settembre

settembre
settembre

martedì 10 aprile 2012

Sono serena... un po' agitata... piuttosto eccitata.
Come al solito sentimenti all'apparenza contrastanti convivono nel mio animo senza problemi... o quasi. Sono comunque tranquilla nell'affrontare quello che deve essere... che fu mia scelta, è vero ma che non poteva essere diversa data la situazione d'allora e considerati il mio grande desiderio ed aspettativa di futuro.
Così un altro giorno è passato.
 Sarà domani?
 Mi chiameranno domani o dopodomani?
 O Dio, no... spero di no... che non ci siano urgenze o altri intoppi, che arrivi presto e passi altrettanto in fretta... così non ci penso più e posso sentirmi diversa senza "scadenze" all'orizzonte.
E intanto cerco di pensare ad altro, che non è che sia poi meglio. Pur non riguardando me come persona... ansie e problemi di difficile risoluzione, dubbi ed incertezze. Mi chiedo perchè mai l'essere umano, "splendido connubio" di ragione e sentimenti, si diverta o forse no... tanto non fa differenza, a complicarsi l'esistenza. Sicuramente perde di vista che questa già pensa da sè a diventare intricata e difficile per cause contingenti.
Prima d'ammalarmi anch'io qualche volta cadevo nel "tranello" per vuoto rimpianto... autocommiserazione, o semplicemente per noia. Perchè succede anche questo d'annoiarsi quando non si è più capaci di scorgere il buono che ogni giorno porta con sè, legati come siamo allo stereotipo che la Vita è bella e giusta solo se va come Noi desideriamo. So bene che è difficile pensare il contrario, si tratta di abituarsi ad andare controcorrente, e forse si riesce solo quando si è vissuto situazioni estreme e s'è corso il rischio d'essere travolti dalla corrente.
E pensando a "tanto altro" mi rendo conto  che dopo tutto questo "mio star sospesa" non è poi la condizione peggiore... stabile nell'instabilità  è pur sempre chiara e ricca di speranza.
E così mi ricarico e mi sento persino privilegiata...
Non ho mai perso la serenità, e se pur agitata non lo sono mai stata abbastanza da non riflettere... elaborare e superare quel che vivevo. Ho maturato "piani di battaglia", escogitato "stategie di guerra"... l'arma più grande per me è stata cominciare a scrivere... mettere fuori quello che provavo, rabbia compresa... continuerò a... farlo, anche nei prossimi giorni, quando il mio blog per forza di cose resterà "chiuso per ristrutturazione".

12 commenti:

  1. Auguri cara Mary, vorrei dirti di essere serena ma non lo è facile.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sono comunque serena, caro Tomaso.
      T'abbraccio,
      Mary

      Elimina
  2. Sullo stare sospesa ...avrei qualcosa anche io da dire ma non voglio angustiarti di più. Un bacio cara accompagnato da un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La "mia storia"... cara Annamaria... mi ha insegnato a guardare sempre indietro, perciò non mi stupisce quello che dici.
      Ognuno ha il Suo, Amica mia, e Tutto è degno d'attenzione e di rispetto e non va sottovalutato.
      Di Cuore ricambio bacio ed abbraccio, e... a risentirci presto.
      Mary

      Elimina
  3. Eccomi anche questa mattina (Venezia è saltata diluvia troppo sarà per un'altra occasione) aleggerti con piacere e a far tesoro delle tue parole.
    Stai serena cara,sono sicura che ci riuscirai,perchè hai davverto tanta forza dalla tua e lassù ci sarà chi ti darà una mano.....
    Un abbraccio forte
    Pinuccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed eccoti di nuovo, Pinuccia cara a rasserenarmi con le Tue parole.
      E' proprio vero che ognuno di Noi ha un compito preciso e contribuisce, anche senza saperlo al benessere e alla felicità di Tutti. TU ne sei una prova.
      T'abbraccio con tutto il Cuore, grata... e pazienza per Venezia... in compenso sei stata qui da me per un raggio di sole in un cielo grigio.
      Mary

      Elimina
  4. La serenità non ti abbandona, sei forte e coraggiosa. Devi continuare a scrivere, altrimenti noi come facciamo senza di TE.
    Buona giornata, in attesa di "quella" telefonata...
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, cara Ale... se è proprio così... se sono forte e coraggiosa. A volte temo di esserlo solo per non deludere gli Altri che lo credono. Però... in fondo in fondo, serve lo stesso, perchè finisco col crederci anch'io.
      Non preoccuparti, Amica mia... continuerò a... scrivere perchè mi aiuta, mi fa star bene, e se non annoio... qualche volta spero pure che faccia bene ad Altri.
      Un abbraccio grande,
      Mary

      Elimina
  5. Cara Mary hai ragione a volte la malattia puo' essere un privilegio,non certo in senso tecnico,la sofferenza non è mai bella,ma tutto cio' che comporta il percorso che si fa ,l'incontro con persone meravigliose e quel valutare ( come tu dici) le cose di tutti i giorni con occhi nuovi.Purtroppo molte volte si vive ...non vivendo ...allora va bene cosi', lottare per ritrovarsi migliori.
    Mary ancora un passettino dai..
    Un abbraccio...e aspetto sicura belle notizie...Anto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè, cara Anto... la Vita vera non è sempre rose e fiori, non è fatta di cose scontate ed è conquista continua. Ecco perchè si vive davvero quando non si vive o si vive malamente tra mille difficoltà.
      L'Esistenza è anche fatta di continue contrapposizioni...
      Il Bello con il Brutto... il Dolce e l'Amaro... la Tristezza e la Gioia. Come si può apprezzare in pieno il Positivo se non si conosce il suo contrario?
      GRAZIE per il grande sostegno che mi offri e un abbraccio immenso,
      Mary

      Elimina
  6. Mary, ogni parola o scritto sembra superfluo...ti auguro ogni emozione bella e sopratutto ogni cosa bella è lieta! Ti aspettiamo presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per tutto, Legolas... per il sostegno, l'augurio... TUTTO!
      Tornerò presto... spero solo che mi chiamino... presto.
      Un abbraccio,
      Mary

      Elimina