ottobre

ottobre
ottobre

domenica 3 aprile 2011

Dopo il buio torna la luce e con la luce si riprende il cammino sicuri di arrivare.
La notte trascorse, Marcella andò via verso le sette per andare al lavoro ed io ero lì nel letto, ancora a torso nudo sotto il lenzuolo, in compenso però avevo in testa il mio cappellino blu. Passò dalla mia stanza il dottor C. prima di entrare in sala operatoria e mi fece un largo sorriso, "Ma sai che sei proprio buffa?(alternava il voi con il tu passando dal tono professionale a quello confidenziale) Le spalle nude e il cappello in testa! Toglitelo 'sto  berretto!" Ed io parafrasando un noto spot, "No, no dottore! Toglietemi tutto ma non il mio ... cappello." Il dottore andò via ridendo questa volta,e subito dopo entrò Pina, l'infermiera, per aiutarmi ad indossare il pigiama. "Quale prendiamo?" "Sul ripiano dell'armadio c'è uno a rose blu. Prendi quello." Era il mio preferito e tra l'altro s'intonava perfettamente con il cappellino. Il pantalone fu facile da indossare perchè le gambe non avevano impedimenti, ma quando si arrivò alla casacca furono dolori; il braccio destro faceva un male! Avendo subito lo scavamento ascellare non potevo sollevarlo dal lenzuolo più di una spanna, figurarsi infilare la manica. Al momento mi sembrò un'impresa titanica e avrei preferito rimandare la cosa, ma Pina esclamò con autorità, "No, bella! Tu il braccio lo devi muovere e anche in fretta, se non lo fai subito non ci riuscirai più." Come, non ci riuscirai più?!, che voleva dire, non avrei potuto più usarlo normalmente? Il braccio destro, poi... non poteva essere! Non ero mica mancina o ambidestra. Stringendo i denti e con sudore freddo assecondai i suoi movimenti e alla fine anche la casacca fu indossata. Oggi ricordando quell'episodio, solo uno dei tanti che hanno segnato la mia ripresa fisica, lenta ma tutto sommato neanche troppo difficile, mi sembra ancor più bello riuscire a mettere le stoviglie nello scolapiatti e persino lavare i vetri, e tutto nella completa normalità, senza il minimo sforzo, come se niente fosse mai successo.

Nessun commento:

Posta un commento