe servito restare a casa in contemplazione  di una macchina che m'aveva  girato le spalle ovvero ... il cestello? Così mi sono precipitata per le scale giusto in tempo per veder arrivare davanti casa mia l'autobus n. 11... Trafelata mi son sbracciata...l'autista, bontà sua, si è fermato.
Durante il tragitto per l'ospedale continuavo a... pensare a quell' "accidente"... pensavo soprattutto al bucato... ostaggio di una lavatrice senza pietà. Prima di scendere avevo telefonato all'Amore della mia Vita per raccontargli che cosa era successo... " E dov'è il problema?" mi aveva risposto, "la rottamiamo e ne compriamo un'altra." "E i panni?" " Buttiamo anche quelli... che c'mport!? "
Devo ammettere che essere circondati da persone "... che c'mport "(ricordate... una delle "mie amiche"?) aiuta molto...è uno sprone notevole a dare la giusta valutazione ad ogni cosa, però... nonostante questo... "No... mio caro... ai panni non rinuncio! E poi... ci sono le tue camicie nuove..." "Beh... se ci tieni tanto alle mie camicie... Dai... stasera risolviamo il problema... basterà mettere fuori il cestello... Porto a casa gli attrezzi, le chiavi speciali... vedrai... salveremo almeno i panni." Meno male... pensavo... bisogna solo aspettare a stasera... Ma il bello doveva ancora cominciare...
A sera... armati di tutta la buona volontà... mio marito con i suoi attrezzi speciali ed io con la massima pazienza... siamo partiti al recupero della biancheria perduta... Iniziava così il braccio di ferro con la macchina infernale. Ad una ad una le viti venivano via, palesandosi più numerose del previsto... Quando credevi che fossero finite ne spuntava subito un'altra... mimetizzata... quasi a farti un dispetto... E poi... bulloni su bulloni... Ma quanti bulloni può avere una lavatrice? In breve tempo ci siamo trovati con innumerevoli viti sparse un po' dovunque...sulla mensola sotto lo specchio... sulla scarpiera... sul pavimento. Tutto intorno i pezzi sparpagliati... in disordine... ormai inassemblabili. E del cestello? Neanche l'ombra... Sembrava  sigillato... chiuso in una cassaforte.
Alla fine il compagno della mia Vita non c'ha visto più e ha cominciato a prenderla a martellate... la lavatrice... poi ha tagliato i fili... ha girato e voltato quella carcassa con la forza della disperazione... e ad un certo punto... quando non ci credevamo ormai più... il cestello ha ceduto... è venuto fuori... e ha rassegnato le dimissioni.
Aveva cercato di resistere... forse per ottenere un'altra possibilità... ma come potevamo concedergliela dopo quello che c'aveva fatto?

16 commenti:

  1. Sembra proprio un bel racconto dove per una volta tanto il buono l'ha vinta sul cattivo (la lavatrice!!!!)
    Sei forte Mary grazie per avermi fatta sorridere,mi piace come racconti i fatti di vita vissuta.
    Un abbraccio Amica cara e buona spesa per la lavatrice nuova e mi raccomando comprane una che si bella brava e docile e magari con il cestello sul davanti.........
    Pinuccia

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Mary! Certo che ce ne vuole della pazienza perchè si arrivi alle dimissioni di qualcosa di scomodo che tiene in ostaggio quello che ci appartiene. Ma alla fine la pazienza viene premiata ed..EVVIVA ci siamo liberati di qualcosa di scomodo. Ora speriamo che la nuova lavatrice ci faccia un bel bucato bianco candido! Buona domenica Mary a te e all'amore della tua vita.

    RispondiElimina
  3. Mi fà quasi tenerezza, la poveretta...ma lo si sà, quando è giunto il suo tempo, a riposare dovrà andare. Missione "salvezza bucato" a buon fine...se siamo in pausa, c'è sempre un qualcosa che giunge a risvegliarci dai nostri pensieri...nella manualità, il segreto per una mente leggera...un abbraccio Mary Cara..
    dandelìon

    RispondiElimina
  4. Autentica vita quotidiana mi pare...

    RispondiElimina
  5. Divertente questo post. Ho assistito alla scenetta che mi ha ricordato altre scenette simili della mia vitad. Perché, a chi non è capitato di lottare contro questi elettrodomestici-mostri che governano la nostra vita?:-)

    RispondiElimina
  6. Peccato che siamo lontane, Ti avrei mandato mio marito (riparava elettrodomestici). Che bello leggerti, qualunque sia l'argomento!!! Fai un buon acquisto, ti abbraccio.
    Ale

    RispondiElimina
  7. Bellissimoooooooooo questo racconto! mi pareva di essere lì con voi!!!
    a proposito di: ""che c'mport"" la sto adottando anche io... funziona!!!

    RispondiElimina
  8. Già fatto... mia cara! La lavatrice nuova è già posizionata... bella carica... domani entrerà nel pieno delle sue funzioni.
    Sì... questa ha il classico oblò... non dovrebbe fare scherzi. Almeno spero!
    Sono contenta di riuscire anche a far sorridere... Nella Vita... non è che si sta sempre a piangere.
    Un bacione,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Chi la dura la vince... cara Galadriel... e quindi... non importa... anche se con le martellate... CI SIAMO RIUSCITI! Ora ce n'è una nuova... crediamo in lei... nella sua novella capacità. Vorrà deluderci anch'essa? Vorrà dire che cambieremo ancora.
    Buona serata... mia cara... ed un abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  10. E' vero, Dandelion... avere a che fare con le cose pratiche... per cui necessita l'opera delle mani... distrae molto. Soprattutto è quel ritorno alla quotidianità e a tutti gli "inconvenienti" che la riguardano, che fa tanto bene perchè dona alla mente e allo spirito la leggerezza giusta per sollevarsi.
    Grazie a Te... per questo spunto di riflessione.
    Felice serata con un abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  11. Grazie... dottore... la Tua presenza mi onora molto.
    Un caro saluto,
    Mary

    RispondiElimina
  12. A Tutti... cara Ambra... a Tutti, per questo il mio racconto ha suscitato il sorriso.
    Poi il rivedersi in situazioni vissute da altri... secondo me... funge quasi da terapia.
    In futuro... per situazioni analoghe... ci sarà maggiore propensione a riderci su e a stizzirsi meno.
    Un saluto affettuoso,
    Mary

    RispondiElimina
  13. Peccato davvero... Amica del Cuore... e non solo per la mancata riparazione.
    Però... dai... siamo vicine lo stesso... se Tu hai pensato addirittura di voler darmi aiuto!?
    Per me è un piacere trovare sempre tra gli altri il Tuo commento... vuol dire che non Ti annoio e questo già mi basta.
    Ale cara... con tutto il Cuore... t'abbraccio forte forte,
    mary

    RispondiElimina
  14. E potevi avere dei dubbi... Amica mia? Certo, "che c'mport" funziona sempre... e non ti dico poi... se lo ripeti più volte al giorno... l'effetto è potenziato al massimo.
    Prova... Patrizia... prova questo alto dosaggio... Non te ne pentirai!
    Un bacio,
    Mary

    RispondiElimina
  15. :) persino la lavatrice hai reso protagonista..ottima scrittrice!! ;)

    RispondiElimina
  16. Buttare una lavatrice nuova per non essere capaci a ripararla?!!? E poi parliamo di crisi!? Contenta tu... e comunque MAI e dico MAI si lascia una carica dall'alto per una frontale!! http://vivalalavatrice.blog.tiscali.it/2009/06/02/lavatrice____a_carica_dall_alto____1991549-shtml/?doing_wp_cron

    RispondiElimina