luglio

luglio
luglio

sabato 30 luglio 2011

Con Manu la storia fu un po' diversa...
Erano un paio di mesi che navigavo nel web... il blog cominciava a crescere, riscuoteva successi e per me scrivere ogni giorno un post era diventato un appuntamento importante. Un pomeriggio ero su "Dure come muri" quando lessi il messaggio d'ingresso di una nuova amica... Manu Manu. Ne restai molto colpita, forse per l'analogia con il mio caso, o le terapie, di certo comunque per il senso di smarrimento e di paura che le sue parole tradivano. Fu un attimo... le scrissi un messaggio privato... e lei mi rispose presto... molto presto. Restai stupita per tanta rapidità... lessi la sua risposta... mi resi conto di aver visto giusto. Manu s'era aggrappata alle mie parole come ad uno scoglio ed in me aveva visto (non so se giustamente...) l'ancora di salvezza per non andare alla deriva... era terrorizzata. Tutto il percorso la spaventava, e questo era comprensibile... temeva di morire, ed anche questo lo era... ma voler "stagnare in quella palude", no... quello non lo si poteva capire nè giustificare. Non è che non capiti a tutti, ma è doveroso per se stessi e per gli altri che sono vicino, scrollarsi di dosso quella patina di autocommiserazione che fa da alibi ma non paga. Quello che deve accadere accadrà, ma che almeno si resti in piedi con il rispetto della dignità.
Con Manu tanti ma davvero tantissimi  scambi di parole ci sono stati ... fu lei questa volta a trovarmi su fb e tra messaggi privati, lunghe chiacchierate in chat ed interventi in comune con altri, si può dire che siamo state sempre insieme. L'"ho accompagnata" alla prima chemio, la "rossa", le ho fatto coraggio quando è stata male, le sono stata accanto anche in seguito per le dodici settimane del TAXOL... "IO CI SARO'"... erano le mie parole quando la sera prima di ogni appuntamento terapeutico mi chiedeva, "Domani, Mary sarai con me a tenermi la mano?" Ed io c'ero... virtualmente ma c'ero... con il pensiero, con la preghiera... col sentirmi immedesimata in quella sua situazione che fino a tre mesi prima era stata anche la mia. Manu mi ha sempre chiamata "suo Angelo Custode". Forse è troppo grande per me questa responsabilità... non me ne sento degna. Io ho sempre visto lei come un cucciolo spaurito che si sente minacciato e si nasconde per non cadere in trappola... tante volte avrei voluto abbracciarla, ma davvero, fisicamente ed aiutarla a stare in piedi, ben eretta a guardare negli occhi chi la minacciava... sicuramente non avrebbe avuto più paura.

6 commenti:

  1. "Dignità"...splendida parola hai usato Mary...nell'abbandonarci al dolore s'innesca un meccanismo di autosuggestione negativo...esso è deleterio per l'animo che si strugge di perchè...mentre ha solo lo scopo di far emergere la Luce che abbiamo dentro e non riusciamo a vedere...ecco che , nelle parole, seppur scritte di un 'Anima buona, riconosciamo il buono che ci viene donato per infondere coraggio...e perseguire il cammino in risalita verso un'esistenza libera da paure e blocchi interiori che ci impediscono un sereno cammino per la via della guarigione...che dolce compagna ha trovato in te...l'abbraccio che le inviavi era sentito e dunque sapeva giungere al cuore dell'amica carico dell'energia dell'amore che tutto può..
    è sempre un piacere leggere i Tuoi passi Mary...un raggio di Sole giunga a Te per un radioso giorno in armonia ed emozione..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. Grazie delle tue parole e uno in bocca al lupo per il futuro.Mi unisco volentieri ai tuoi lettori;saluti a presto

    RispondiElimina
  3. ciao, anche questa volta sei riuscita a farmi scappare una lacrima! e tanti brividi...
    un abbraccio immenso♥

    RispondiElimina
  4. Dandelion cara, hai colto nel segno... Quando io, fortunata, sono riuscita dopo un primo momento di sgomento, a far venir fuori la Luce di cui parli, ho sentito prepotente il bisogno di non tenerla tutta per me. Se il Buon Dio mi aveva dato questa opportunità non era per chissà quale mio merito... dovevo metterla a frutto. Da qui nasce il mio comunicare "con tutto il cuore" perchè... il cuore ci sta tutto.
    Grazie per le belle, bellissime parole che mi rivolgi... sei un'anima splendida.
    Un abbraccio immenso.
    Mary

    RispondiElimina
  5. Un caloroso "Benvenuto" al nuovo amico dalla spiccata sensibilità... ho letto ciò che scrivi...sei molto bravo.
    Un saluto e spero di rileggerti presto.
    Mary

    RispondiElimina
  6. Se riesco a suscitare tutto ciò, amica mia, vuol dire che i miei sentimenti appaiono così come li ho nel cuore... chiari... forti... incontenibili. Grazie per tutto... anche per le lacrime.
    Un bacio.
    Mary

    RispondiElimina