dicembre

dicembre
dicembre

lunedì 13 febbraio 2017

UN NUOVO EQUILIBRIO


Spero di non sbagliare, credo sia l'apparato endocrino deputato a reagire allo stress, in particolare quello emotivo, questo almeno nell'immediato dal punto di vista fisico. E poi c'è la Mente, per mantenere stabile l'equilibrio, il che non vuol dire solo evitare lo "sfascio" psicologico, ma pure farsi forte per continuare come sempre sia pure in modo diverso.
Una vita nuova che si affianca e procede parallela all'altra, o prosegue sulla falsa riga della precedente.
Per me fu naturale ad un certo punto della nota vicenda farmi delle domande, dare le risposte e di conseguenza cercare i mezzi per le strategie da mettere in atto.
Sostengo e condivido pure con forza, sperando si segua il mio esempio, che la Scrittura mi ha salvato la vita. E ci credo talmente tanto da continuare fino allo sfinimento. Naturalmente, esagero perché sfinita non mi sento mai... scrivo e mi rigenero, e rigenerata continuo a scrivere.
Sette anni fa concepii un'idea, poi coltivata diventò un pensiero fisso, finché un giorno... ad un mese dall'intervento e poco prima della ripresa con la chemio, diedi vita al blog, la mia creatura. Non l'ho mai abbandonato, neanche quando in ospedale ci sono tornata per il secondo intervento, è stato il mio "diario di viaggio verso la rinascita". Il mezzo, la strategia per raggiungere un nuovo equilibrio, quello che tocca a Tutti dopo un'esperienza estrema o di dolore.
Ognuno sa o scopre alla fine come fare.
Stamani, come ogni domenica, ho sentito al telefono il marito della mia Amica storica che non c'è più...
Sto preparando qualcosa da mangiare. 'Sti due giorni ho avuto un gran da fare, la lavatrice, la spesa, mettere a posto un po' la casa, però prima di tutto questo non ho tralasciato di andare al cimitero. Ci vado tutti i giorni, sennò mi pare di fare...'na cosa...
Pausa più lunga.
... mi pare di fare 'na cosa malamente. Siamo stati per cinquant'anni insieme, sempre insieme... se non ci vado ora mi sentirei troppo "da solo".
Già, l'Amico mio l'ha detto, lo fa per se stesso, per colmare il vuoto fisico che prova, certo non perché teme di mancare di rispetto a Sua moglie o rattristarla. Lo sa bene che Lei ora è davvero... oltre. Ovunque sia, oltre ogni possibile credenza. E per Lui comunque la vita continua, "piena" sia pure "diversa".

1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina