aprile

aprile
aprile

giovedì 5 gennaio 2017

CONCLUSIONI



Faccio una gran fatica a trarre conclusioni certe volte, in certi giorni. Quando le ore si sono susseguite in rapida e varia successione, insomma quando la giornata non è stata affatto piatta.
Tutto il tempo passato come fossi rincorsa dal Tempo stesso.
Già... le feste stanno per terminare, chiudiamo delle parentesi, si riprende il "discorso" di sempre. Niente di che, paragrafi di storia normale messi insieme che contemporaneamente si danno il cambio.
Mia figlia è partita stamattina... mio marito ed io abbiamo pranzato alla ristorazione del nuovo centro commerciale prima di un giro di shopping... la serata conclusa con una simpatica riunione familiare, stretta stretta, quasi non ne avessimo fatte abbastanza in questo periodo.
E' dura passare da un cambiamento all'altro, anche se sono solo piccole e discrete rivoluzioni della quotidianità. Diventiamo come gatti appollaiati sul davanzale della finestra più soleggiata. Non vogliamo distaccarcene. Eppure si deve, è il fluire del tempo che lo richiede.
E a causa di questo è la Malinconia, passeggera per fortuna come nuvola di marzo. Tanto rapida che non si dovrebbe neppure citare né tanto meno pensare, ma siamo esseri umani e la fragilità ci appartiene.
E poi c'è la Gioia, discreta perché contenuta dal sentimento precedente, così che solo dopo un po' realizzi la fortuna che hai.
E ancora il Ricordo e la Commozione perché il Tuo volto è associato ad una caramella rossa, e per questo ti riconoscono, e poi segue tutto il resto. Un abbraccio, una parola buona... la speranza di poter continuare che è pure un dovere se è dato di vivere.
Infine la tenera Certezza donata dai forti legami familiari. Potrà sorgere qualche equivoco, sarà risolto in breve tempo e senza alcun dubbio. Ci si potrà incontrare poche volte all'anno, ma sicuramente l'uno per l'Altro ci sarà non appena sarà chiamato.
Allegria, Ironia, Gioia di vivere... alla fine le conclusioni sono tratte. Spontaneamente, basta solo pensare. E forse non è mai abbastanza, e allora i "discorsi" restano aperti.

2 commenti:

  1. Cara Mary, buona Epifania cara amica con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Se i figli sono felici, dobbiamo esserlo anche noi... ma è difficile, specialmente se sono lontani. Buona Epifania Mary, che sia un anno pieno di speranza, e tanta salute per tutti. Un abbraccio.

    RispondiElimina