giugno

giugno
giugno

sabato 1 settembre 2012



A gruppi, alla spicciolata... visi abbronzati e facce lunghe, si torna dalle vacanze.
"Eh, sì... purtroppo!"... "Magari avessi potuto..."... "Stavo così bene", frasi tanto comuni da sembrare frasi fatte, e un po' lo sono perchè si deve dimostrare che staccare la spina dalla routine quotidiana fa bene, rilassa e rigenera e di rimando riattaccarla quella spina, immettersi nel vortice degli impegni fa ritornare al "punto di partenza".
Tutto vero compresa la seconda parte  perchè in quel breve periodo si ripongono troppe aspettative... come fosse la vita intera.
Un po' di tempo fa qualcuno mi disse che era meglio non partire per le ferie così non si provava il dispiacere poi di ritornare. Che assurdità, pensai immediatamente, sarebbe come affermare che è meglio non nascere sapendo di dover morire. Ogni momento ed occasione vanno vissuti per quello che sono nella piena consapevolezza che occupano "spazio" in un arco di tempo, breve o lungo che sia non ha importanza perchè alla fine si esaurirà.
E allora aveva ragione quel "qualcuno" nell'affermare che è meglio non partire? Oggi tanto assurdo non lo trovo ma come in tutte le cose della Vita, "in medio stat virtus" e che Chi può partire lo faccia pure ma al rientro porti come souvenir un bel sorriso, e Chi non può non faccia lo spavaldo come la volpe all'uva, sorrida ugualmente perchè si continua a... vivere lo stesso.
Equilibrio... equilibrio è ciò che manca e nascono così i malumori, l'invidia e le discrepanze con la conseguenza  di  non dar valore a quello che si ha sotto gli occhi.
Può essere "vacanza" anche ritagliarsi un piccolo spazio per fare ciò che piace oppure una passeggiata o una breve gita... qualsiasi cosa che fa ritrovare la propria identità.
Quest'anno per me è stato un caos... un'estate che è andata a pari con la nuova vita densa di cambiamenti. Diciamo che ho retto bene perchè ho continuato a... essere me stessa,  non quello che ero un tempo ma ciò che sono e in continuo divenire. Tutto quello che mi succede lo vivo come un'occasione e con la curiosità giusta per trovarci sempre del positivo anche quando non è proprio facile. Come guardare il cielo anche di giorno sicuri di vedere almeno una stella.
Così  l'"evento principe" di questa stagione è stato l'incidente di mio padre, di certo spiacevole e doloroso ma assolutamente un'occasione in più per TUTTI...
Mio padre, costretto a una lunga degenza e poi a far palestra con altri della sua età ed anche più giovani ha imparato a socializzare e a cavar fuori lati di sè che manco Lui conosceva (figurarsi Noi!)... e i figli? Beh, hanno avuto qualche pensiero in più e un po' di distrazioni in meno... però una passeggiata su un lungomare e per i viali di un giardino sono stati una certezza comunque e necessariamente assicurata.

8 commenti:

  1. Concordo pienamente con questo tuo pensiero:
    Tutto quello che mi succede lo vivo come un'occasione e con la curiosità giusta per trovarci sempre del positivo anche quando non è proprio facile.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè... Simo cara, la Vita intera è una continua occasione e non si finisce mai di scoprire ed imparare.
      Un caro abbraccio e una buona serata a Te.
      Mary

      Elimina
  2. Mi piace tantissimo quell'occasione in più per tutti.
    Come vorrei poter fare ancora le belle passeggiate con mio padre.Io che lo tenevo a braccetto e lui che si sorreggeva a me al suo bastone e quei sorrisi senza dire parole mi ripagavano delle mie "vacanze" passate a casa per lui ma che mi ripagavano e mi facevano sentire più ricca.Quanto dobbiamo imparare nella vita.
    Un abbraccio per una buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Pinuccia, credo che nella Vita ciò che conti veramente è non avere mai rimpianti. Ciò che al momento può sembrare vano sacrificio a distanza di tempo può rivelarsi un'"occasione sfruttata a pieno".
      Pensa un po'... se Tu non avessi sacrificato qualche giorno per stare con Tuo padre oggi non avresti questo bel ricordo che T'accompagna ogni momento soprattutto quando non è un "bel" momento. Alla fine è questa sì, la "grande ricchezza".
      Un bacio.
      Mary

      Elimina
  3. Anch'io condivido pienamente il tuo pensiero. Nella vita tutto è un'occasione per ricavarne qualche cosa di buono, per riportarne un'esperienza che alla luce del poi sarà positiva. Per inciso, non sopporto la gente che torna dalle vacanza con il muso perchè sono finite...le vacanze sono vacanze proprio perchè non durano per sempre ma sono una breve pausa dalla quotidianità. Dovremmo ringraziare di potercele permettere non essere immusoniti perchè finiscono. Ciao, un grande abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto sta nel vedere la positività in ogni evento ed avvenimento. Conta molto è vero, il carattere di ognuno ma si tratta anche di esercizio alla Vita la quale non è mai statica ed in continua evoluzione. Perciò, Antonella cara è sempre lo spirito d'adattamento il mezzo per affrontare e superare le difficoltà e poi non è da meno il saper rialzarsi dopo le cadute.
      Grazie sempre ed un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  4. Un pensiero che condivido !! un caloroso abbraccio...ciao

    RispondiElimina
  5. CIAO anche a TE... di Cuore e... BENTORNATO!
    Mary

    RispondiElimina