novembre

novembre
novembre

venerdì 7 settembre 2012

Che scherzi fa l'entusiasmo a volte...
ho risposto al commento di un'Amica che da tempo non capitava da queste parti con qualche "A" di troppo. E così è venuto fuori un "BENTORNATAAA!" come si fa di solito scherzosamente su fb  che è tutta un'altra cosa, almeno per me. Beh, comunque penso che si sarà capito e soprattutto avrà capito "Lei" che è stata la gioia per la Sua visita a causare questa "caduta di stile".
Ci sto pensando su e come succede quando mi ritrovo a non piacermi troppo per qualche cosa che mi è sfuggita, mi presto all' "autoanalisi" che è sempre buona cosa.
Certo... è così, perchè lo è sempre stato e forse ora lo è di più.
A Chi mostra di volermi bene vorrei donare non altrettanto ma ancora di più, perchè per me l'affetto è un dono niente affatto scontato e per questo di gran valore. Penso lo stesso anche se a dimostrarmelo sono i miei figli, non sempre tanto prodighi (ma di questo non mi lamento perchè so di non costituire un'eccezione) e l'Amore della mia Vita. Con "Lui" in verità non c'è bisogno di grandi cose... sorrisi ma anche silenzi possono dimostrare quello che l'Uno prova per l'Altro... ci conosciamo da troppo tempo per dubitare e soffrirne.
Con i Nostri "pargoli" la storia è un po' diversa. Quasi sempre scocciati... perennemente preoccupati... assolutamente nervosi, trovare il momento giusto per iniziare un discorso che non verta solo su di "Loro" inclusi sogni in un cassetto (bloccato), aspirazioni sempre mancate e progetti che è meglio non fare "perchè tanto poi non si realizzeranno mai"... è un'autentica impresa. Da mamma vorrei renderli contenti con qualche piccola cosa, come posso, ma mi rendo presto conto che i tempi dell'"ovetto Kinder" appartengono al passato remoto  e così ci rinuncio aspettando (speriamo...) quelli migliori.
E' chiaro però che mi basta vedere una piccola "breccia", un certo cedimento e mi butto perchè sono sempre la Mamma e una madre le occasioni appena percepite non se le lascia scappare... o sbaglio?
Ad esempio "la mia piccina" che è lontana, in uno "straordinario momento d'apparente calma" mi ha chiesto di mandarle un po' di provviste, poca cosa... ma  conosco i Suoi gusti, le cose che preferisce e quello che per forza di necessità "si fa mancare" ed allora ho provveduto.
Concludendo... son tre giorni che cucino, sterilizzo sughi a bagnomaria, faccio spesa e non finisco mai perchè  trovo sempre che manca qualcosa.
Nel "trolley provvidenziale" che le arriverà ci sarà anche il caffè, la Sua passione, e quando berrà la prima tazzina di quel caffè spero che ci pensi un po', a Suo padre e a me...

10 commenti:

  1. Certo che penserà a voi cara amica e sopratutto a te che sei la sua mamma .Il cordone ombelicale ce li tiene sempre uniti e questo lo sai bene.
    Un abbraccio forte per una buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affettivamente... lo spero, per il resto va bene così.
      Sia pur lontani ma con tanto Amore.
      Un abbraccio grande grande, Pinuccia cara...
      Mary

      Elimina
  2. Sicuro che vi penserà ...e non solo ma quando sentirà i profumi che le ricordano casa anche le distanze saranno meno lontane e il sapore delle cose buone di mamma sarà come una medicina per curare la nostalgia!!
    Noi italiani siamo fatti così...i nostri figli vanno lontano ,ma il nostro cuore è sempre con loro!
    Ps e anche se non sempre loro lo dicono, anche i loro cuori restano a casa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, cara Anto... Noi italiani seguiamo molto i sentimenti, alcuni ne sono succubi addirittura, ma come sempre il giusto è a metà strada. Allora vanno bene i "sapori di casa" che accorciano le distanze a condizione che la nostalgia non prevarichi sulla propria realtà da realizzare.
      Bene... questo è ciò che penso, quello che sento, da mamma chiaramente è altro.
      Con tantissimo affetto un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  3. Bellissimo il tuo racconto... anche se conoscevo già la trama...
    Leggere quello che scrivi, con tutto l'amore che ci metti dentro, è una grande emozione. Un abbraccio, un sorriso, Amica Mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si capisce... le persone più care, quelle vicine al Cuore conoscono le storie in anteprima, è giusto che sia così.
      Emozionarti poi col mio narrare mi fa contenta, spero di donarti anche un po' di spensieratezza ed un sorriso, magari anche più di uno... che ne dici?
      Augurandoti una domenica in serenità, T'abbraccio forte, Ale cara.
      Mary

      Elimina
  4. Ma sono sicurissima che penserà a voi, anzi secondo me vi pensa continuamente comunque...poi si sa il profumo di casa aiuta a ricordare!
    Ciao, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, cara Antonella...
      I figli mostrano poco quello che provano per un eccesso di riservatezza e forse anche per non mostrare la loro vulnerabilità.
      Comunque non fa nulla... l'Amore non è merce di scambio, è un dono a prescindere dalle condizioni.
      Però dai, ci sia concesso... un promemoria ogni tanto non fa poi male.
      Un caro abbraccio.
      Mary

      Elimina
  5. I tuoi racconti sono sempre molto profondi.
    Serena notte.

    PS

    Grazie per gli auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Tu, Cavaliere... nonostante l'avanzare degli anni riesci ad essere sempre presente anche quando non Ti si vede.
      GRAZIE, sempre!
      Mary

      Elimina