ottobre

ottobre
ottobre

lunedì 21 ottobre 2013

E si ricomincia

Non è possibile che siano passati già sei mesi... ma sono sei davvero?
 In verità poco più di cinque, perchè bisogna partire da lontano per arrivare in tempo.
Neanche si dovesse salire sul podio per essere premiati... e poi quanta fatica in quel ripercorrere un "dolore" forzatamente "smussato", "edulcorato" da pensieri positivi a volte raccattati qua e là... per non morire.
Mi si perdonerà se stavolta non sono così pimpante... è che da oggi si ricomincia.
Secondo controllo dell'anno appena partito... ne avrò per l'intero mese che viene... terminerà poco prima di Natale. E se tutto andrà per il meglio... quest'altra proroga sarà il regalo più bello. Un tratto di strada... uno "strapuntino" di vita ancora.
Comunque da oggi... meno uno, e guardiamo avanti.
Quando entri nel vivo di questi appuntamenti, la cosa che conforta è che mentre aspetti il Tuo turno il senso di solitudine si annulla, come pure quello di "unica vittima sacrificale", e se poi guardi intorno e ancor meglio prendi a "socializzare", scopri anche di essere stata "superfortunata" in questa sorta di "lotteria" al contrario.
Stamattina ad esempio in una sala d'attesa c'erano due donne molto più giovani di me... sicuramente alla Loro età non avevo assolutamente quel certo tipo di ansie e pensieri. Poi... anche l'esperienza affina forza e capacità nel dolore... la soglia dello stesso si fa più alta, e l'affidarsi a ciò che sarà senza lasciarsi andare diventa la strategia più grande.
Così può succedere che se in attesa di un esame un tantino "invasivo" senti un grido provenire dal luogo dove di lì a poco ti troverai, non perdi la calma e non Ti prende la paura... perchè ricordi bene quante ne hai viste e passate nel corso degli anni, soprattutto gli ultimi...
Credevi sempre di non farcela... eppure, passo dopo passo... proroga dopo proroga sei arrivata fin qui...

8 commenti:

  1. Cara Mary, credo che il periodo dei controlli, sia mentalmente ancora più in salita di tutto il resto, però tu devi pensare che i controlli si fanno per stare tranquilli ! Immagino le tue ansie e le tue paure ed è inutile dirti di pensare positivo, solo tu sai quanto sia dura. Spero con te che questo periodo passi velocemente e nel frattempo ti abbraccio forte, ciao Brunella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Brunella per il sostegno. Sono sempre positiva... guai se non lo fossi, e "mi nutro" di speranza... assaporandone il gusto nelle piccole gioie quotidiane e con la condivisione di ogni emozione.
      Ti abbraccio anch'io con affetto...
      Mary

      Elimina
  2. Io ci andrò il 13 novembre, coraggio cara, io sono lì con te. Non hai visto volare una farfalla? Ero io, sulla tua spalla...
    Baciobacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Anna Maria... una farfalla che vola intorno è la speranza che si fa concreta.
      Che sia così davvero...
      Continua a... volare, leggera.
      Un abbraccio...
      Mary

      Elimina
  3. Coraggio Mary, i controlli si devono fare....anche se se ne farebbe volentieri a meno...non posso che dirti in bocca al lupo e incrociare tutte le dita per te. Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Paoletta! Grazie per esserci... quando occorre TU ci sei sempre, con l'augurio e l'incoraggiamento giusto.
      Ti abbraccio forte anch'io e... grazie ancora.
      Mary

      Elimina
  4. i controlli si possono pensare e fare come se dovessimo andare dal parrucchiere o estetista e poi ci si guarda indietro ed è finito tutto...siamo delle combattenti...quindi cos'altro ci può fermare? nulla che non abbiamo già sperimentato...Vi abbraccio tutte!!! Forza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni parola, incoraggiamento forse anche "rimbrotto", da TE è "infusione" di forza e speranza.
      Grazie, Iannina... grazie davvero.
      Ti abbraccio forte e stretta con tutto il Cuore
      Mary

      Elimina