ottobre

ottobre
ottobre

giovedì 15 marzo 2012

Mi son fatta prendere dall'euforia per l'importante traguardo raggiunto dal mio blog, e... non ho raccontato il resto che ha contribuito a rendere particolare solo perchè più serena la giornata di ieri.
Niente di eclatante o eccezionale, per carità... ma minime cose, piccole novità che... come i tiepidi venti di primavera... portano all'ampio respiro.
Forse perchè avevo smesso di "contare" ed avevo ripreso il mio "percorso del sorriso", ad ogni momento della giornata ho dato un'interpretazione ed un valore preciso, a cominciare da una telefonata proprio mentre ero sul punto di... uscire ed avevo Biù Biù ancora in braccio dopo la toilette del mattino. Era piuttosto tardi per quello che avevo da fare, ma nonostante tutto ho risposto con l'entusiasmo di sempre riconoscendo la voce dall'altra parte.
"Tu lo sai..." m'ha detto,"ogni tanto ho bisogno di sentirti... per qualche dubbio ma anche solo per la voce. Ti ho mai detto che hai una voce che rassicura?" Oh sì... ma l'aveva detto un sacco di volte... me lo dice ogni volta che mi telefona... sempre alla stessa ora.
Però, di nuovo... ancora si tira in ballo la "mia voce". Mi verrebbe voglia di ascoltarla da "esterna" questa mia voce.
Me lo dicono in reparto... "mi era parso di sentire la tua voce..."
L'anziana padrona di casa che non m'aveva ancora mai vista, e con cui parlavo al telefono per la prima volta... "che bella voce giovanile, molto dolce".
E l'Amore della mia Vita? Di me s'era innamorato ascoltando la voce che di certo l'aveva molto colpito se dopo incontrandomi non aveva mostrato segno di delusione.
La Voce, la voce... devo esserne ormai convinta... ho una bella Voce, una voce che serve e non solo per "comunicazioni di servizio". Posso essere utile in qualcosa per qualcuno... va bene così, vale la pena di continuare a... credere che il vento favorevole durerà.
Poi, più tardi una seconda telefonata, un'altra Amica... "Non so come fare... mi hanno dato la prenotazione per l'eco-addome a luglio, ma è troppo tardi. Mi dai una mano... tu sai di più."
In verità so meno di niente... tra reparti, sportelli e laboratori mi muovo come gli altri, districandomi in labirinti e gimcane. Però... in due si può fare meglio, e allora rispondo, va bene... ci vediamo lunedì.
E non è quindi solo la Voce a rendersi utile... ma qualcosa di non visibilmente concreto ma pur grande.
E' la Volontà di non essere Una che è solo circondata da Tanti... un'isola sconosciuta perchè deserta e abbandonata... bensì di sentirsi tutt'uno con Chi le è intorno, dare appoggio e riceverne anche quando le acque non sono poi tanto tranquille e difficoltosa diventa la traversata.

18 commenti:

  1. ciao Mary,
    grazie della tua visita che ricambiamo con gioia e ci piace essere le prime (101) dei tuoi 200 futuri lettori!!
    E che dire di questo vento che gioca con queste lenzuola stese ad asciugare..fa allegria!!
    Auguri belli per tutto.
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Apine belle... siete il N.1 di una, spero lunga serie. Il fatto che inizia con un animaletto simbolo di operosità la dice lunga... lo vedo come un buon augurio.
      Grazie per essere qui, Vi abbraccio con affetto, e... a presto!
      Mary

      Elimina
  2. Sei una mano tesa che mai si tirerà indietro.
    Buona giornata Mary con un abbraccio fortissimo
    pinuccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai... Pinuccia cara. Una volta che si prende una strada come questa non si può ma neanche si vuole tornare indietro.
      Sempre avanti dunque... e sempre col sostegno di Tutti Voi.
      Un abbraccio fortissimo, Amica mia.
      Mary

      Elimina
  3. Complimenti per il post,sei grande!OLGA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Olga!
      Sono grande... dici?! Piuttosto... sono in crescita, e voglio continuare a... esserlo.
      Un bacio,
      Mary

      Elimina
  4. Questi sono i post che i tuoi amici vorrebbero sentire! ma già non tutti i giorni sono uguali.
    Cara Mary ti auguro che come questo giorno cene siano tantissimi.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tomaso... con Amici come Voi è facile scacciare il grigiore dei giorni bui.
      Grazie, allora per l'Azzurro che sapete donarmi.
      Mary

      Elimina
  5. sei meravigliosa tesoro...un abbraccio enorme per te..weee siamo a quota 101!! ahaha di sto passo prima dell'estate devo venire a magnà la torta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Costy... chi t'ha detto che necessariamente dobbiamo arrivare a 200 per mangiare una fetta di torta di mele insieme?
      Possiamo anticipare il tutto, festa compresa... Sarebbe un meraviglioso augurio, non credi?
      Bacio bacio,
      Mary

      Elimina
  6. mi piace molto l'idea dell' UNO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'UNO... per me, caro Soffio non è unicità... è l'inizio di una serie, di una catena che potrebbe ad un certo punto anche essere chiusa, ma dall'INDEFINITO. L'UNO è certo ma non solitario... in questo modo solamente può dare volto e voce alla Speranza.
      Un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  7. Sai che anche un mio vecchio amico era "innamorato" della mia voce? Abbiamo qualcosa che ci accomuna...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente in comune abbiamo una voce che "lascia il segno".
      Meglio così... continueremo a... essere ricordate.
      Un abbraccio, Lella cara.
      Mary

      Elimina
  8. Verrebbe proprio voglia di ascoltarla la tua voce perché si ha sempre bisogno di una voce amica e particolarmente nel settore dove lavori (visto che parli di reparto). Ed allora incidila e mettila sul blog, così tutti noi potremo approfittarne. Un amichevole abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  9. Chissà... caro Elio... può essere che prenda in considerazione la cosa.
    Ma non rimarrete delusi poi... Voi Tutti, Amici cari?
    Mary

    RispondiElimina
  10. Carissima Mary, devo ammettere che ascoltarsi dall'esterno, sentirsi parlare dal di fuori e gustare il suono strano e nuovo della nostra voce che pur sempre nostra è da anni, è esperianza davvero strana ed emozionante! Mi è capitato di fare questa esperinza un mese fa circa...un'occasione triste, dolorosa, spiacevole direi...per il semplice fatto di avere ascoltato una voce, la mia voce, pregna di sgomento, dolore, delusione e disperazione...ma sempre della mia voce si trattava! Quanta pena mi ha fatto quel suono! Lieto di essere passato da qui, ti auguro vita lunga e prospera! A presto.

    RispondiElimina
  11. Caro Amico, quando si ha l'occasione di sentire la propria voce dall'esterno vuol dire percepirla in riproduzione... perchè "registrata". In tal caso non penso che sia proprio fedele almeno come suono, e poi anche il "tono", il modo in cui si modula non ci appare come nostro perchè non ci riconosciamo.
    E' tutto molto strano.
    A me piacerebbe sentire la mia voce così come arriva a Chi l'ascolta... potrei "valutarla".
    Ma a pensarci bene...no, non potrebbe essere perchè sarei troppo di parte.
    Grazie per essere di nuovo qui, Legolas e un abbraccio Ti raggiunga in simpatia.
    Mary

    RispondiElimina