giugno

giugno
giugno

giovedì 25 settembre 2014

ARMONIA


Una volta lessi una frase che mi colpì e piacque così tanto da diventare la "linea guida" di ogni mia giornata, soprattutto quando motivazione ed umore non erano proprio al top.
Vivere è un insieme d'istanti, un insieme di emozioni.
Sarebbe bello se ad ogni momento della vita potesse corrispondere una forte risposta emotiva, ogni respiro sarebbe più intenso, tutto avrebbe più significato e ci sentiremmo stimolati ad emozionarci sempre di più, per prolungare gli istanti e quindi allungarci la vita. Tutto può emozionare, non occorrono grandi eventi, può bastare l'alba di un nuovo giorno, il volo di un gabbiano e persino un dono fatto o ricevuto con il cuore. Non è questa forse la ricchezza dell'anima? E più ti emozioni e più ti senti vivo, istante dopo istante.
Quando l'esistenza pone un freno alla sua corsa ti ritrovi a cercare le cose che contano veramente, i gesti con un valore, i fatti che passano ma lasciano un segno. In particolar modo presti attenzione a tutte le persone che incontri... sai che puoi dare e altrettanto ricevere, le angosce reciproche sono sedate e si ristabiliscono gli equilibri.
Da quella volta presi a considerare il tempo concesso non più un "percorso ad ostacoli", ma una "caccia al tesoro" se con qualche penalità, pure la sicura "scoperta del gruzzolo" di emozioni.
Perché ogni singolo giorno ha un suo valore speciale, come una gemma che deve brillare di luce propria e che insieme alle altre ha da rendere prezioso il gioiello che è la vita.
Prima di addormentarmi penso a quello che farò il giorno dopo, a qualcosa che dia gioia e non solo a me, serenità alla mia famiglia ad esempio, e per le persone che incontrerò riservo un saluto speciale che faccia sentire unici. A chi poi, come me ha vissuto o vive un momento difficile... tutta la partecipazione che allevia il senso di solitudine nella sofferenza.
Un piccolo dono, una frase o una carezza per dire... sono con te, ti capisco, ti sono amico.
Niente va dimenticato, nessuno deve sentirsi trascurato.
Il "pensiero affettuoso" è armonia, ripara le "note stonate" di momenti così, privi di un motivo.

2 commenti:

  1. Anch'io, sai, prima di addormentarmi, ma anche quando sto vivendo un momento difficile, penso a qualcosa di bello fatto o da fare e un po' mi rassereno.
    Nessuno come te, qui, sa parlare di sentimenti, emozioni e sensazioni... ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, lellina... è un grosso complimento quello che mi fai. E' ulteriore motivazione per andare avanti.
      Un abbraccio...

      Mary

      Elimina