maggio

maggio
maggio

giovedì 11 ottobre 2012

Se ne era andata solo da qualche settimana... ricordo ancora quelle parole... " quando mi vorrai pensami intensamente ed io ti prenderò in braccio come quando eri piccola..."
Fu un sogno... il conforto del mio inconscio, non so ma quel "dire" rimase impresso nella mia mente e stampato nel Cuore.
Più volte ho ripreso alla lettera quell'invito e il pensiero a Lei rivolto è stato più che intenso... una preghiera.
Quando mi sono ammalata ed ho cominciato il difficile percorso, in tutti i momenti in cui mi sembrava di non farcela... ho chiuso gli occhi e all'improvviso mi sono sentita leggera come se il "peso" non fosse più solo mio.
Ed anche ora...
Dopo quattro mesi che non la vedevo mia figlia è tornata a casa, è rimasta quattro giorni e sono due che è ripartita.
 Un vuoto che dà languore allo stomaco, un senso d'inquietudine anche perchè le cose non vanno poi tanto bene. Non la vedo serena e questo mi preoccupa. Non poco.
Un GRAZIE a... Rossella Marangoni
Non ci resta che aspettare e l'attesa fra alti e bassi fa star male.
Ed anche oggi... stamattina ho chiuso gli occhi ed ho pensato intensamente... come mamma alla mia mamma, a quelle notti in ospedale a vegliare un sonno discontinuo e faticoso, a raccogliere le Sue parole come testamento di un'anima generosa.
Di Lei ho scritto più volte in queste mie pagine e non a caso sempre quando la serenità si offuscava all'improvviso come il cielo nel mese di marzo...
Misi giù anche dei versi ricordando l'ultimo "dono", un paio di scarpe che le erano appartenute e a me piacevano tanto. Qualcosa che in seguito ha assunto il valore di una sorta di "reliquia" dal profondo significato simbolico...

                                                 NON CI SEI PIU'

Mamma, non ci sei più.
Sei andata via, in silenzio, piano piano.
Te ne accorgesti. "Sono al capolinea".
Non capii le tue parole.
"Devo andar via con dignità, con le mie gambe".
Non volevo capire.
Poi le lacrime, le dolci insistenti carezze, il bisogno di te.
"Ma mi amereste sempre?!?"
"Certo, mamma... anche di più!"
Cedesti per amore, con dolore.
Una notte: "... quelle mie scarpe che ti piacevano tanto... prendile tu.
A me, da domani non serviranno più.
Non servono le scarpe a chi non ha più gambe."
Poi fu un silenzio carico di comprensione.
Guardo ora quelle scarpe.
E' l'ultimo dono... malinconica nostalgia di una mamma che non c'è più.

14 commenti:

  1. L'amore per tua madre,l'amore di tua figlia ...tutto torna in un cerchio d'affetto che non vi lascerà mai soli! Vi proteggerà e vedrai che arriverenno anche per la tua piccola giorni di sole bellissimi!Sono sicura che tutto il tuo affetto e il tuo amore,saranno una ricchezza umana cosi' forte ,che poi per forza arriveranno anche la stabilità e la serenità.
    Un abbraccio ad una mamma forte e serena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara... per la mia "piccola" il sole è ancora ben celato da nuvole che pur chiaramente passeggere restano ostinate al loro posto.
      Passerà questo momento, lo so bene ed anche Lei lo sa anche se per rabbia non vuole ammetterlo anzi l'aggrava prendendosela col mondo intero e soprattutto con se stessa.
      Passerà... perchè TUTTO prima o poi passa e poi si vedrà quanto e di Chi sarà stata più grande la forza.
      Scusami... il mio è stato uno sfogo fatto ad un'Amica perchè pur non conoscendoci tale Ti considero.
      Mary

      Elimina
  2. Con le lacrime agli occhi ti stringo forte.
    Serena giornata amica mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE, Pinuccia e, nonostante tutto, sempre con un sorriso Ti abbraccio forte.
      Mary

      Elimina
  3. Ciao Mary,chi è sensibile si ritrova sempre a pensare agli affetti piu' cari presenti e passati!Nasce il desiderio di averli vicino ma si puo' solo con il cuore!Anche io ho un figlio lontano da quasi un mese e vorrà restare lì dove,mi manca,poi penso che è vivo e vado avanti!Un grosso bacio!Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Rosetta... hai ragione, la cosa più importante è sapere che ci sono, sempre e comunque e che NOI possiamo vegliare su di Loro anche da lontano.
      Un caro abbraccio,
      mary

      Elimina
  4. Mary, che meraviglia di post! Mi hai fatto pensare alle ultime ore della mia mamma, che diceva "Ma quanto ci vuole per morire?"...ma basta, sennò piango...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, cara lella...il ricordo delle Nostre mamme ci commuove sempre e grande è l'emozione al pensiero di cosa hanno contato per Noi.
      Anche io mi ritrovo spesso in lacrime a evocare soprattutto la Sua voce il cui suono per mia volontà "ripercuote" l'udito, perchè resti impressa per sempre e da me indimenticata.
      Un abbraccio.
      Mary

      Elimina
  5. Forse era meglio non leggere oggi il tuo post.... Già ho pianto tanto!
    Un abbraccio cara Mary.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia, Ale... Ti ho fatto prima sorridere e poi piangere.
      Mi dispiace tanto!
      Ma la Vita è questa... un misto di riso e pianto e a volte tanto si apprezza il primo perchè si è conosciuto l'altro.
      Asciuga perciò le lacrime, cara Ale e torna a sorridere perchè si gira sempre pagina ed è meglio che sia sempre TU a farlo per prima.
      Un bacio.
      Mary

      Elimina
  6. Quale che sia la nostra età, la mamma è sempre presente nel ricordo, pensata, rimpianta e desiderata come quando bambino ci accarezzava per asciugare le nostre lacrime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti... avesse anche cento anni non sarebbe mai il tempo giusto per non esserci più.
      I figli, anche inconsapevolmente sentono sempre il bisogno della "protezione" materna e pure quando arrabbiati sembrano prendersela con Chi ha dato Loro la Vita, sanno di trovare nella propria mamma il porto sicuro da ogni tempesta.
      Un abbraccio.
      Mary

      Elimina
  7. Ciao Mary, io sono convinto che siamo sempre seguiti da quelli che ci hanno preceduto nel mondo parallelo, come mi piace definirlo. Io penso sempre a mio padre che ci ha lasciato molto tempo fa, mentre mia madre che ha 96 anni è ancora con noi. Purtroppo in questi giorni si trova all'ospedale a causa di una caduta. Niente di rotto e sembra che non sia in pericolo, ma sono sempre preoccupazioni. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  8. Come dicevo prima, caro Elio... la mamma è sempre la mamma e la vorremmo con Noi per tutto il tempo che ci è concesso da vivere. Ma pur essendo questo logicamente impossibile soffriamo molto anche quando solo la vediamo poco bene... perchè temiamo di perderla.
    Un augurio grande per la Tua mamma di pronta guarigione e un forte abbraccio per Te.
    Mary

    RispondiElimina