agosto

agosto
agosto

giovedì 9 maggio 2013

Col tempo ho imparato ad andare da sola, a bastare a me stessa ed ho scoperto che è anche meglio, almeno per dominare la situazione e poter controllare ciò che provo.
E ieri pure all'ecografia, da sola... come sempre "corredata" di tre bottigliette d'acqua ed una rivista per ingannare l'attesa. Avevo cominciato a bere già durante il tragitto e la prima delle tre era quasi finita. Arrivo e c'è già una signora che era evidente avesse bevuto molto più di me, pochissimo dopo si presenta "la ragazza" con il foglio della prenotazione da annullare poichè Le avevano scambiato tipo di esame...
"Devo entrare io, eh!? Io devo entrare per forza... sono qui dalle sette e mezza a bere, bere, bere. Non ce la faccio più!"...una puntualizzazione inutile dal momento che si capiva a vista sia l'ordine di arrivo che la "necessità impellente", della serie... parlo, tanto per farmi notare. Intanto io prendo a bere dalla seconda bottiglietta e metto in ordine le solite "scartoffie" che mi porto dietro ad ogni esame. La "signora precisa e puntuale" e la "ragazza" cominciano a discorrere sulla sanità caotica e in rovina, ed io ho già finito la seconda bottiglietta ed ho in mano la terza e, visto che ci sono bevo subito un sorso anche da lì. Sfoglio la mia rivista ed ascolto... ne avrei da raccontare anch'io ma preferisco rimanere concentrata e per questo continuo a... bere. Ormai mancano tre dita per terminare l'acqua dell'ultima bottiglietta. Si apre la porta dell'ambulatorio e con "la signora in pigiama" esce anche quella che sembrava dovesse essere un'assistente...
"Che cosa deve fare?", domanda di rito... "Devo consegnare l'impegnativa per l'ecografia...", "Ha bevuto?", a domanda rispondo... "Certo... quasi un litro e mezzo...", "Un momento...  che ha bevuto non vuol dire niente. Ha lo stimolo di..."
Bene... forse il tedesco non lo capisco proprio, d'inglese qualche termine mi sfugge, ma l'italiano, quello no, è la mia lingua e la conosco bene, di conseguenza se mi si fa una domanda chiara io rispondo altrettanto chiaramente, se poi... strada facendo "qualcuno" si perde non è certo per mia responsabilità e non è compito mio "riportarlo" sulla retta via, comunque... niente di nuovo se non il personaggio, di un'altra serie che spesso si ripresenta... sono qui ma preferirei essere altrove.
   (continua)

Nessun commento:

Posta un commento