maggio

maggio
maggio

lunedì 23 aprile 2012

Quando vuoi che il Tempo si fermi o vada avanti in fretta per lasciare un segno, cerchi di fissare l'emozione.
Un profumo... un suono... un'immagine... e il ricordo è lì di nuovo ad accarezzare il Cuore.

Dieci giorni dall'intervento... sette dalla dimissione ed oggi sono tornata là, a "quel terzo piano". E' sembrato fosse passato come al solito... un fine settimana non diverso dagli altri, e invece un po' diverso era il mio stato d'animo. Perchè ogni esperienza che si vive lascia il segno, come solco tracciato ad accoglier seme che porti frutto... ed io spero che anche stavolta ne sia tanto perchè la mia Vita possa avere ancora più senso.
Ho riposto il flacone di sapone liquido alla fresia sul lavandino... qualche goccia m'è caduta sulla mano. Non l'avevo mai usato prima dell'intervento, la sera precedente ho lavato il viso e quel profumo mi è restato addosso per tutta la notte... una notte insonne trascorsa a "rimirare" il Tempo che aveva rallentato il passo.
Di quel sapone potrò anche non farne più uso, ma ugualmente la mia pelle di quel profumo ne resterà avvolta.
E legato a quei giorni mi è rimasto il ricordo di un suono,  lo scampanellio del padre Cappuccino ogni giorno alle sette del mattino. Veniva per una parola buona e a portare Gesù... "Padre, stamane sarò operata... posso prenderla ugualmente la Comunione?" "Beh, figlia... un pezzettino e poi... vai sicura con Gesù"... e la solitudine non era più di casa in quella stanza.
E lunedì scorso, dopo una degenza tutto sommato breve, di soli tre giorni... finalmente sono tornata a casa.
Ho svuotato il borsone... biancheria da lavare in lavatrice... altro nei cassetti. Posto così... quasi senza cura, e saltato fuori... quasi per caso perchè ormai non ne tenevo più conto, ecco uscire quello che con la parrucca era stato il gran "supporto" alla mia "femminilità smarrita"... il  reggiseno a gel o ad olio che dir si voglia.
L'avevo smesso al ricovero, al momento d'indossare il pigiama ben sapendo che non mi sarebbe più servito.
Ora l'avevo di nuovo tra le mani... ho accarezzato le morbide coppe come fossero veri seni... l'ho avvicinato al viso per sentirne il profumo, quello della mia pelle che da ora in poi  nell'immaginario non sarebbe stato più lo stesso.
 Non commuovermi era impossibile... in certi casi anche gli oggetti parlano al Cuore.
 Ho deciso che l'avrei conservato così, come l'avevo smesso... con le stesse pieghe, con lo stesso odore.
L'ho riposto in un sacchetto a fiorellini, legato con un nastro rosso...
Aveva a modo suo segnato un'"epoca"... era giusto che la portasse via con sè.

11 commenti:

  1. E' sempre bello leggerti c'è sempre serenità nelle tue parole.
    Buona giornata con un dolce abbraccio amica mia
    Pinuccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... perchè, Amica mia... la serenità è sempre presente anche nel mio Cuore.
      Un carissimo abbraccio anche per Te, Pinuccia cara.
      Mary

      Elimina
  2. E' giusto non dimenticare...e tenere per sempre nel cuore quel piccolo angolo dei ricordi fatto di tanta pace,dove ritornare ogni volta che c'è bisogno di riconciliarsi col mondo.!!!..Bellissime le tue parole ,piene di poesia e bellezza...
    Per un'altra giornata di pace...
    Anto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto una abitudine di passare da te per leggerti cara Mary, continua che tutti noi siamo con te.
      Tomaso

      Elimina
    2. @ Anto: Amica cara, certe cose non possono essere mai dimenticate perchè ti restano sulla pelle... nella Mente e nel Cuore. E forse è anche un bene che sia così... perchè puoi apprezzare tutto quello che nella Vita Ti viene offerto come splendido dono. La giornata più lunga per la luce del sole... una brezza più che tiepida... il primo "corteo" di formiche in attività... sono i segni che ormai la bella stagione è alle porte e l'Inverno è ormai alle spalle. Tornerà!? Certo... ma il ricordo del Bene vissuto fino in fondo aiuterà a superarne l'intemperie.
      Un abbraccio immenso,
      Mary

      Elimina
    3. @ Tomaso: Amico caro... e anche per me è una piacevole abitudine ritrovarti fra tutti gli Amici che mi vogliono bene e mi seguono ogni giorno.
      Un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  3. I ricordi resteranno sempre custoditi nel cassetto del nostro cuore!! buona giornata...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed ogni tanto... caro Giancarlo... è consolatorio tirarli fuori da quel cassetto e far prender loro l'aria del nuovo vissuto.
      Grazie... come sempre.
      Mary

      Elimina
  4. Bello il tuo post. Vero, pieno di calore umano, di amore. Grazie per renderci partecipi delle tue emozioni! Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a Voi... sempre ben disposti a comprendere i miei non sempre lineari pensieri. Purtroppo, Amica cara... certi stati d'animo da cui essi hanno origine, sono poco chiari anche per me.
      GRAZIE...
      Mary

      Elimina