giugno

giugno
giugno

venerdì 26 settembre 2014

QUANDO I PENSIERI PRENDONO A TAL PUNTO...


C'è voluta l'intera mattinata per tornare "funzionante" al 100%. Come mi avessero staccato dalla corrente all'improvviso e riattaccato col "salvavita" in tilt. Colpa della notte quasi insonne, passata coi pensieri e con le "ombre", nulla che riguardi me direttamente ma che alla fine mi prende lo stesso.
Faccio un gran parlare di forte rinascita interiore, e poi arrivo a sentirmi così, come non avrei pensato... anche stavolta ho peccato di presunzione, e di questo il buon Dio mi perdoni.
Eh già, proprio Lui... Dio.
Passano giorni, mesi, a volte pure anni e lo lasciamo tranquillo quasi a non voler disturbarlo, poi una preoccupazione, un picco d'ansia all'improvviso e ci torna in mente la preghiera. Perché così un giorno ci dissero di fare per rivolgerci a Lui ed essere ascoltati.
E stamattina rifacevo il letto e pensavo... cose di "economia domestica" in generale, e "accidenti" vari nel particolare, tutto sommato pensieri inutili, considerato che in certe condizioni poco o niente può essere cambiato, anche perché poco o niente dipende da te. Poi stanca di "elucubrare", ho pensato che in quel momento ci stesse meglio una preghiera, anzi la Preghiera... il "Padre Nostro". Dal Cuore è arrivata muta alle labbra, e come quattro anni fa si è fermata a metà. Sembrava non la ricordassi più.
Credevo niente mi avrebbe più scalfito... sono forte ora... mi dicevo, mi rendo conto però di non esserlo abbastanza e certamente non lo sarò mai, almeno non del tutto, perché c'è sempre qualcosa di più grande che ci sovrasta e che minaccia la nostra presuntuosa sicurezza. Anche piccole prove per crescere e maturare mettono in evidenza la vulnerabilità, le "grandi" poi testano le doti... intelligenza, coraggio, resilienza.
Certe volte è una gran fatica andare a bracciate per raggiungere la riva.
Oggi, quando arrivata a metà non sapevo proseguire, mi sono rivolta a Dio con le "semplici parole"... esattamente come quattro anni fa.
Questa sono IO... dammela TU, quella spinta giusta... elimina da me l'"inutile", dammi l'"essenziale".

4 commenti:

  1. "Passano giorni, mesi, a volte pure anni e lo lasciamo tranquillo quasi a non voler disturbarlo, poi una preoccupazione, un picco d'ansia all'improvviso e ci torna in mente la preghiera."...come è vera questa frase!
    Buona settimana, cara Mary ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, cara... una buona domenica per Te.
      Un abbraccio...

      Mary

      Elimina
  2. Con voi, sto perfino iniziando a pregare.... Tante grazie amiche care.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possiamo essere che felici per questo. Credere e pregare costituiscono una marcia in più... qualunque sia il "credo".
      Un bacio.

      Mary

      Elimina