agosto

agosto
agosto

lunedì 1 agosto 2011

Chi parte per le ferie e chi è già di ritorno...
Oggi in reparto è tornata Grazia... finalmente, sentivo tanto la mancanza del suo caffè "con la cremina", lo "sfizio" che ci concediamo durante la "sua" pausa caffè. "Bentornata!" le ho detto, "Bentrovata... avevo sentito la voce amica...". La "voce"... Quando arrivo al mattino... è un continuo,  mi era parsa la tua...ho sentito la tua... mi son detto, chissà se è la sua... Allora mi domando, che cosa avrà mai questa mia voce... sarà forse squillante? Magari dal volume alto... oppure solo banalmente monotona. E così le cerco un'impostatura diversa, abbasso il tono... quasi sussurro... eppure sempre mi sento dire, ho capito che eri qui dalla voce. A questo punto, e la vanità ringrazia, devo dedurre che la mia voce è percepita in un soffio perchè si desidera proprio che in quel soffio ci sia la mia di voce... e capisco quanto importante sia comunicare, con la parola... con una risata... con un sospiro, e quanto ancor di più lo sia il modo, pacato, gioioso o semplicemente equilibrato. Così si crea empatia, l'esperienza è condivisa, si trasmettono emozioni... pur solo bevendo un caffè "con la cremina" e mangiando un biscotto all'amarena.
Ah... oggi li avevo portati, i biscotti all'amarena che tutti o quasi hanno assaggiato lì in reparto, il mio "dono d'accoglienza", che io porgo come... sì, come un biglietto da visita per tentare, cominciare ad essere "ben accetta", comunque consapevole che potrei anche non esserlo. E se così fosse... pazienza, almeno si è condiviso "un momento di dolcezza".
Li ho portati quei biscotti per una persona che oggi era già andata via perchè aveva da fare solo il prelievo, tornerà domani per la terapia. Di lei ho già scritto, forse solo accennato... qualcuno ricorderà... "Cappetta e Cappettina, madre e figlia..."

6 commenti:

  1. Anche i piccoli gesti,possono trasmettere grandi emozioni.Saluti a presto

    RispondiElimina
  2. Piccoli gesti, se mai inaspettati, danno la "grande" gioia di essere nei pensieri, nel cuore di chi non è dovuto ma sente di "dare"...
    Grande è la felicità di chi si dona.
    Grazie, Cavaliere!
    Mary

    RispondiElimina
  3. Hai già parlato in altri posto dei biscotti all'amarena, mi incuriosiscono parecchio... li fai tu? un abbraccio sperando di poter sentire anche io la tua voce...♥

    RispondiElimina
  4. Brava, Patrizia! Leggi con molta attenzione... Sì, dei biscotti all'amarena ho già parlato e lì dove vado ogni giorno sono ormai famosi. No, non li faccio io, anche se sono di una bontà semplice, pasta frolla friabile al punto giusto e ripieno all'amarena: un connubio agro-dolce FAVOLOSO! Spero che un giorno potrai assaggiarli... accompagnati da... dalla mia voce. Non è ambrosia ma spero che sia altrettanto gradevole.
    Un abbraccio immenso.
    Mary

    RispondiElimina
  5. Bel post. Comunque vorrei proprio sentire...la tua voce. Anche se suppongo che sia dolce, proprio come i tuoi post e come i biscotti all'amarena. Mamma quanto mi piace l'amarena! Ciao, ciao.

    RispondiElimina
  6. Li farò assaggiare anche a te, Maria... è una promessa! Dopo tutto noi non siamo tanto lontane.
    Un bacio e a presto.
    Mary

    RispondiElimina