novembre

novembre
novembre

mercoledì 22 febbraio 2012

Quell'Amica stamattina al controllo non è mancata... meno male, e speriamo che per il prossimo tutto le si predisponga  per tempo.
Quando sono arrivata alla solita ora, ho cercato di scorgerla e ho chiesto anche di lei, ma era già andata via...
Non importa, ho pensato... se avrà bisogno mi chiamerà. Ieri me l'aveva detto, " Non chiamarmi perchè il telefono ce l'ho quasi sempre spento... ti chiamerò io. Dammi il numero... se l'avessi avuto... t'avrei già tempestato di telefonate".
Va bene, Amica mia... come vuoi... ma soprattutto se lo vuoi.
Con questo ed altri pensieri sono entrata quasi senza accorgermene nella prima stanza occupata...
"Eccola... è arrivata!"
Vengo accolta quasi sempre così... le stesse parole, cambiano solo le persone.
"Prendi il caffè, dai!"
Non avevo ancora deposto le mie "masserizie" sul tavolo, che un bicchierino fumante di caffè mi veniva posto sotto il naso. Definito da Chi me lo porge... dolcissimo come uno sciroppo, ho mandato giù quell'"elisir", rifornimento d'energia a metà mattino.
L'entusiasmo nell'accogliermi, le parole che l'accompagnano con quella rapida occhiata all'orologio per vedere che... sì, è sempre alla stessa ora che arrivo... sono "un qualcosa" che fa bene è dir poco. Mi placa l'ansia, mi conforta il Cuore... mi dà motivazione ancora per continuare a...
... tornare ogni mattina a quel terzo piano... "sbirciare" in ogni stanza  e se è il caso farvi entrare il sorriso che accompagna il buongiorno.
E non è che per me sia sempre facilissimo, s'intende... perchè dispensare gioia non è come regalare caramelle, che anche in questo caso ci vuole Cuore grande e Mente alleggerita di ogni pensiero, però... prima di salire quelle scale... io mi pongo la domanda, ce la faccio? Se la risposta è sì, è l'animo... a questo punto, che m'impone il viso lieto.
E come non potrei mostrarmi così alla mia Amica Tutta Bianca? Mi chiede sempre... " Che t' ne fai?" ed io rispondo, bene... ed un sorriso.
E a Zia Si? Solare com'è pur col suo bagaglio di dolore non si può non donare più che un sorriso.
E a "Oggi io parlo" che sempre chiede di me, e stamane mi ha detto... "Sai che mò mi sono messo a coltivare i funghi in una cassetta? Che soddisfazione... so' più buoni, e poi... quanto risparmio!" Beh... per Lui, una cascata di sorrisi.
"Ciao... ci vediamo il 19... Ci sei, è vero?"  E' il Fotografo a riposo... ed io, naturalmente sorridendo... "Certo... sono qui  sempre."
E così via dicendo... tante volte... per più volte... ogni giorno.

6 commenti:

  1. Cara... il Tuo abbraccio m'arriva come conforto.
    Lo ricambio dal profondo del Cuore.
    Mary

    RispondiElimina
  2. Un abbraccio anche a Te, Amica cara.
    Mary

    RispondiElimina
  3. Concordo con te...dispensare gioia non è come regalare caramelle!! felice week end per Te...Giancarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per riuscire a donarne un po' occorre averne tanta dentro.
      Un saluto "gioioso",
      Mary

      Elimina