ottobre

ottobre
ottobre

sabato 3 novembre 2012

E continuo a... pensare a come potrei fare perchè del sogno non sia solo una realizzazione bella ma speciale... in sè e per quello che potrà dare in termini di "frutto"... e sia chiaro non è "interesse" o "grande lucro" ciò che intendo.
Oh, no... è ben altro... sarebbe il filo sottile che unisce tutte le mie felici intuizioni per dare un senso a ciò che mi è capitato... una linea di continuità perchè non sia stato vano.
Non faccio la sfinge per essere misteriosa  o divertirmi al pensiero di Chi legge, corruga la fronte e pensa... ma che vorrà dire?... ma sì, non ha niente da dire e le butta lì tanto per dire.
Faccio la sfinge perchè già nel mio pensiero è tutto un mistero o un'idea forte e azzardata o semplicemente un "sogno" che la volontà non vuole solo in bianco e nero ma "a colori", e perchè no?... anche in "cinemascope"!
Ma occorre procedere per gradi... ed intanto raccolgo altre soddisfazioni.
Mi viene estemporaneo un pensiero... giuro, proprio in questo istante... più che un pensiero è un riferimento della memoria collegato ad una mia insegnante di liceo. Non Le stavo molto simpatica, mi considerava una che faceva la timida... una timida per caso, potevo studiare notte e giorno legata ad una sedia come l'Alfieri, per Lei più della sufficienza non meritavo. Ma era nei compiti d'italiano che dava il meglio di sè nel valutarmi... "stupendi deliri" giudicava gli elaborati ove l'attributo sembrava smorzare la gravità del sostantivo.
Una volta smisi di essere una timida per caso per diventare non proprio casualmente audace... Mi presentai alla cattedra e le chiesi spiegazioni... finalmente avrei saputo che diamine intendesse per "stupendo delirio" e perchè mai il voto che lo accompagnava era sempre e solo... 4... 4 più... 4 e mezzo... o 4 meno meno, in conclusione quindi uno stupendo delirio di una miseria desolante.
Spalancò gli occhi vedendo che tanto avevo osato, poi azzardò una spiegazione che non stava in piedi neanche a metterle una stampella... "Figliuola cara... Tu conosci il latino, vero?! (n.b. sottile vena ironica)... delirare, nella lingua dei padri... de- lira, vuol significare- uscire fuori dal solco- insomma, cara figliuola... sei uscita fuori dal seminato ovvero fuori tema!" "Ah, bene..." Le risposi a tono... "... sempre stupendi deliri, sempre fuori tema... quindi praticamente, pazza!" E tornai al mio posto ridendo.
Tale azione di forza prima con me stessa cambiò la mia posizione agli occhi della severa, intransigente ed ora possiamo dire anche visionaria insegnante d'italiano... che in seguito mi ritrovai...ahimè, come membro interno alla "temuta" maturità.
E fu in quella occasione che straordinariamente si fece "Cassandra" nei miei riguardi...

10 commenti:

  1. Non riesco a capire bene quanto scrivi... Hai un sogno ... Ebbene ti auguro con tutto il cuore che possa divenire una realizzazione speciale come vuoi tu e a colori!!!...altro non so dire, ma una cosa voglio puntualizzare: considerando come scrivi , e tu sai che mi piace molto, quella professoressa non poteva non essere Cassandra nei tuoi riguardi
    Ti abbraccio Mary , con tutto il mio affetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, Paoletta cara... sono un po' troppo sibillina ma solo perchè Tutto è ancora in embrione. E poichè amo condividere ogni mia piccola emozione subito, nell'immediato è venuto fuori ciò che ho scritto.
      Mi perdonerete? Spero di sì... e intanto dentro di me continuo a... coltivare "questo sogno" per poter presto condividerlo con Voi.
      Un abbraccio infinito...
      Mary

      Elimina
  2. Mi piacciono questi post, all'apparenza un pò "contorti" ma poi, a leggerli con calma molto interessanti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dici, Soffio... saranno "molto interessanti" perchè tra le loro righe "storte" ben si celano i messaggi del mio inconscio?

      Mary

      Elimina
  3. Cara Mery lotta dunque per i tuoi sogni e non lasciare che niente e nessuno li ostacoli,lotta per diventare cio' che comunque eri destinata ad essere.
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia... ho già lottato e vinto la mia battaglia. CI SONO... e questo potrebbe già bastare ma voglio fare di più... condividere il modo in cui ho raggiunto questa splendida consapevolezza e la gioia di possederla.
      Tanti baci...
      Mary

      Elimina
  4. hai un sogno di cui non osi neanche parlare? ;-)
    E' legato al bel quadro che hai postato?

    ahaha, Mary la criptica, mi piace!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Linda cara... di questo mio sogno non "oso" ancora parlare perchè è ancora in una fase delicata... un po' più oltre di una "magica intuizione". Il bel quadro che ho postato in un certo senso lo rappresenta... qualcosa di indefinito ma dai colori rasserenanti.
      La SERENITA'... un sogno da TUTTI inseguito ma da POCHI raggiunto... solo per non essere stati in grado di VEDERE.
      Un bacio.
      Mary

      P.S. Sono contenta di piacerti anche così... CRIPTICA!

      Elimina
  5. Sinceramente all'inizio non ti seguivo, ma poi poco a poco ho compreso. Alle superiori io avevo invece la professoressa di francese che, neanche a pagarla, mi dava la sufficienza, anche se in realtà non ero molto male. Per fortuna che avendo la media del 7 nelle altre materie, passavo con il voto di consiglio. Come sai ora vivo in Francia. Bello il quadro di Carla che vado a trovare sul suo blog quando posso. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico mio, lo so... rileggendomi se non fossi stata io a scrivere non avrei capito, ma ripeto... spero presto di essere più chiara anzi chiarissima e di poter gioire con TUTTI VOI della realizzazione di un sogno che potrebbe portare giovamento a tanti.
      Ma non aggiungo altro per non essere ancora più misteriosa e confondere ulteriormente.
      Ti ringrazio come sempre e T'abbraccio...
      Mary

      Elimina