maggio

maggio
maggio

sabato 23 ottobre 2010

Mi si perdonerà a tratti questo mio saltare di palo in frasca perchè ci sono sensazioni o meglio emozioni che non si possono trattenere per riprodurle col racconto in tempi diversi. Vanno espresse d'impeto sul momento e chi le ascolta o ancor più le legge ne comprende l'autenticità dalla loro immediatezza.
Stamattina mi è capitata una cosa molto banale, ho preso una storta al piede sinistro. Un mucchietto di foglie secche ( pensare che fino all'altro giorno, guardandole,  le reputavo un elemento poetico!! ) nascondeva una piccola trappola nell'asfalto ed io scendendo dal marciapiede ci sono finita con il piede messo di lato. L'essere stata presa alla sprovvista e il dolore molto forte mi hanno tolto il respiro per qualche secondo, poi ho cominciato a vedere anelli bianchi e grigi concentrici sempre più numerosi e mi son sentita venir meno. Ho resistito con tutta la forza possibile e ci sono riuscita perchè, si sa , ora sono ben allenata, però mi sono vista in  piena vulnerabilità con il braccio destro inabilitato e  il piede sinistro che non riusciva a mettere un passo,e poi   con la parrucca in testa mi sono sentita patetica, quasi qualcuno mi dicesse a bruciapelo: " Vuoi fare la forte ma forte non sei, ti appoggi a un palo per non cadere, ti mascheri perchè non hai il coraggio di farti vedere " Ho rimandato indietro le lacrime, anche in questo mi sono allenata, per dignità e poi ho provato un forte senso di solitudine. " Signora... signora,  vi sentite bene? Vi siete fatta male? Ero in macchina e ho visto quello che vi è successo. Volete che vi accompagni? " Una signora, che in quel momento per me  rappresentava un angelo mandato dal cielo, mi ha soccorso, ha visto il mio malessere e mi ha offerto un sorso di latte per farmi riprendere. L'ho ringraziata con una carezza sulla guancia; mi ha sorriso sorpresa, ma ancor più sorpresa ero rimasta io perchè persone così, sempre più rare,quando hai la fortuna di trovarle sul tuo cammino ti rimettono in pace col mondo e ti convincono che in fondo non sei mai del tutto solo.

Nessun commento:

Posta un commento