luglio

luglio
luglio

giovedì 26 aprile 2012

"Ma dico... chi ha detto che qui occorrevano cinque strati di cerotto? Ho messo tanto impegno a far venir fuori questo capezzolo... ed ora?"
L'espressione del "povero" dottore era tra lo sgomento e il divertito, e forse divertita lo sarei stata anch'io se il capezzolo in questione non fosse stato il mio... almeno la soddisfazione di vedere un qualcosa che m'appartenesse riportato alla bellezza delle origini, anzi nel caso specifico ad un tempo ancora anteriore... mai visto!
E così aveva cominciato ad armeggiare con forbicine, garze e disinfettante. Un dolore allucinante! Mi sembrava che stesse usando quella parte come un puntaspilli.
 Pazienza... ancora... stava già passando, e una "puntina " di nero s'era aggiunta a quello che sempre di più sembrava troppo bianco data la circostanza.
"Ecco... guardatevi pure..." Meraviglia e gioia furono tutt'uno quando mi venne fuori un'espressione del tutto estemporanea e di certo poco adatta al tempo e al luogo.
"Ma... ma è bellissimo!"
Certo, era così... il capezzolo  della mia mammella sinistra non era mai stato tanto bello.
All'improvviso com'è al mio solito ho cominciato a sentir spilli negli occhi... mi stavo commuovendo, potevo mai io, lacrima facile... perdere un'occasione simile?! Di scatto ho gettato le braccia al collo dell'assistente... e GRAZIE è stata l'unica cosa che sono riuscita a pronunciare...
Avevo il Cuore gioioso, e tanto tanto bianco sulla mia tavolozza.
" Ricordate... la protesi va manipolata, massaggiata perchè dovrà assestarsi, questo non è il suo aspetto definitivo. Avete portato il reggiseno?" Certo che l'avevo portato e non mi sembrava vero di poter indossare qualcosa di normale, senza trucco senza inganno... imbottiture e push up... qualcosa che fosse "riempito" al naturale. Un reggiseno di tipo contenitivo, senza ferretto nè cuciture, del genere sportivo... avrei dovuto portarlo giorno e notte per il tempo che m'avrebbero detto.
Dopo averlo indossato, mi son data un'occhiata di sfuggita... in quel momento mi bastava, ero così contenta! Mi sembrava di essere tornata indietro negli anni... col seno turgido e liscio.
Dopo la visita sono scesa in giardino... c'era un bel sole, un sole che "sapeva" d'estate. Mi sono seduta su una panchina ad aspettare l'Amore della mia Vita... ho tirato fuori dalla borsa gli occhiali scuri.
Il Sole era più luminoso di come lo ricordassi e per me in quel momento non esisteva che il Bianco.

12 commenti:

  1. Certe sensazioni rimangono nel cuore per sempre....e dopo tanto lottare rivedere finalmente il sole cosi' bello ...e cosi' luminoso ti fa credere che di null'altro abbiamo bisogno.!!!
    Buona giornata piena di gioia autentica!!!!
    Un bacio Anto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary lo sapevo io che ti avrei sentita così contenta e pimpante di vita... Vedi io lunedi vado in vacanza in Turchia e vado molto contento ne sapere che ricominci a sorridere.
      Buon fine settimana cara amica.
      Tomaso

      Elimina
    2. @ Anto: E' vero, Amica mia... si diventa minimalisti, basta che "quel poco" Ti sia dato presto e bene, perchè purtroppo vivi sempre con la sensazione di non fare a tempo...
      Il Sole c'è... e su questo puoi fare sempre conto.
      Un grande abbraccio,
      Mary

      Elimina
    3. @ Tomaso: Ma... Amico mio, davvero è così importante per Te quello che provo? Questo mi è di grande conforto e supporto.
      Ti auguro una buona vacanza e tanti giorni di serenità.
      Mary

      Elimina
  2. Brava Mary...il sole d'ora in poi splenderà più luminoso di prima

    Costy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero tanto, Costy mia... un sole sempre più splendente in un cielo sempre più azzurro.
      Un bacio.
      Mary

      Elimina
  3. leggendo ciò che hai scritto ho capito quanto diamo x scontato la normalità...ogni giorno...ti auguro ogni bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Amica per l'augurio che mi fai.
      A me basta ogni giorno apprezzare questa normalità data da molti per scontata.
      Un abbraccio,
      Mary

      Elimina
  4. Te l'avevo detto Mary che sarebbe stato meglio di prima!!! Bene ed ora dai retta a me: vai dalla parrucchiera e ti fai un taglio fresco, giovane, con una bella frangina sfilata. Passa dall'estetista e fatti fare un trucco leggero e vestiti con il vestito per la festa e...Vai..Vai a festeggiare con il tuo amore!!! Festeggia una seconda giovinezza..Su ragazza fallo! Ciao Mary ben tornata!!!Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara, farò tutto quello che dici... Te lo prometto e lo prometto anche a me stessa, a partire da stasera.
      Sì, da stasera perchè...solo da poche ore mi sento davvero "libera" e in grado di guardare serenamente al domani.
      Continua Galadriel, continua a... leggere e poi saprai darmi ragione.
      Un grande abbraccio,
      Mary

      Elimina
  5. Ciao Mary,sono capitata per caso nel tuo blog,sono stata attratta dalla tavolozza da pittore ma non ho trovato quadri ma molto di più.Mi piace il tuo modo di scrivere,non lasci spazio all'immaginazione perchè rendi tutto vero e autentico,sono contenta che il bianco si è ripreso la scena,un abbraccio, Letizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta, Letizia! Grazie per i complimenti...
      Hai ragione... ciò che scrivo ha i caratteri della realtà perchè è tutto dolorosamente e gioiosamente vero.
      Ho inteso raccontare nonchè condividere la "mia storia" perchè altre persone in situazioni analoghe possano non perdersi, così come sono riuscita anch'io con molta fatica ma senza dubbio con successo.
      Sono contenta di averti tra i miei sostenitori e Ti saluto con un caldo abbraccio di benvenuto.
      Mary

      Elimina