agosto

agosto
agosto

mercoledì 7 marzo 2012

Il mare si ritira dopo l'alta marea e la spiaggia torna libera e tranquilla.
Con la quiete sulla battigia lascia i segni... conchiglie e alghe, pochissime stelle marine e anche qualcosa che con il mare non aveva nulla a che fare. A tale vista il Cuore segue di nuovo il Suo ritmo... l'orecchio percepisce nell'insieme l'assenza di rumore... la vista si bea di "quel piccolo tesoro".
Raccolgo quello che voglio fare mio... ritengo nella mente tutto il resto.
Si rastrella la sabbia fino alla prossima...
Per un po' si continua a... guardare, più a lungo a pensare... poi la Natura riprende il Suo corso.
Per quanto sia noto ogni aspetto non c'è limite allo stupore e pure allo sgomento... sembra troppo, molto più della volta precedente. Non può essere perchè mancherebbe l'equilibrio... non può essere perchè la Natura rispetta l'Uomo, ma questi fa altrettanto?
Oggi che Valeria è ripartita m'è venuta in mente quest'immagine... la spiaggia dopo l'alta marea, e ad un certo punto mi chiedo il perchè di tanta "desertificazione" dentro,  dopo quel senso di nodo alla gola... di acqua che sale fino a toglierti il respiro. Forse perchè sono consapevole di non essere una perfetta nuotatrice e di saper appena mantenermi a galla.
Il "problema"quindi è mio...
Un tempo bastava essere convinti che tutto doveva andare in un certo modo... mantenersi nei limiti per non sbagliare... nessuno si preoccupava di capire.
Oggi al contrario si ha la pretesa di voler comprendere tutto, al contrario non si capisce nulla e non si vive più... quando invece sarebbe più facile ed efficace seguire la natura e non contrariarla.
Così alla prossima "alta marea" basterà porre argini nella mente... senza timori...
Come sempre, alla fine del Suo tempo...il mare si ritirerà.

10 commenti:

  1. Cara Mary oggi il giorno della donna, tu come donna hai dimostrato che la donna sa parlare di tutto ed fa incantare in ogni cose che si impegna di fare! Questo post cara amica lo dimostra.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Amico caro... le Tue parole mi confondono e commuovono.
      Ti stringo in un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  2. 8 Marzo..Quanta strada è stata fatta in questi ultimi decenni nella direzione della emancipazione e liberazione della donna, ma ne rimane ancora tanta da fare, che 8 marzo sia festa della donna tutto l'anno!!...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' chiaro che questa data è una convenzione presa da un evento importante, però è un segno, almeno un tentativo perchè le cose vadano sempre meglio.
      Impegnamoci Tutti... donne ed uomini... perchè sia così, Emancipazione e Parità senza prevaricare.
      CIAO, Giancarlo, e... grazie.
      Mary

      Elimina
  3. Bellissimo post Mary,tanti auguri a te che sei una donna straordinaria!OLGA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E a Te no, Olga? Tutte le donne sono straordinarie, quindi anche TU.
      Un bacio,
      Mary

      Elimina
  4. Passo per farti tanti auguri cara Mary, la festa è tutta nostra!! ;)
    Passa una buona giornata, un abbraccio forte

    RispondiElimina
  5. Auguri anche a Te... piccola donna.
    E un grande abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  6. Cara Mary ti faccio tanti cari auguri in questo giorno dedicato a "noi donne" messo fra virgolette perchè era anche il titolo di un nostro giornale. Le belle manifestazioni che facevamo, tempo fa, per far valere i nostri diritti, le facevamo sempre in questo giorno ed era sempre un giorno sacrificante fatto di levatacce e giornate in piedi a urlare e manifestare. Ora le donne escono da sole alla sera e vanno a vedere lo spogliarello maschile..per i loro diritti??? Mha!?!? Buona serata ti abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Galadriel... cara, mi fa molto piacere risentirti.
    Eh sì, hai ragione... c'è grande confusione oggi fra i vari tipi di "libertà" che le donne reclamano. Ma c'è una bella differenza... rivendicare i propri diritti nell'ambito della società è cosa diversa da quella che(chiaramente ironico) era ed è una prerogativa tutta maschile... prendersi delle "libertà".
    Mantenere il proprio ruolo elevandolo in altri ambiti ed averne rispetto con dignità impone fermamente il rispetto dall'altra parte.
    Questa, secondo me... è la vera emancipazione.
    Felice di abbracciarti ancora,
    Mary

    RispondiElimina