ottobre

ottobre
ottobre

domenica 28 agosto 2011

Oggi ho pensato a lungo a come sarebbe stato, come avrei vissuto questo periodo "post- bellico"... al contrario.
Se non avessi ceduto alle lusinghe del web con "continuare a...", se non avessi incontrato tante persone che mi hanno teso la mano con il loro affetto o semplicemente con il loro "esistere". Mi si dice spesso che se ora sono così è perchè in potenza lo ero già prima... può darsi, ma come mai non me n'ero accorta? Ero sorda ai richiami, con i paraocchi per non vedere... poi una situazione estrema come lo è stata la mia ha fatto il "miracolo"... perchè questa "metamorfosi" sembra proprio ... un miracolo. E poichè da sempre i miracoli non avvengono fine a se stessi ma per convincere, far "cambiar strada", io, convinta di averlo già fatto mi porgo agli altri perchè facciano come me, qualunque sia la situazione perchè si può fare, per mantenere integra la propria dignità e poi... perchè i disegni di Dio sono imperscrutabili e nulla a Lui è impossibile. Questo impegno mi tiene viva, resistente ai cedimenti che, non nego, a volte sento minacciosi... Alcune mattine mi sveglio di malumore senza un reale motivo, allora mi fermo e prima di iniziare qualsiasi attività mi rivolgo al "compagno di viaggio", a Gesù e la serenità ritorna... sempre e comunque. Qualcuno potrà dire che è autosuggestione... in qualsiasi modo si chiami, è un qualcosa che viene dal profondo e cambia, trasforma radicalmente situazioni e stati d'animo. Altrimenti mi sarei persa nella selva dei ricordi, o affogata in un mare d'angoscia... sempre timorosa di un ipotetico precipizio. Invece i ricordi pur velati di malinconia vengono archiviati con serenità... l'angoscia diventa ansia a tratti, giusto quando "serve"... il precipizio non esiste più perchè è colmato da tanta volontà di farcela.
Stamane stavo rifacendo il mio letto... di fronte alla stanza c'è un mobile antico che gli alti piedi torniti tengono sollevato dal pavimento. Quando Betty era in vita lì sotto trovava refrigerio alla forte calura estiva; si sdraiava su un fianco oppure si allungava a pancia  in giù. Stamane stavo rifacendo il letto... ero assorta nei miei pensieri... ad un certo punto lo sguardo è andato in quella direzione... Oggi sotto quel mobile, per la prima volta e nella stessa posizione c'era Biù Biù. Un tuffo al cuore... un ricordo vivo carico di nostalgia. Con gli occhi umidi... ho capito... Il Tempo passa, cambiano le situazioni, gli atteggiamenti, persino le persone... si gira pagina... ma il libro della Vita resta lo stesso, da continuare a... leggere.

11 commenti:

  1. Grazie ancora una volta!!!!ieri alla Santa Messa un prete che non era il nostro ha fatto una bellissima predica e la frase che mi è piaciuta tantissimo è stata una fgrase semplicissima ma piena di significato sulla quale ho riflettuto a lungo...."guardate il crocefissio,li c'è il vero significato della parola "amare" e ditevi sempre Lui con me!!!
    Un abbraccio fortissimo e un baciotto alla tua nuovacreatura magnifica che ti saprà donare tanto amore.
    Buon inizio di settimana
    Pinuccia

    RispondiElimina
  2. E' vero che l'inatteso a volte preso come una tragedia alla fine si trasforma in una rinascita?
    Nel mio piccolo è successo lo stesso..sì avevo dentro tutto l'amore da dare ma non ne ero forse consapevole o lo tenevo in serbo per pochi o non mi amavo abbastanza per ritenermene all'altezza. Poi qualcosa e qualcuno si sono avvicinati alla mia anima e tutto il nuvoloso cielo è tornato a risplendere più che mai. Il grigiore della monotonia è tornato a riprendere i suoi colori e tutto per magia si è riappropriato della sua giusta dimensione.
    Grazie per le tue riflessioni in cui mi sono ritrovata, malgrado la mia esperienza diversa dalla tua sento di condividerle pienamente..
    Un bacio da me ...
    Costy

    RispondiElimina
  3. Quanto è carina la tua piccola Betty! Grazie per quello che hai scritto e mi fa riflettere. Ho tanti dubbi nella testa, so che qualcuno lassù ci ama... ma dopo quello che ho passato, e dopo tutte le cose che succedono... come si fa a non avere interrogativi?
    Ti saluto e ti abbraccio forte (sarò assente x 1 settimana).
    Ale

    RispondiElimina
  4. Scusa ho fatto un grosso sbaglio...
    Biù Biù è la cagnolina di adesso vero?
    La piccola Betty, ora è una stellina...
    Perdonami,
    Ale

    RispondiElimina
  5. Sono convinta che non siamo mai "soli" ad affrontare ogni singolo avvenimento della nostra vita, dal più felice al più doloroso...sono anche convinta che nulla accada per caso e tutto ciò a cui siamo chiamati, sia fonte di insegnamento e di "crescita"

    E di un'altra cosa sono convinta...che tu cara Mary sia davvero una bellissima persona
    Grazie ^_^

    Namastè

    RispondiElimina
  6. Pinuccia cara... la Fede è l'arma più valida per combattere, e sai poi che cosa succede? Maggiore è la difficoltà più grande essa diventa, perchè ci s'aggrappa come ad un tronco per non andare alla deriva.
    Beauty ha preso il posto della mia piccola Betty da più di un anno, mi dona tantissimo amore, è vero, ma non ne ha cancellato affatto il ricordo... nel mio cuore due piccole stelle affiancate.
    Un grande abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  7. Il confronto con gli altri mi ha portato a constatare che l'esperienze anche se diverse hanno sempre dei punti in comune, soprattutto per quanto riguarda gli effetti sulla persona, la quale può "evolvere" o anche il contrario a seconda del suo atteggiamento.
    Vivere comunque senza sperimentare è come capitare nelle sabbie mobili e voler restare fermi lì... pur sapendo di sprofondare. Ma questo non è di certo il nostro caso... vero, Costy cara?
    Un abbraccio con tutto il mio cuore,
    Mary

    RispondiElimina
  8. Ale... porsi degli interrogativi è giusto... mentre non lo è accettare passivamente anche delle verità universali. Bisogna arrivarci gradualmente dandosi delle risposte che solo dal profondo di se stessi possono avere origine.
    Non crucciarti più del necessario... sii serena... ed esse ti arriveranno senza che Tu te ne accorga.
    Sì... Betty è ora una stellina... la chiamavo così vezzeggiandola quando era ancora con me.
    Se avrai voglia e pazienza potrai leggere dal primo post l'inizio di questa mia storia coincisa proprio con la morte della piccola stellina.
    Un abbraccio con tanto affetto,
    Mary
    P.S. Torna presto che ti aspetto!!!

    RispondiElimina
  9. Rosa cara... oggi avevo bisogno di quel tuo complimento che ho sentito sincero. Ciò che mi è capitato senz'altro non è avvenuto per caso, forse Qualcuno ha voluto che io non sprecassi il mio tempo nel piangermi addosso, nel considerarmi "incompresa" dagli altri, quando il problema in realtà era in me... ero io a non capirmi. La malattia ha fatto piazza pulita di quello che era davvero molto inutile e ha messo in rilievo le mie peculiarità che io stessa non conoscevo. Sono "cresciuta" quindi... hai ragione... ne sono finalmente consapevole e felice.
    Un grandissimo abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina
  10. Felice di conoscerti.
    Gesù ci protegge.

    RispondiElimina
  11. Ciao, Gianna... il piacere è mio.
    Un abbraccio,
    Mary

    RispondiElimina