dicembre

dicembre
dicembre

domenica 7 agosto 2011

"Come un torrente in piena..."
Credo di aver già usato quest'espressione in passato, ma è quella che meglio rende l'idea di ciò che provo. Sensazioni, emozioni, sentimenti si presentano in modo simultaneo... montano come alta marea... "straripano" nel vissuto quotidiano, nel mio racconto. Prima di cominciare a scrivere ho sempre tutto ben chiaro in mente... oggi è stata una giornata "no"...però ho reagito uscendo... volevo andare a... ma ho incontrato... poverino... ma no, no... ho dimenticato di parlare del... è più importante... beh, lo faccio dopo...
E penso e ripenso... ascolto e riascolto il mio cuore... e intanto incomincio... Le parole fluiscono rapidamente, le similitudini, i paragoni vengono fuori naturalmente, facili come i pensieri che si susseguono uno dopo l'altro. Eppure quando il mio blog vide la luce come tentativo di reagire a ciò che mi era successo, in questo mondo virtuale mi muovevo timidamente, e pur riconoscendogli una grande libertà d'espressione, temevo sempre il "troppo", di osare t...,  dire t..., apparire t... Volevo essere me stessa, ma chissà?! Non avrei rischiato di essere t..., visto che ero a due passi dall'uscita, ma non completamente fuori dal tunnel?... TROPPO emotivamente coinvolta! Allora misuravo ogni cosa... meno aggettivi, altrimenti TROPPA retorica e poca credibilità... termini semplici ma appropriati, così sarei stata comprensibile per tutti, "post" nè lunghi nè brevi... giusti,  per non annoiare.
Con questi "paradigmi" che m'imponevo come era difficile poter esprimere ciò che avevo nel cuore... Poi pian piano s'è sciolto come un nodo che mi bloccava o meglio bloccava l'intendimento di condivisione cui tanto tenevo, e così, per parafrasare il titolo di un'opera di Susanna Tamaro, mi son lasciata andare là dove porta il cuore, seguendo unicamente la sua voce. In quest'anno che è trascorso... con tanti incontri, storie ed emozioni non avrei potuto fare altrimenti... nè potrò farlo per il tempo che verrà.

10 commenti:

  1. ....il Cuore sà sempre trovare le parole giuste...buongiorno cara Mary...quel libro lo lessi anni fà...ed è proprio così che Tu Ti racconto...con il Cuore...Ti invio un grande abbraccio ...carico di Sole e calore..per un armonioso ed emozionale Vissuto odierno..a presto dolce Amica..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. Ciao cara, scrivere è una terapia per noi, un aiuto per chi leggerà... un abbraccio♥

    RispondiElimina
  3. Scrivere è un ottima risposta,Salutoni a presto

    RispondiElimina
  4. Se scrivessi senza ascoltare la voce del cuore sarei senz'altro poco credibile. Voglio essere d'aiuto... a me stessa, per continuare a... vivere... agli altri, per continuare a... sperare, qualunque sia il problema.
    Il più grande abbraccio.
    Mary

    RispondiElimina
  5. E' vero, Patrizia cara... scrivere è una terapia efficacissima... "a largo spettro", fa bene a tutti e in tutti casi... senza controindicazioni.
    Un abbraccione.
    Mary

    RispondiElimina
  6. E' la risposta che preferisco...
    Grazie, Cavaliere della tua sempre presente attenzione.
    Mary

    RispondiElimina
  7. Quando lo lessi affascinò anche me...
    CIAO, Maria!
    Mary

    RispondiElimina
  8. Ciao Mary, ti ringrazio per il bellissimo commento che mi hai lasciato... e per esserti unita alla 'combriccola' ;-)))

    Dici bene in questo post, il cuore ci sa guidare sempre nella giusta direzione.

    Un abbraccio ^^
    Namastè

    RispondiElimina
  9. Rosa... scherzi??! Grazie a te che per prima mi hai permesso di conoscerti. Condivido molto di ciò che scrivi e quindi averti nella mia di "combriccola" è un gran regalo.
    Grazie ancora e a presto.
    Mary

    RispondiElimina