giugno

giugno
giugno

lunedì 28 ottobre 2013

L'isola incantata

Un Amico ha definito così... come "isola incantata",  il modo mio, tutto personale di affrontare l'attuale realtà... un post tumore che "riconosce" quel che è stato, l' "accetta" e con cauto ottimismo "sceglie" di andare avanti... sperando.
Mi è piaciuta davvero tanto questa definizione perchè sa di favola, di rifugio e tranquillità... tutto ciò che serve ad una persona come me, per l'anagrafe della Sanità, una 048... un codice di cui non vergognarsi ma andare fieri... visto che sono ancora qua!
Stasera all'appuntamento quindicinale del gruppo di auto mutuo aiuto ha partecipato anche una dottoressa della radioterapia, credevamo in veste professionale, poi solo in ultimo abbiamo appreso da Lei stessa che era una di Noi, 048 come Noi... e l'ha detto quasi con orgoglio. E' caduta come una coltre spessa e il "camice" che indossava non ha contato più... c'è stato chiaro anche il "perchè" del Suo sorriso, tanto speciale... praticamente permanente senza essere stereotipato.
 Un "sorriso" appunto da... isola incantata.
Non so spiegare bene che cosa succede, anche a me... ma quando mi ritrovo con Tutti gli altri, con quella periodicità che fa tanto "attesa" ricca di aspettative... tutto cambia.
Ieri era stata una giornata così così, conclusasi... così, anche con il magone da contrarietà... stamani ho scelto il "silenzio" come compagno, ma nel pomeriggio magicamente mi sono ritrovata nella mia isola incantata, dove le lacrime brillano perchè preziose, le parole e i pensieri diventano "perle" come le definisce il Nostro facilitatore, e la speranza prende corpo nel darsi appuntamento di qua a due settimane...
Ci impegniamo a ritrovarci... per esserci ancora con quella forza, determinazione ed entusiasmo da... 048!

4 commenti:

  1. Ciao Mary. Quando si riesce a parlare dei propri problemi anche con altre persone coinvolte nel problema, ci si sente sicuramente meglio e si riesce a superare anche i momenti di sconforto. Ti dico di continuare a credere e ti invio un amichevole abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la forza della "condivisione", caro Elio!
      Ridimensiona la paura, annulla il senso di solitudine.
      Io ci credo fortemente, ci credo davvero... e senza dubbio voglio continuare a... percorrere questa strada.
      Grazie per le Tue parole... e un grande abbraccio.
      Mary

      Elimina
  2. Succede anche ai medici... anche se sono medici purtroppo non sono "esclusi" dal male. Come sempre ti regalo un abbraccio Mary e continua così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, Ale cara... in questa battaglia per la vita nessuno può sentirsi escluso. Ed è bello vedere TUTTI UNITI, senza barricate... insieme da un'unica parte.
      Ti abbraccio anch'io... come sempre, e un bacio.
      Mary

      Elimina