maggio

maggio
maggio

sabato 18 maggio 2013

Quel giorno almeno il sorriso me lo fece perchè la volta appresso si scusò... era stata troppo male per "esercitarsi al sorriso" ogni mattina, però prometteva, l'avrebbe fatto così sarebbe venuta "ben preparata". Fui io allora a sorriderle, e il regalino?!... glielo diedi ugualmente per incoraggiamento.
C'è una sottile ma profonda tenerezza che mi prende quando mi trovo in situazioni come questa e fa sì che, pur sentendomi io una tra i tanti, assuma un atteggiamento accudente e materno... questo però non si limita a mera esteriorità, "si posa" come tale e poi "scava dentro" e lì "si ferma e resta"...
Un posto per ognuno che non va dimenticato. Cosa strana è... che più faccio spazio tanto più numerosi sono i "posti"... non mi stanco e mi carico di energia, soprattutto quando i saluti sono affiancati da un "... grazie per la compagnia e... insomma per tutto", perchè è in quel "tutto" la grandezza e forza della condivisione, un peso che diventa più leggero in quanto diviso a metà e se si è in tre, quattro finisce quasi con lo scomparire.
Due compagne di stanza... vicine ma ognuna per Suo conto... una sfogliava la guida turistica della Spagna, l'altra guardava il soffitto e... la flebo con una metodicità a dir poco maniacale. Entro io e comincio a proporre i "gusti nuovi" delle caramelle... i "pazienti" sapete, sono molto esigenti ed anche capricciosi , quindi ho capito che ogni tanto anzi abbastanza spesso, bisogna dare ascolto alle opinioni, richieste e... rinnovarsi. Le due Amiche di buon grado accettano le caramelle poi cominciano a raccontarsi, per prima l'Amica "amante dei viaggi".
"Una batosta terribile quella che mi è capitata, avevo come ogni anno prenotato il viaggio per il mese di agosto ed ora sfuma tutto. A me piace moltissimo viaggiare... non m'interessano abiti o gioielli, ma al mio viaggio annuale non rinuncio... quest'anno sarei andata in Thailandia...", "Ah... una cosetta da niente!", ho replicato io e poi... "dai, considera questo una sorta di anno sabbatico, una pausa di riflessione anche per ricaricarsi. Quando riprenderai a viaggiare lo farai con uno spirito completamente rinnovato e sarà ricchezza ancora più grande."
Intanto l'altra Amica dallo "sguardo attento e preciso"... "Beata Voi che ve li potete permettere tutti 'sti viaggi, io mi limito a lavorare all'uncinetto ed adesso è diventato difficile e costoso pure quello... è l'unico mio svago, non mi fa pensare a quello che mi è successo non una sola volta ma due. Una mammella? Addio... la seconda? Beh... abbiamo salutato pure quella!"
Sempre della serie... "non è mai abbastanza"... eppure con soddisfazione... "si resiste!"

4 commenti: