agosto

agosto
agosto

martedì 30 agosto 2011

Quando mia madre era in vita ed io venivo a trovarmi in difficoltà o avevo qualche problema, bastava che le telefonassi per tornare tranquilla e serena. Mi chiedo se a tutte le figlie faccia quest'effetto la voce della mamma... eh, sì che la mia era proprio speciale, una "M"amma con la maiuscola.
Oggi non sono in difficoltà... problemi grossi non ne ho... ma vivo una sorta di disagio perchè non posso essere al 100% la persona che vorrei... perchè non arrivo a capire il motivo per cui ad alcuni piaccia tanto complicarsi l'esistenza... vivere non in amorevole armonia con gli eventi.
Stasera perciò voglio fare un sogno ad occhi aperti... immaginare di poter ancora parlare al telefono con la mia mamma... di telefonare lassù...
Lei mi risponderebbe come sempre faceva, nel suo dialetto che tanto amava, "Pront'... che staje  facenn?" (pronto, che stai facendo?) mi pare di sentirla...( anzi qualche volta me la faccio da sola questa domanda... con la sua stessa cadenza, e torna nell'illusione a vivere "con" me e "in" me), e poi... poi comincerei a dirle tutto ciò che è successo... che succede... come se non lo sapesse già...
"Ti ricordi come vivevi i tuoi rapporti con la gente, tutta, senza distinzione... ti ci buttavi con tutta l'anima... anch'io ora faccio lo stesso, ma non per imitarti... Tu non puoi essere imitata. Mi son trovata a fare più o meno le tue cose, così... senza accorgermene ed ho provato la sensazione di vivere "in differita" una vita parallela alla Tua. Mamma... quanto hai sofferto per non essere sempre capita! Ma purtroppo non siamo tutti uguali e certi atti di "generoso coraggio" non possono essere sempre comprensibili. E ai tuoi figli quanto hai dato? Tanto...  tantissimo e quanto poco, dopo tutto ti abbiamo reso. Ed era vero quello che ci ripetevi...ora LO SO... "Una mamma campa cento figli, cento figli non campano una mamma". Dimmi... dimmi come devo fare ad essere la mamma che vorrei pur consapevole di questa verità. Perchè un giorno... desidererei lasciare un'eredità simile alla Tua...
Ripetimi che non bisogna arrendersi mai... rialzarsi sempre... accontentarsi anche di un semplice tozzo di pane, perchè "basta che c'è la salute!" E quand' anche questa viene meno..."Comunque vada sarà un successo..." perchè sarà fatta la volontà di Dio, con la fiducia nella Sua grazia.
Mamma... hai ascoltato questo mio sfogo? Perdonami... lo sai che sono così. E mi pare di sentirla, "Non t' preoccupann'... non c' p'nzà." (non ti preoccupare... non ci pensare) "Mamma...Ti voglio tanto bene!" e lei che mi risponde ancora una volta, "Lo so."

13 commenti:

  1. Che bello questo tuo discorso con la tua mamma||||
    Sai parlo anch'io con la mia e mi fa tanto bene è davvero come se lei fosse ancora per un attimo con me e questo basta a rasserenarmi.
    Buona giornata cara Mary e un abbraccio forte forte.
    Pinuccia

    RispondiElimina
  2. E no, non vale...mi hai fatto piangere ancora!
    Serba in te questo speciale ricordo ma, non dimenticare che ognuno ha un se un valore ed una preziosità che non ha l'altro. Tu sei speciale come e più della tua mamma ma come tutte le cose si dice si apprezzino quando le abbiamo perdute. Tu sai che di questo amore io non so il significato eppure oggi mio malgrado devo occuparmi di lei che è rimasta sola, non riesco a chiuderle la porta in faccia per quell'amore che non è stata capace di dare. Ma penso che da lassù qualcun'altro mi ha amato molto di più dandomi serenità e guidando il mio cammino...sono stata amata dagli amici che dalle elementari ancora non si allontanano, ho avuto mio marito che dopo vent'anni ancora mi chiama tesoro e poi mio figlio che è tutta la mia vita. Tutto il resto lo lascio scivolare via, non fa parte di me e non riuscirà a cambiarmi.
    Ho incontrato gente speciale come te, inizio il mio giorno con le tue riflessioni che ne aprono altre...TVB Mary ti adotterei come mamma...un bacio grande da Costy

    RispondiElimina
  3. Bellissimo discorso con la tua mamma.

    La mia nonna materna è morta quando io avevo soli due anni e nonostante sia passato molto tempo, spesso mi ritrovo a sentire mia madre che dice "se ci fosse stata mia madre mi avrebbe dato sicuramente un buon consiglio, una parola di conforto...".

    Anche mia madre dice sempre che una madre fa per cento figli e cento figli non fanno per una mamma.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Molto bello questo tuo discorso e soprattutto emozionante.Saluti a presto

    RispondiElimina
  5. Anche io sto piangendo, perché penso alla mia mamma che è qui a pochi passi da me e che ho giudicato, condannato troppo troppo spesso. E adesso che non vivo più con lei capisco. Capisco che lei è insostituibile. Grazie. Maria

    RispondiElimina
  6. Un legame così forte non si spezza mai... neanche con la morte.
    Peccato che molti se ne accorgono quando è troppo tardi per recuperare... a loro restano solo le briciole.
    Grazie Pinuccia... per tutto.
    A presto!
    Mary

    RispondiElimina
  7. Patrizia cara... le "tue"... le "mie" lacrime ci accomunano in sentimenti, purtroppo, non più tanto diffusi. Che vuoi farci?!? Si ha paura di apparire vulnerabili, e perciò non si piange più. Intanto NOI ci sentiamo delle privilegiate... vero?
    Con tutto il cuore,
    Mary

    RispondiElimina
  8. Sai... mia cara, io non credo molto nell'istinto materno... penso che in ognuno di noi esista "amore in embrione" in senso lato che va protetto, curato ed anche coltivato perchè, una volta maturo possa dirimersi in varie forme. Una di queste è l'amore materno che nasce quando ti stringi al seno la tua creatura per la prima volta, e cresce man mano con la creatura stessa. Se così non fosse non si comprenderebbe l'amore "speciale" di tante madri adottive, e al contrario il "disamore" di altre "naturali"(in questo caso un termine che è un controsenso) che hanno rifiutato "quella parte di se stesse".
    Perchè ti ho detto questo? Tu, occupandoti della persona che a suo tempo avrebbe dovuto amarti, colmi ora quel vuoto d'allora... in altre parole "diventi la madre di tua madre"... Se puoi, cerca d'amarla come lei non è riuscita, affinchè quella falla non ci sia più e per Te non sopraggiunga "ingiusto" rimpianto. Costy cara... recupera e ci sarà l'equilibrio... molte volte "dare di più" compensa la voce, "avere".
    Con stima immensa,
    Mary

    RispondiElimina
  9. Queste parole dette da te... una "piccola" figlia, mi fanno ancora più piacere. Sei una ragazza sensibile... credo proprio che sarai una madre meravigliosa.
    A presto, piccolina!
    Mary

    RispondiElimina
  10. Grazie per le Tue parole, Cavaliere...
    Le sento molto sincere... grazie!
    Mary

    RispondiElimina
  11. Maria... grazie a Te!... Con la Tua sensibilità recepisci ogni piccolo messaggio, e sei una delle poche che piange ancora per i sentimenti.
    Un abbraccio forte forte con immenso affetto,
    Mary

    RispondiElimina
  12. Non lo so Mary, non lo so...non si recuperano gli anni perduti ma Dio mi ha dato la forza di non deprimermi e la coscienza di non chiudere le porte a nessuno..ma quanto è difficile...troppo davvero!
    Un bacio
    Costy

    RispondiElimina