settembre

settembre
settembre

giovedì 16 febbraio 2012

Stasera Noi Due siamo tornati alla solita pizzeria...
Mancavamo dalla fine di novembre... quando il compagno della mia Vita s'apprestava a vivere l'ultimo mese della Sua attività lavorativa.
Dopo ben 47 anni era stata una decisione meditata e giusta... ma dopo tanto tempo era anche giusto trovarsi a vivere un conflitto di sentimenti. I ricordi... le ansie passate e presenti... il timore per il futuro e la consapevolezza di essere giunto ad una tappa importante, quasi un "bivio" della propria vita. Così ha cominciato ad ipocondrirsi un po'... un po' a stare male sul serio...e tanto a tediarsi e tediare.
E se ogni sabato andavamo in pizzeria, ad un certo punto ha deciso di non andarci più perchè non digeriva, il che era verità preso com'era dai Suoi disturbi psicosomatici.
Sono passati due mesi e mezzo ed oggi... sbrogliati gli ultimi impicci... e cercando con tutto se stesso di liberarsi dall'impaccio tipico del pesce fuor d'acqua... è tornato sui Suoi passi, ed io con Lui insieme alla pizzeria.
Questa stessa pizzeria riapriva stasera i battenti non solo a Noi Due, ma a tutta la clientela dopo due mesi di chiusura per ristrutturazione. Guarda caso... mi verrebbe da dire, e se dovessi dare un titolo al post che sto scrivendo troverei perfetto questo... "Punto e a capo".
Ai miei tempi... ovvero "nel secolo scorso"... quando in seconda elementare cominciavo a mettere insieme dei pensieri di senso compiuto e a collegarli tra loro, mi fu insegnato che per fare una buona "composizione"... oggi si chiama "testo"...bisognava rispettare delle regole, tra queste la punteggiatura. A me piaceva molto scrivere e poi rileggere quello che avevo scritto, e ben presto virgole, due punti, punto evirgola ed altro mi si fissarono in mente perchè volevo comprendere ciò che scrivevo. Soprattutto il punto fermo... era il mio preferito. Ne facevo uso ed abuso perchè adoravo andare a capo, e ricominciare...
Pur con lo stesso argomento ma con un tono nuovo... personaggi diversi... desideri ed azioni proiettate nel futuro.
Punto e a capo...
Come stasera, per il nostro Amico pizzaiolo... da oggi,  per l'Amore della mia Vita e me, che con Lui voglio ricominciare.

8 commenti:

  1. Ogni alba, per me è un "punto e a capo"...
    una splendida combinazione...la Vostra uscita...
    la riapertura della Pizzeria...
    sarà banale, ma a me piace...
    un abbraccio, con affetto..
    dandelìon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo... Amica mia... nelle "combinazioni fortunate", del tipo slot machine. Nel nostro caso ne manca una terza, ma non importa... sentiamo d'aver vinto lo stesso.
      Con un abbraccio immenso,
      Mary

      Elimina
  2. Basta poco vero Mary per ricominciare? Un punto di ortografia..........
    Ma che significato quel punto e...... a capo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può, anzi si deve sempre ricominciare, Amica cara. Si mette un punto e... VIA!
      Dipende però da quanta convinzione si mette in quel punto...
      Un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  3. La punteggiatura...alle elementari quante bacchettate mi sono preso per la punteggiatura!! buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi anche grandi autori danno poca importanza alla punteggiatura, e non tutti poi risultano essere chiari e piacevoli alla lettura.
      Io personalmente credo nella punteggiatura... anche in senso metaforico. Nella Vita le pause... brevi o lunghe che siano... le domande e le risposte secche e decise, vanno rispettate, così... tanto per capirci qualcosa.
      Con simpatia,
      Mary

      Elimina
  4. Da insegnante ho apprezzato molto il tuo post e mi ha fatto tenerezza il riferimento a te bambina alle prese con i "pensierini". L'esercizio ha portato a degli ottimi risultati: complimenti per la tua prosa, che si legge con grande piacere!
    Un abbraccio.
    PS: anche a me piace molto l'uso della punteggiatura accurato, anche se, obiettivamente, esso è molto soggettivo.

    RispondiElimina
  5. Grazie Lella, per il complimento... Se mi si legge volentieri vuol dire che è pure facile capirmi, ed è questo soprattutto che m'interessa.
    Se i miei pensieri non annoiano magari potranno essere anche utili a qualcuno... che ne dici?
    Un abbraccio grande.
    Mary

    RispondiElimina